28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2012
SIRIA - ONU
L'Onu nomina il successore di Kofi Annan in Siria
Lakhdar Brahimi, diplomatico algerino, sarà il nuovo inviato per Onu e Lega Araba. Egli ha servito come inviato speciale in diverse aree di guerra del mondo. La sua nomina sarà ufficializzata all'inizio della prossima settimana.

New York (AsiaNews/ Agenzie) - Il diplomatico algerino Lakhdar Brahimi, succederà a Kofi Annan nella carica di inviato speciale per Onu e Lega arabaper il processo di pace in Siria. La notizia non è ancora confermata, ma secondo fonti diplomatiche la nomina di Brahimi sarà ufficializzata nei prossimi giorni, il cambio con Annan si terrà alla fine di agosto. L'ex segretario generale dell'Onu ha annunciato le dimissioni il 3 agosto scorso. Egli ha accusato di profonde divisioni interne il Consiglio di sicurezza Onu e ha sottolineato una crescente militarizzazione del conflitto.

Il compito di Brahimi sarà quello di ritentare la strada diplomatica per porre fine alla guerra in Siria e portare al tavolo dei negoziati regime e ribelli del Free Syrian Army, che però non hanno intenzione di trattare fra loro. Dopo due settimane di assedio, le forze di Assad hanno espugnato ieri il quartiere di Salah al-Din, uno dei punti strategici di Aleppo. Oggi i ribelli dell'Fsa hanno confermato il ritiro delle loro armate dalla zona.

Brahimi, 78 anni,  è stato l'inviato speciale delle Nazioni Unite in diverse zone calde del pianeta e ha servito come mediatore in molti conflitti. Egli era ministro degli Affari Esteri durante la guerra civile algerina (1991 al 1993), ha rappresentato le Nazioni Unite in Afghanistan  dal 1997-1999 e dal 2001 al 2004, e in Iraq dopo l'invasione del 2003. Ritiratosi nel 2005, nel 2009 gli viene proposto di guidare un gruppo di esperti indipendenti incaricati di condurre programmi di formazione per il personale Onu nel mondo. Brahimi fa parte degli "Elders" (anziani), gruppo formato da diplomatici, leader politici e religiosi che si riuniscono periodicamente per analizzare e cercare mediazioni nei Paesi e nelle aree colpite da conflitti. Fanno parte del gruppo Jimmy Carter, ex presidente statunitense, l'arcivescovo Desmond Tutu e Martti Ahtisaari ex presidente finlandese e premio Nobel per la Pace. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/04/2013 SIRIA
A Damasco il pane è un bene di lusso, nel nord si sopravvive mangiando erba
14/03/2012 SIRIA - ONU
Assad risponde a Kofi Annan e fissa le elezioni in maggio
29/05/2013 SIRIA - UE
La minaccia islamista divide l'Ue, centinaia di europei aderiscono al jihad contro Assad
24/05/2012 SIRIA
Vicario apostolico di Aleppo: forze straniere non vogliono la pace in Siria
12/04/2012 SIRIA
Siria, sembra tenere il cessate il fuoco fra regime e ribelli

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate