Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/10/2006, 00.00

    INDONESIA

    L'Indonesia ricorda la strage di Bali 2002



    Nel giorno del 4° anniversario delle bombe, 12 km di stoffa bianca sono stati srotolati sull'isola in segno di pace. Si prega nei templi indù.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – L'Indonesia ricorda oggi il quarto anniversario delle due bombe che il 12 ottobre 2002 uccisero 202 persone a Bali. Come segno di pace sull'isola sono stati dispiegati 12 km di stoffa bianca. Nelle esplosioni di 4 anni fa persero la vita soprattutto turisti, di cui 88 australiani. La rivendicazione degli attentati è arrivata dalla Jemaah Islamiah (JI), la rete terroristica legata ad al Qaeda ed attiva nel sud-est asiatico. La stessa JI è responsabile del secondo attacco all'isoala verificatosi l'anno scorso: tre bombe nei pressi di rinomate zone balneari hanno fatto 20 morti.

    A mezzanotte di ieri i cittadini di Bali hanno iniziato a stendere la stoffa fuori da uno dei caffè colpiti nel 2005 sulla spiaggia di Jimbaran. Il cordone si srotola lungo la strada che conduce davanti all'aeroporto internazionale e arriva al memoriale delle vittime nel distretto di Kuta. Save Dagun, uno degli organizzatori delle celebrazioni di oggi, spiega che la stoffa bianca sta a significare "la nostra volontà di dimenticare il passato, ma allo stesso tempo ricordare le tragedie che ci hanno colpito". Sull'isola, a maggioranza indù, sono previste anche diverse funzioni e preghiere all'interno dei templi.

    Per la strage del 2002 la Giustizia indonesiana ha condannato a morte Amrozi, Ali Gufron e Imam Samudra, ritenuti i principali responsabili. I tre dovevano essere giustiziati il 22 agosto scorso, ma una loro richiesta di appello all'ultimo momento ha costretto a sospendere temporaneamente l'esecuzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2006 INDONESIA
    Rinvenuta una bomba simile a quella dell'attentato di Bali 2005

    L'ordigno trovato durante un raid della polizia nella casa di un militante islamico. Si indaga su possibili kamikaze già reclutati e nuovi grandi attentati.



    12/10/2007 INDONESIA
    Bali ricorda le bombe e le vittime del 2002
    Nel quinto anniversario delle esplosioni sulla spiaggia di Kuta, i sopravvissuti e i parenti delle 202 vittime si riuniscono sulla famosa isola indonesiana per pregare e ricordare la strage. Si attende a giorni la data dell’esecuzione capitale dei tre terroristi, principali responsabili di quei fatti.

    07/03/2006 INDONESIA
    Indonesia, catturati due sospetti terroristi legati alle bombe di Bali
    Ahmad Arif Hermansyah e di Ahmad Basir, catturati a East Java lo scorso fine settimana, sono sotto interrogatorio per il loro ruolo negli attentati di Bali e all'ambasciata australiana.

    02/05/2006 INDONESIA
    Indonesia, condanne e arresti di terroristi islamici

    Tre militanti sono stati condannati ad anni di detenzione; catturati altri due stretti collaboratori del super ricercato Noordin M Top, sfuggito sabato scorso, ad un raid della polizia a Java centrale.



    23/11/2007 INDONESIA
    La corruzione nelle carceri vanifica la lotta al terrorismo islamico
    Secondo un rapporto dell’International Crisis Group, la dilagante corruzione tra il personale delle prigioni indonesiane permette ai militanti islamici della JI di continuare a fare proseliti e gestire i loro traffici anche da dietro le sbarre. Appello al governo per un’ampia riforma del sistema carcerario.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®