01/07/2019, 12.22
INDIA – VATICANO
Invia ad un amico

L’India ha una nuova santa: suor Mariam Thresia, ‘come Madre Teresa di Calcutta’

Oggi papa Francesco durante il Concistoro ordinario pubblico ha stabilito la data della canonizzazione: il 13 ottobre. La suora indiana è stata una mistica e ha dedicato la sua vita al Signore per servire poveri e malati.

New Delhi (AsiaNews) – L’India ha una nuova santa: è suor Mariam Thresia Chiramel Mankidiyan, fondatrice della congregazione delle suore dell’Holy Family. Lo ha deciso oggi infatti papa Francesco, durante il Concistoro ordinario pubblico tenuto nella Sala Clementina del Palazzo apostolico. Insieme alla suora indiana, il pontefice ha dato il via libera alla canonizzazione di altri cinque beati. La cerimonia con cui saranno iscritti nell’albo dei santi si svolgerà il 13 ottobre prossimo.

La religiosa indiana del Kerala è conosciuta per le sue opere caritatevoli, soprattutto per l’amore prediletto nei confronti dei più poveri tra i poveri. Per questo, in molti vedono in lei una spiccata somiglianza con Madre Teresa di Calcutta.

Sr. Mariam Thresia è stata dichiarata venerabile il 28 giugno 1999 e beatificata il 9 aprile 2000 da papa Giovanni Paolo II. Nata a Puthenchira (Kerala) il 26 aprile 1876, la beata è morta a Kuzhikkattussery (sempre in Kerala) l’8 giugno 1926. Il 12 febbraio scorso papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto che riconosce il miracolo a lei attribuito, aprendo così la strada per la sua canonizzazione.

Di origini nobili, la beata ha trascorso una vita di penitenza, preghiera e digiuno. A 10 anni disobbedisce ai genitori che vogliono darla in sposa e sceglie una vita d’austerità e semplicità. Dorme sulla ghiaia del giardino di casa, piuttosto che nel letto della sua stanza, perché “non posso dormire in maniera confortevole, se Gesù è stato appeso sulla Croce con tre chiodi”.

Dall’età di 12 anni, dopo la morte della madre, si dedica alla cura dei malati e dei moribondi, consacrando la sua vita al Signore. Nel 1909 riceve le stimmate e il vescovo ordina che venga sottoposta a esorcismo. Per tutta la vita ha mantenuto segrete le piaghe, per non attirare su di sé l’attenzione.

La religiosa è stata una mistica. Trascorreva intere giornate in meditazione e preghiera, o a decorare e pulire l’altare della chiesa. La sua intera esistenza è stata tormentata da demoni e lei offriva le proprie sofferenze per la remissione dei peccati del mondo. Ha condotto una vita di austera penitenza, continuando a visitare malati e poveri di ogni estrazione sociale e religiosa fino ai suoi ultimi giorni.

La congregazione da lei fondata nel 1914 oggi conta circa 2mila suore e 200 novizie. L’ordine gestisce scuole, ospedali, scuole d’infermieristica, licei, ostelli, case per disabili mentali e fisici, centri sociali e cliniche omeopatiche.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’India avrà una nuova santa: sr. Maria Teresa Chiramel Mankidiyan, ‘come Madre Teresa’
14/02/2019 09:08
Mons. D’Souza: Madre Teresa sarà la co-patrona di Calcutta
05/09/2017 08:34
Calcutta, pellegrini cinesi pregano sulla tomba di Madre Teresa
05/03/2019 10:56
Papa: nelle cause dei santi vanno cercate verità storica e prove concrete
27/04/2006
P. Joe Pereira: da Madre Teresa, ho imparato la compassione per i tossicodipendenti
07/09/2017 11:30