20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2010
RUSSIA
L’impegno dei cattolici nella Russia degli incendi
La Caritas locale offre acqua pulizia, cibo telefoni cellulari. In collaborazione con la Caritas tedesca, si affronteranno i bisogni a media scadenza nell’inverno. Intanto Putin fa dimettere il capo della forestale.

Mosca (AsiaNews) – La Chiesa cattolica in Russia scende in campo per aiutare le vittime degli incendi che questa estate hanno messo in ginocchio il Paese. Lo scorso 13 agosto, rappresentanti dell’arcidiocesi della Madre di Dio a Mosca hanno visitato il distretto di Melenkovsky, nella regione di Vladimir (350 km a est di Mosca), una delle zone più colpite dal disastro. I danni maggiori sono stati riportati al villaggio di Yuzhny – 38 case distrutte su 68 – e a quello di Kamenka – 29 case su 38 andate in fumo. La delegazione ha incontrato la popolazione locale, come anche i capi e i funzionari delle amministrazioni locali.
 
Solo in questa zona sono 142 le persone rimaste senza casa (esattamente 69 famiglie), la maggior parte delle quali sono invalidi, persone anziani e bambini. Il governo ha promesso di fornire case nuove entro metà ottobre. Al momento in molti vivono da parenti, mentre 35 persone sono ospitate nell’edificio della scuola locale. Con loro si trovano anche altri 25 persone, rimaste senza casa e arrivate dai villaggi vicini. Durante la visita si è deciso che la Caritas fornirà acqua potabile e lavastoviglie da installare nella scuola. Sono, inoltre, in corso collette per raccogliere cibo, generi di prima necessità anche telefoni cellulari da distribuire agli abitanti che hanno deciso di rimanere nelle loro case.
 
Sul lungo periodo la Caritas dell’arcidiocesi della Madre di Dio, in collaborazione con la Caritas Germania, fornirà abiti invernali, cibo e prodotti sanitari alle categorie più svantaggiate tra le vittime che aspettano la consegna delle nuove case.
 
A coordinare gli aiuti sarà p. Sergey Zuev, parroco cattolico della chiesa di Nostra Madre del Santo Rosario a Vladimir. I parrocchiani sono già impegnati in una colletta cittadina per le famiglie colpite dagli incendi. P. Zuev dichiara di apprezzare la collaborazione delle autorità locali nell’assistenza ai bisognosi. Il suo prossimo obiettivo, spiega, è organizzare aiuti simili anche per le vittime della regione di Ivanovo.
 
Ormai molte emergenze sono state affrontate e completate. Vladimir Putin ha fatto dimettere  Alexei Savinov, capo della forestale, per non aver affrontato con adeguato successo i problemi degli incendi. Suo sostituto è Viktor Maslyakov. Molti critici affermano però che la maggior responsabilità dei disastri è di Puti, che ha fatto varare una legge nel 2006, privando le guardie forestali di importanti poteri per affrontare le emergenze.(NA)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/08/2010 RUSSIA
Ortodossi, cattolici, musulmani pregano per la pioggia. A Mosca si muore per lo smog
di Nina Achmatova
05/08/2010 RUSSIA
Chiesa ortodossa russa in aiuto contro gli incendi. Le responsabilità di Putin
di Nina Achmatova
12/07/2012 RUSSIA
Inondazioni, opposizione organizza aiuti e rilancia proteste
di Nina Achmatova
18/03/2011 RUSSIA – GIAPPONE
Patriarcato di Mosca: al via raccolta di aiuti per gli ortodossi in Giappone
di Nina Achmatova
28/09/2010 RUSSIA
Medvedev licenzia il potente sindaco di Mosca

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate