27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/12/2005, 00.00

    Corea del Nord – Nazioni Unite

    L'Onu interrompe il programma di sostegno alimentare ai nordcoreani



    In agosto Pyongyang aveva detto di non volere più alcun aiuto in campo alimentare. L'aiuto internazionale si dirige verso progetti locali di sviluppo.

    Pyongyang (Asianews/Agenzie) – Il programma alimentare mondiale (World Food Programme, Wfp) ha smesso di sostenere con aiuti alimentari la Corea del Nord. Sotto richiesta del governo di Pyongyang, il Wfp avvierà nel territorio nordcoreano dei programmi locali di sviluppo.

    Richard Regan, direttore del Wfp in Corea del Nord, dice che l'agenzia Onu ha chiuso 19 delle proprie industrie alimentari - di conservazione e distribuzione - operanti nel paese e i 5 uffici ad esse subordinati.

    "Abbiamo chiuso i nostri programmi. Dalla fine di dicembre non sfameremo più nessuno… Attualmente diamo da mangiare a circa 600.000 persone; in passato abbiamo distribuito cibo per 6,5 milioni di persone" ha detto Regan.

    Il Wfp lotta contro la mancanza di cibo in Corea del Nord fin dalla metà degli anni novanta, quando per una serie di alluvioni e carestie, morirono di fame due milioni di abitanti.

    La fine del programma alimentare è stato voluto dal governo di  Pyongyang: dal prossimo gennaio la pubblica sicurezza nordcoreana sorveglierà i gruppi che realizzano programmi alimentari nel suo territorio. L'ultimatum di Pyongyang  non si cura dell'inedia che colpisce la popolazione, argomento che invece preoccupa la comunità internazionale.

    Il regime nordcoreano ha dichiarato che la conclusione agli aiuti di tipo alimentare avviene grazie a un "netto miglioramento" della situazione agricola ed alimentare del Paese.

    I rappresentanti del Wfp sostengono invece che in Corea del Nord vi sia ancora carenza di cibo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/09/2005 onu - corea del nord
    L'Onu chiude i progetti alimentari "come richiesto" da Pyongyang


    19/09/2005 COREA DEL NORD
    Pyongyang ordina: "Basta aiuti, fuori dal Paese gli operatori umanitari"

    Entro la fine dell'anno il regime stalinista ordina la cacciata di Ong e Fao dal Paese . Gli aiuti internazionali dovranno arrivare ad organizzazioni nazionali e divenire non cibo ma piani di sviluppo interno.



    19/09/2005 ONU - COREA DEL NORD
    Le Nazioni Unite chiudono le industrie alimentari in Nord Corea "come richiesto"


    19/09/2005 ONU - COREA DEL NORD
    Le Nazioni Unite chiudono le industrie alimentari in Nord Corea "come richiesto"


    05/08/2008 COREA DEL NORD
    La Corea del Nord sommersa dalle alluvioni, si aggrava la crisi alimentare
    Le piogge dello scorso fine settimana hanno allagato intere aree nelle province di Kangwon e del Sud Hwanghae. Milioni di persone nel Paese rischiano di restare senza cibo. Per il 2008 500mila tonnellate di derrate almentari dagli Usa per far fronte all’emergenza.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®