31 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/09/2012
IRAN
L'Aiea vota una risoluzione contro il programma nucleare di Teheran
La decisione dell'Agenzia Onu per il nucleare potrebbe far scattare nuove sanzioni per il regime. Solo Cuba ha votato no alla risoluzione. Israele continua a premere per un attacco militare preventivo.

Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), vota una risoluzione di condanna contro Teheran che rifiuta di sospendere l'arricchimento dell'uranio. Proposta da Stati uniti, Cina, Russia, Germania, Francia e Regno Unito, la manovra potrebbe indurre la comunità internazionale a nuove sanzioni economiche contro la Repubblica islamica. Su 35 membri dell'Aiea, 31 hanno votato a favore della risoluzione, solo Cuba si è opposta. Egitto, Equador e Tunisia, si sono invece astenuti. Insieme all'Iran essi fanno parte del Movimento dei Paesi non allineati. 

La mossa dell'Aiea giunge dopo che Teheran ha aumentato il numero di centrifughe della centrale di Fordo, vicino a Qom nel nord del Paese. Fino a maggio l'impianto disponeva di 1000 centrifughe ora sono 2mila. Tale comportamento ha aumentato ancora di più le tensioni fra Iran e comunità internazionale riguardo alla capacità di produrre  armi nucleari. Da mesi Israele minaccia un attacco militare preventivo contro le centrali iraniane. Stati Uniti e Unione europea hanno già imposto nei mesi scorsi sanzioni addizionali contro il regime degli Ayatollah. La scorsa settimana Catherine Ashton, ministro degli Esteri dell'Ue non ha escluso l'utilizzo di ulteriori misure contro l'Iran. 

Dal gennaio scorso l'Aiea organizza incontri con le autorità di Teheran per trovare un accordo sulla produzione di energia atomica e poter ispezionare le centrali. Nonostante gli sforzi, Yukiya Amano, direttore generale dell'Agenzia Onu sottolinea che in otto mesi non vi sono stati progressi. "Tutto ciò - afferma - è molto frustrante".   

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/08/2012 IRAN – ONU
Aiea: Teheran ha raddoppiato la capacità del sito nucleare di Fordo
24/10/2009 IRAN
Aiea, Teheran temporeggia: risposta sul nucleare rimandata alla settimana prossima
21/11/2005 Iran
Iran, Parlamento chiede al governo di non cedere alle pressioni sull'uranio
06/03/2006 Iran - Nazioni Unite
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
19/04/2006 IRAN
Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate