3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/09/2012
IRAN
L'Aiea vota una risoluzione contro il programma nucleare di Teheran
La decisione dell'Agenzia Onu per il nucleare potrebbe far scattare nuove sanzioni per il regime. Solo Cuba ha votato no alla risoluzione. Israele continua a premere per un attacco militare preventivo.

Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), vota una risoluzione di condanna contro Teheran che rifiuta di sospendere l'arricchimento dell'uranio. Proposta da Stati uniti, Cina, Russia, Germania, Francia e Regno Unito, la manovra potrebbe indurre la comunità internazionale a nuove sanzioni economiche contro la Repubblica islamica. Su 35 membri dell'Aiea, 31 hanno votato a favore della risoluzione, solo Cuba si è opposta. Egitto, Equador e Tunisia, si sono invece astenuti. Insieme all'Iran essi fanno parte del Movimento dei Paesi non allineati. 

La mossa dell'Aiea giunge dopo che Teheran ha aumentato il numero di centrifughe della centrale di Fordo, vicino a Qom nel nord del Paese. Fino a maggio l'impianto disponeva di 1000 centrifughe ora sono 2mila. Tale comportamento ha aumentato ancora di più le tensioni fra Iran e comunità internazionale riguardo alla capacità di produrre  armi nucleari. Da mesi Israele minaccia un attacco militare preventivo contro le centrali iraniane. Stati Uniti e Unione europea hanno già imposto nei mesi scorsi sanzioni addizionali contro il regime degli Ayatollah. La scorsa settimana Catherine Ashton, ministro degli Esteri dell'Ue non ha escluso l'utilizzo di ulteriori misure contro l'Iran. 

Dal gennaio scorso l'Aiea organizza incontri con le autorità di Teheran per trovare un accordo sulla produzione di energia atomica e poter ispezionare le centrali. Nonostante gli sforzi, Yukiya Amano, direttore generale dell'Agenzia Onu sottolinea che in otto mesi non vi sono stati progressi. "Tutto ciò - afferma - è molto frustrante".   

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/08/2012 IRAN – ONU
Aiea: Teheran ha raddoppiato la capacità del sito nucleare di Fordo
24/10/2009 IRAN
Aiea, Teheran temporeggia: risposta sul nucleare rimandata alla settimana prossima
21/11/2005 Iran
Iran, Parlamento chiede al governo di non cedere alle pressioni sull'uranio
06/03/2006 Iran - Nazioni Unite
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
19/04/2006 IRAN
Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate