21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/10/2006, 00.00

    INDONESIA

    L'Indonesia ricorda la strage di Bali 2002



    Nel giorno del 4° anniversario delle bombe, 12 km di stoffa bianca sono stati srotolati sull'isola in segno di pace. Si prega nei templi indù.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – L'Indonesia ricorda oggi il quarto anniversario delle due bombe che il 12 ottobre 2002 uccisero 202 persone a Bali. Come segno di pace sull'isola sono stati dispiegati 12 km di stoffa bianca. Nelle esplosioni di 4 anni fa persero la vita soprattutto turisti, di cui 88 australiani. La rivendicazione degli attentati è arrivata dalla Jemaah Islamiah (JI), la rete terroristica legata ad al Qaeda ed attiva nel sud-est asiatico. La stessa JI è responsabile del secondo attacco all'isoala verificatosi l'anno scorso: tre bombe nei pressi di rinomate zone balneari hanno fatto 20 morti.

    A mezzanotte di ieri i cittadini di Bali hanno iniziato a stendere la stoffa fuori da uno dei caffè colpiti nel 2005 sulla spiaggia di Jimbaran. Il cordone si srotola lungo la strada che conduce davanti all'aeroporto internazionale e arriva al memoriale delle vittime nel distretto di Kuta. Save Dagun, uno degli organizzatori delle celebrazioni di oggi, spiega che la stoffa bianca sta a significare "la nostra volontà di dimenticare il passato, ma allo stesso tempo ricordare le tragedie che ci hanno colpito". Sull'isola, a maggioranza indù, sono previste anche diverse funzioni e preghiere all'interno dei templi.

    Per la strage del 2002 la Giustizia indonesiana ha condannato a morte Amrozi, Ali Gufron e Imam Samudra, ritenuti i principali responsabili. I tre dovevano essere giustiziati il 22 agosto scorso, ma una loro richiesta di appello all'ultimo momento ha costretto a sospendere temporaneamente l'esecuzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/05/2006 INDONESIA
    Rinvenuta una bomba simile a quella dell'attentato di Bali 2005

    L'ordigno trovato durante un raid della polizia nella casa di un militante islamico. Si indaga su possibili kamikaze già reclutati e nuovi grandi attentati.



    12/10/2007 INDONESIA
    Bali ricorda le bombe e le vittime del 2002
    Nel quinto anniversario delle esplosioni sulla spiaggia di Kuta, i sopravvissuti e i parenti delle 202 vittime si riuniscono sulla famosa isola indonesiana per pregare e ricordare la strage. Si attende a giorni la data dell’esecuzione capitale dei tre terroristi, principali responsabili di quei fatti.

    07/03/2006 INDONESIA
    Indonesia, catturati due sospetti terroristi legati alle bombe di Bali
    Ahmad Arif Hermansyah e di Ahmad Basir, catturati a East Java lo scorso fine settimana, sono sotto interrogatorio per il loro ruolo negli attentati di Bali e all'ambasciata australiana.

    02/05/2006 INDONESIA
    Indonesia, condanne e arresti di terroristi islamici

    Tre militanti sono stati condannati ad anni di detenzione; catturati altri due stretti collaboratori del super ricercato Noordin M Top, sfuggito sabato scorso, ad un raid della polizia a Java centrale.



    05/08/2016 08:45:00 INDONESIA
    Jakarta, confermata la condanna per Abu Bakar Bashir: finanziava i jihadisti

    Il leader islamico, 77 anni, ha perso il ricorso all’appello e rimarrà 15 anni in carcere. È un membro chiave del gruppo Jemaah Islamiah, responsabile degli attacchi di Bali del 2002. A gennaio centinaia di manifestanti avevano chiesto la sua liberazione.

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®