26 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/10/2006
INDONESIA
L'Indonesia ricorda la strage di Bali 2002

Nel giorno del 4° anniversario delle bombe, 12 km di stoffa bianca sono stati srotolati sull'isola in segno di pace. Si prega nei templi indù.



Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – L'Indonesia ricorda oggi il quarto anniversario delle due bombe che il 12 ottobre 2002 uccisero 202 persone a Bali. Come segno di pace sull'isola sono stati dispiegati 12 km di stoffa bianca. Nelle esplosioni di 4 anni fa persero la vita soprattutto turisti, di cui 88 australiani. La rivendicazione degli attentati è arrivata dalla Jemaah Islamiah (JI), la rete terroristica legata ad al Qaeda ed attiva nel sud-est asiatico. La stessa JI è responsabile del secondo attacco all'isoala verificatosi l'anno scorso: tre bombe nei pressi di rinomate zone balneari hanno fatto 20 morti.

A mezzanotte di ieri i cittadini di Bali hanno iniziato a stendere la stoffa fuori da uno dei caffè colpiti nel 2005 sulla spiaggia di Jimbaran. Il cordone si srotola lungo la strada che conduce davanti all'aeroporto internazionale e arriva al memoriale delle vittime nel distretto di Kuta. Save Dagun, uno degli organizzatori delle celebrazioni di oggi, spiega che la stoffa bianca sta a significare "la nostra volontà di dimenticare il passato, ma allo stesso tempo ricordare le tragedie che ci hanno colpito". Sull'isola, a maggioranza indù, sono previste anche diverse funzioni e preghiere all'interno dei templi.

Per la strage del 2002 la Giustizia indonesiana ha condannato a morte Amrozi, Ali Gufron e Imam Samudra, ritenuti i principali responsabili. I tre dovevano essere giustiziati il 22 agosto scorso, ma una loro richiesta di appello all'ultimo momento ha costretto a sospendere temporaneamente l'esecuzione.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
03/05/2006 INDONESIA
Rinvenuta una bomba simile a quella dell'attentato di Bali 2005
di Benteng Reges
12/10/2007 INDONESIA
Bali ricorda le bombe e le vittime del 2002
07/03/2006 INDONESIA
Indonesia, catturati due sospetti terroristi legati alle bombe di Bali
02/05/2006 INDONESIA
Indonesia, condanne e arresti di terroristi islamici
23/11/2007 INDONESIA
La corruzione nelle carceri vanifica la lotta al terrorismo islamico
di Mathias Hariyadi

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate