30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/09/2012, 00.00

    IRAN

    L'Aiea vota una risoluzione contro il programma nucleare di Teheran



    La decisione dell'Agenzia Onu per il nucleare potrebbe far scattare nuove sanzioni per il regime. Solo Cuba ha votato no alla risoluzione. Israele continua a premere per un attacco militare preventivo.

    Teheran (AsiaNews/ Agenzie) - L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), vota una risoluzione di condanna contro Teheran che rifiuta di sospendere l'arricchimento dell'uranio. Proposta da Stati uniti, Cina, Russia, Germania, Francia e Regno Unito, la manovra potrebbe indurre la comunità internazionale a nuove sanzioni economiche contro la Repubblica islamica. Su 35 membri dell'Aiea, 31 hanno votato a favore della risoluzione, solo Cuba si è opposta. Egitto, Equador e Tunisia, si sono invece astenuti. Insieme all'Iran essi fanno parte del Movimento dei Paesi non allineati. 

    La mossa dell'Aiea giunge dopo che Teheran ha aumentato il numero di centrifughe della centrale di Fordo, vicino a Qom nel nord del Paese. Fino a maggio l'impianto disponeva di 1000 centrifughe ora sono 2mila. Tale comportamento ha aumentato ancora di più le tensioni fra Iran e comunità internazionale riguardo alla capacità di produrre  armi nucleari. Da mesi Israele minaccia un attacco militare preventivo contro le centrali iraniane. Stati Uniti e Unione europea hanno già imposto nei mesi scorsi sanzioni addizionali contro il regime degli Ayatollah. La scorsa settimana Catherine Ashton, ministro degli Esteri dell'Ue non ha escluso l'utilizzo di ulteriori misure contro l'Iran. 

    Dal gennaio scorso l'Aiea organizza incontri con le autorità di Teheran per trovare un accordo sulla produzione di energia atomica e poter ispezionare le centrali. Nonostante gli sforzi, Yukiya Amano, direttore generale dell'Agenzia Onu sottolinea che in otto mesi non vi sono stati progressi. "Tutto ciò - afferma - è molto frustrante".   

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2012 IRAN – ONU
    Aiea: Teheran ha raddoppiato la capacità del sito nucleare di Fordo
    Il numero delle centrifughe per l’arricchimento dell’uranio passa a 2mila rispetto alle 1000 di maggio. È quanto emerge dall’ultimo rapporto elaborato dagli esperti Onu. Teheran avrebbe anche “rallentato in modo significativo” le verifiche alla centrale di Parchin, sospettata di attività militari.

    21/09/2015 IRAN - ONU
    Nucleare iraniano: Il capo dell’Aiea visita il controverso sito di Parchin
    Yukiya Amano ha varcato ieri i cancelli del sito militare, sospettato in passato di ospitare esperimenti volti alla produzione della bomba atomica. Una vista svolta nel contesto degli sforzi in atto per dirimere “ambiguità” relative al “carattere militare” del programma nucleare di Teheran. Per il presidente Rouhani il popolo è favorevole all’accordo.

    24/10/2009 IRAN
    Aiea, Teheran temporeggia: risposta sul nucleare rimandata alla settimana prossima
    Il governo iraniano valuta in modo “favorevole” la proposta dell’Aiea – approvata da Stati Uniti, Russia e Francia – ma chiede “altro tempo”. Per ElBaradei un accordo porterà una “nuova era di cooperazione”. Lo slittamento dovuto o a contrasti interni alla leadership iraniana o è il tentativo di continuare in segreto il programma nucleare.

    21/11/2005 Iran
    Iran, Parlamento chiede al governo di non cedere alle pressioni sull'uranio

    Un'ordinanza, a breve legge, chiede a Tehran di non permettere più le "invasive" ispezioni dell'Agenzia nucleare delle Nazioni Unite.



    06/03/2006 Iran - Nazioni Unite
    Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica

    Si avvicina lo spettro del deferimento al Consiglio di Sicurezza Onu. Migliaia di manifestanti a Teheran affermano il diritto ad una tecnologia nucleare pacifica. Stati Uniti e Israele: "Se continua così, il regime va incontro a serie conseguenze. Siamo pronti ad intraprendere tutte le misure necessarie per impedire l'atomica iraniana".





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®