21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2006, 00.00

    CINA – HONG KONG

    L'Alta Corte di Pechino rigetta l'appello Cheong: confermati 5 anni di carcere



    Familiari e colleghi del giornalista - condannato senza prove per spionaggio a favore di Taiwan - accusano l'ingiusto sistema legale cinese, che non ha neppure preso in considerazione l'appello.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – L'Alta Corte di Pechino ha rigettato oggi l'appello presentato da Ching Cheong, giornalista di Hong Kong condannato senza prove a 5 anni di carcere per "spionaggio a favore di Taiwan". I suoi familiari ed il gruppo di sostegno che seguiva il suo caso dal Territorio hanno definito la sentenza "sconvolgente".

    Secondo i giudici della capitale, i 5 anni di carcere per Ching – capo corrispondente per la Cina dello Straits Times, quotidiano di Singapore – sono "una punizione appropriata" comminata "dopo un'accurata applicazione della legge". Uno dei membri della Corte ha aggiunto che "è stato garantito il pieno diritto di appello per il giornalista".

    I familiari di Ching, presenti all'udienza, si sono detti "sconvolti" ed hanno espresso "rabbia nei confronti del sistema legale cinese". Ching Hai, fratello maggiore del condannato, dice: "Siamo molto tristi per questo verdetto, ma anche molto arrabbiati: i giudici hanno confermato quello che era già stato fatto da una corte inferiore, senza considerare i nostri argomenti. Credo che sia molto ingiusto".

    Da Hong Kong, colleghi e sostenitori di Ching accusano l'Alta Corte di "aver ignorato la difesa presentata" e sottolineano che questo verdetto "provoca molti seri dubbi sulla giustizia del sistema cinese".

    Ching, 56 anni, è agli arresti dall'aprile del 2005. Il 31 agosto scorso i giudici di una corte inferiore cinese lo hanno condannato a 5 anni di galera: il giornalista avrebbe confessato di aver venduto informazioni militari a Taiwan e di aver messo in piedi una rete di spionaggio per "vendere segreti di Stato" a potenze straniere.

    Per gli avvocati del giornalista, la condanna "è sbagliata, perché emessa senza prove", mentre Taipei ha più volte definito l'accusa infondata ed ha dato garanzie inequivocabili sull'innocenza del cronista.

    In Cina la maggioranza delle informazioni sulla vita della nazione sono considerate "segreto di Stato" e la loro rivelazione attraverso i media viene bollato come "un attentato alla sicurezza" dello stesso. Attualmente nel Paese almeno 42 giornalisti sono detenuti per questo.

    Personalità della dissidenza hanno rivelato ad AsiaNews che le vere ragioni dell'arresto di Ching Cheong sono da legare alla sua ricerca su Zhao Ziyang, segretario del Partito ai tempi delle rivolte pro-democrazia, e sul massacro di Tiananmen nell'89. Il governo continua a giustificare il massacro come un "male minore" che ha garantito stabilità e ordine al Paese, portandolo al successo economico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/02/2008 HONG KONG - CINA
    Liberato Ching Cheong, giornalista condannato senza prove
    Il cronista, che lavorava per lo Straits Times, era stato condannato a 5 anni di galera per “spionaggio a favore di Taiwan”. Questa mattina, dopo aver scontato metà della pena, è stato rilasciato su cauzione.

    23/11/2006 CINA
    Pechino: domani il verdetto finale per Ching Cheong, giornalista arrestato senza prove

    L'Alta Corte della capitale pronuncerà domani, a porte chiuse, la decisione sull'appello presentato dal giornalista, condannato a 5 anni di carcere per spionaggio. La moglie è preoccupata per la salute del reporter.



    04/09/2006 HONG KONG - CINA
    La moglie del giornalista di Hong Kong prigioniero in Cina combatterà per l'appello

     Mary Lau, moglie di Ching Cheong, chiede cure mediche per il marito anche in carcere: ha seri problemi cardiaci.Il giornalista, condannato a cinque anni di carcere dopo un processo senza prove, passerà il suo tempo a studiare.



    28/10/2006 CINA
    Pechino nega l'appello a Ching Cheong, giornalista condannato senza prove

    Secondo un esperto di diritto cinese, dopo questa decisione non vi è alcuna possibilità che Ching venga rilasciato. Sottili speranze per una riduzione di pena.



    31/08/2006 HONG KONG – CINA
    Cina: 5 anni di carcere per Ching Cheong "colpevole di spionaggio"

    Per i giudici, il cronista ha venduto segreti militari a Taiwan ed ha creato una rete di spie per attentare allo Stato. Al momento dell'arresto lavorava invece ad un articolo sul massacro di piazza Tiananmen.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®