19/12/2012, 00.00
ASIA
Invia ad un amico

L'84% del mondo segue una qualche religione. I cristiani sono il 32%

Lo studio del Pew Center mostra che i cristiani sono maggioranza in 157 Paesi; i musulmani in 49; gli indù in tre. Il 62% delle persone "senza religione" vive in Cina, ma fra loro vi è il 7% che crede in Dio o in qualche potenza superiore. I cattolici sono il 50% di tutti i cristiani.

Washington (AsiaNews) - Più dell'80% della popolazione del mondo appartiene a una religione organizzata; il resto non appartiene a nessuna religione, sebbene fra loro vi sono ampie percentuali di credenti in Dio o in qualche potenza spirituale. Sono alcuni dei dati offerti da uno studio demografico pubblicato dal Pew Research Center's Forum on Religion & Public Life, dal titolo The Global Religious Landscape (Pew Forum) .

Lo studio, che si basa su dati del 2010 e su 2500 censimenti, mostra che su una popolazione mondiale di 6,9 miliardi, i cristiani sono il 32%; i musulmani il 23%; gli indù il 15%; i buddisti il 7%; gli ebrei lo 0,2%.

Il resto, che non appartiene a nessuna religione, abbraccia atei, agnostici, ma anche persone con credo spirituali, senza legami con le religioni organizzate.

Nel miliardo e passa di persone senza alcuna religione nel mondo,  il 62% di essi vive in Cina (circa 700 milioni, quasi metà della popolazione dello Stato); viene poi il Giappone con 72 milioni (il 57% della popolazione nazionale); quindi vengono gli Usa con 51 milioni (il 16,4% del Paese). Fra essi, credono però in Dio o in una potenza superiore il 7% dei cinesi "senza religione"; il 30% dei francesi senza religione; il 68% degli statunitensi senza religione.

Nel cristianesimo - che con 2,2 miliardi è la religione più diffusa -  i cattolici sono il gruppo più folto (il 50% dei cristiani); i protestanti (tutte le denominazioni) sono il 37%; gli ortodossi il 12%.

I musulmani - con 1,6 miliardi - sono sunniti all'87-90%; il 10-13% sono sciiti.

Un dato interessante è l'età media dei fedeli, che permette previsioni sulla crescita dei diversi gruppi religiosi. L'età media più giovane è quella dei musulmani (23 anni); seguono gli indù (26); i cristiani (30). La religione con età media più vecchia è quella ebraica (36). L'età media mondiale è di 28 anni.

I cristiani sono la maggioranza in 157 nazioni; i musulmani in 49, compresi 19 dei 20 Stati del Medio oriente e del Nord Africa. Gli indù sono la maggioranza solo in tre Paesi: India, Nepal, Mauritius.

I Paesi con la più alta concentrazione di popolazione cristiana sono: Stati Uniti, Brasile, Messico, Russia, Filippine.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuovi regolamenti per il controllo delle religioni
20/12/2004
Il Partito cerca di salvare i rimasugli di ateismo
26/04/2004
Nuovi regolamenti sulle religioni: qualche novità, ma tutto è come prima
12/01/2005
Lo tsunami, tragedia e solidarietà nella globalizzazione
26/01/2005
Monito del Partito: i comunisti cinesi non devono professare una religione
07/03/2006