6 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2012
SIRIA - ONU
L'Onu nomina il successore di Kofi Annan in Siria
Lakhdar Brahimi, diplomatico algerino, sarà il nuovo inviato per Onu e Lega Araba. Egli ha servito come inviato speciale in diverse aree di guerra del mondo. La sua nomina sarà ufficializzata all'inizio della prossima settimana.

New York (AsiaNews/ Agenzie) - Il diplomatico algerino Lakhdar Brahimi, succederà a Kofi Annan nella carica di inviato speciale per Onu e Lega arabaper il processo di pace in Siria. La notizia non è ancora confermata, ma secondo fonti diplomatiche la nomina di Brahimi sarà ufficializzata nei prossimi giorni, il cambio con Annan si terrà alla fine di agosto. L'ex segretario generale dell'Onu ha annunciato le dimissioni il 3 agosto scorso. Egli ha accusato di profonde divisioni interne il Consiglio di sicurezza Onu e ha sottolineato una crescente militarizzazione del conflitto.

Il compito di Brahimi sarà quello di ritentare la strada diplomatica per porre fine alla guerra in Siria e portare al tavolo dei negoziati regime e ribelli del Free Syrian Army, che però non hanno intenzione di trattare fra loro. Dopo due settimane di assedio, le forze di Assad hanno espugnato ieri il quartiere di Salah al-Din, uno dei punti strategici di Aleppo. Oggi i ribelli dell'Fsa hanno confermato il ritiro delle loro armate dalla zona.

Brahimi, 78 anni,  è stato l'inviato speciale delle Nazioni Unite in diverse zone calde del pianeta e ha servito come mediatore in molti conflitti. Egli era ministro degli Affari Esteri durante la guerra civile algerina (1991 al 1993), ha rappresentato le Nazioni Unite in Afghanistan  dal 1997-1999 e dal 2001 al 2004, e in Iraq dopo l'invasione del 2003. Ritiratosi nel 2005, nel 2009 gli viene proposto di guidare un gruppo di esperti indipendenti incaricati di condurre programmi di formazione per il personale Onu nel mondo. Brahimi fa parte degli "Elders" (anziani), gruppo formato da diplomatici, leader politici e religiosi che si riuniscono periodicamente per analizzare e cercare mediazioni nei Paesi e nelle aree colpite da conflitti. Fanno parte del gruppo Jimmy Carter, ex presidente statunitense, l'arcivescovo Desmond Tutu e Martti Ahtisaari ex presidente finlandese e premio Nobel per la Pace. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/04/2013 SIRIA
A Damasco il pane è un bene di lusso, nel nord si sopravvive mangiando erba
14/03/2012 SIRIA - ONU
Assad risponde a Kofi Annan e fissa le elezioni in maggio
29/05/2013 SIRIA - UE
La minaccia islamista divide l'Ue, centinaia di europei aderiscono al jihad contro Assad
24/05/2012 SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: forze straniere non vogliono la pace in Siria
12/04/2012 SIRIA
Siria, sembra tenere il cessate il fuoco fra regime e ribelli

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate