04/06/2011, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

L’uccisione di mons. Padovese e la nascita della nuova Turchia

di NAT da Polis
A un anno dall’ uccisione del vescovo, Murat Altun, l’assassino, è stato giudicato sano di mente e avrà regolare processo. La mano degli ultra-nazionalisti dietro l’omicidio, per screditare il Primo ministro Erdogan e la futura convivenza fra cristiani e musulmani. Le elezioni politiche del 12 giugno preparano forse un nuovo capitolo per il Paese e la convivenza.
Istanbul (AsiaNews) – La Direzione sanitaria di Istanbul  ha dichiarato sano di mente Murat Altun, assassino di mons. Padovese. Il referto consente di aprire il processo contro Altun e annulla le precedenti analisi che in un primo tempo lo avevano definito incapace di intendere e volere. I medici hanno comunicato la decisione a nove giorni dalle elezioni politiche che determineranno il futuro della Turchia e del Primo ministro Erdogan.  

Fino ad oggi tutti gli omicidi perpetrati ai danni di esponenti delle minoranze religiose sono stati  addebitati a psicopatici musulmani. Fra questi i casi di don Andrea Santoro, ucciso nel 2006 a Trabzon; dei tre cristiani protestanti sgozzati a Malatya nel 2007; del giornalista Hrant Dink, di origine armena, ucciso nel 2007 a Istanbul.

Come è stato spesso affermato dalla stampa, tali omicidi sono in realtà  di natura politica e non legati all’estremismo islamico, che è estraneo alla tradizione turca. Gli assassini appartengono ad elementi ultranazionalisti legati a quello che viene definito “lo Stato profondo”. Esso consiste in un intreccio di strutture statali e parastatali, nate  all’interno dell’ideologia  kemalista, che in nome della nazione turca e della sua integrità, calpestano ogni concetto di libertà e di stato di diritto, non lesinando rapporti con la criminalità organizzata.

L’omicidio di mons. Padovese, avvenuto il 3 giugno 2010 a Iskenderun, rientra all’interno di questo contesto. A differenza di altri casi esso mostra alcune importanti connotazioni.

1- Per la prima volta gli ultranazionalisti hanno colpito una personalità di alto rango della Chiesa cattolica. 2 - Il suo  assassinio è avvenuto all’apice dello scontro tra il vecchio establishment  ed Erdogan, latente fin dal 2002, con le prime elezioni vinte dal leader del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (Akp). Il conflitto fra i due schieramenti culmina nel 2007 con l’elezione di Abdullah Gül, esponente di spicco dell’Akp, alla presidenza della Repubblica turca. Per contrastare Erdogan la Corte costituzionale, legata ai nazionalisti, propone nel 2008 la chiusura dell’Akp, con l’accusa di voler introdurre  uno Stato confessionale islamico. Erdogan  risponde alle accuse rivelando il complotto contro il governo organizzato da Ergenekon, organizzazione clandestina ultranazionalistica legata all’esercito, che aveva pianificato anche l’assassinio del patriarca ecumenico Bartolomeo I e di altre personalità.  

3- Alla situazione politica si aggiunge lo straordinario e importante lavoro di mons. Padovese, che aveva iniziato a intraprendere un approccio di dialogo con l’islam in contesto di reciproco rispetto, superando i dubbi di parte del mondo cattolico e i pregiudizi di natura ultra-nazionalistica.  

Ciò ha provocato forti timori fra le frange dello “Stato profondo”. I nazionalisti hanno colpito proprio alla vigilia del sinodo per il Medio oriente di Cipro presieduto dal papa Benedetto XVI, per screditare il mondo islamico  e i suoi rappresentanti attualmente al potere: Erdogan e il suo partito Akp . In caso di vittoria alle elezioni del 12 giugno, toccherà proprio al Primo ministro turco dare una risposta attraverso le riforme democratiche dimostrando che il sogno di mons. Padovese per una comune pacifica coesistenza tra cristianesimo ed il modo musulmano è possibile in Turchia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Chiesa turca ricorda mons. Padovese a un anno dal suo assassinio
03/06/2011
Mons. Franceschini: La Chiesa turca “non può intervenire” contro le falsità su mons. Padovese
02/12/2010
Papa riceve Erdogan: Gerusalemme, ma anche profughi, diritti umani e condizione dei cattolici
05/02/2018 13:48
Turchia, arrestata la “mente” del massacro dei cristiani a Malatya
18/03/2011
P. Antuan, primo gesuita turco, prima messa in ricordo di mons. Padovese e p. Andrea Santoro
03/07/2010