25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  •    - Armenia
  •    - Azerbaijan
  •    - Georgia
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/10/2013, 00.00

    TURCHIA-ARMENIA

    La Chiesa armena canonizzerà i martiri del genocidio. Ankara scontenta

    NAT da Polis

    La cerimonia dovrebbe avvenire nel 2015, centenario del genocidio di 1,5 milioni di armeni. Al sinodo che ha deciso la canonizzazione erano presenti vescovi armeni da tutto il mondo. Le tensioni fra Armenia e Turchia prendono anche un carattere "religioso".

    Istanbul (AsiaNews) - Con una mossa che ha colto di sorpresa la Turchia, la Chiesa Armena  sta per procedere alla canonizzazione delle vittime del genocidio armeno, perpetrato dallo Stato turco nel 1915, usando elementi kurdi come manovalanza per le uccisioni. Il genocidio,  perpetrato con metodo scientifico,  è descritto dallo storico turco Taner Akcam  come "un atto vergognoso" (è il titolo di un suo volume). Ma il governo di Ankara non lo ha mai riconosciuto e rifiuta la definizione di "genocidio".

    Secondi fonti citate dai giornali turchi, la canonizzazione avverrà nel 2015, nel centenario del genocidio dei  1,5 milioni di armeni, trucidati nell' Asia Minore.

     La  fonte principale di tale notizia  è l' ASAM, Il centro di ricerche di strategia euroasiatica della Turchia , secondo il quale a Erevan capitale dell' Armenia, è stato convocato il grande sinodo della Chiesa Armena. Fatto importante: a questo sinodo hanno partecipato, per la prima volta  dopo 400 anni -  cioè dopo il 1651  -  vescovi accorsi da tutto il mondo: una vera novità nella storia della Chiesa Armena .

    Al sinodo - tenutosi alla fine di settembre - hanno partecipato l'arcivescovo di Etsmiatzin, (considerata la città più sacra per gli armeni); l'arcivescovo armeno del Libano, dove si trova anche una grande comunità, sfuggita in gran parte al genocidio; i  vescovi di Stati Uniti, Gerusalemme, Sud America, Francia e dei luoghi dove vi sono comunità armene della diaspora.

    Durante la riunione si è deciso di canonizzare tutte le vittime dell' orrendo genocidio perpetrato dagli ottomani  prima e poi dai turchi di Kemal Ataturk. La canonizzazione seguirà la formula della tradizione delle Chiese  orientali, che consiste nel proclamare i santi riportando il nome del luogo del martirio e non i nomi delle singole persone.

    La decisione del sinodo armeno, ha agitato  la  Turchia. Il presidente dell' ASAM, Ömer Özkaya, facendo una lettura politica del gesto, sottolinea che tutti i vescovi della Chiesa Armena,  si sono riuniti per la prima volta dopo  400 anni con lo scopo di  dare la massima visibilità al "presunto" (secondo i turchi)  genocidio degli Armeni, procedendo alla canonizzazione delle vittime del genocidio. Ömer Özkaya,  ha comunque rilevato che in questo modo, gli Armeni, danno un'altra dimensione, quella religiosa,  alla controversia che oppone la comunità della diaspora e la Turchia.

    Non sfugge neppure  il fatto che per dare maggiore enfasi a  questa decisione, il sinodo è stato convocato nel centro religioso dell'Armenia, l' Etsimiatzin, che costituisce il  grande simbolo di riferimento  religioso  degli Armeni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/03/2010 TURCHIA - SVEZIA
    Ankara richiama l’ambasciatore dalla Svezia. Ancora problemi per il genocidio armeno
    Era già avvenuto anche con gli Stati Uniti e con il Canada. Cancellato un viaggio di Erdogan a Stoccolma. La diaspora armena contro i rapporti diplomatici fra Armenia e Turchia.

    29/09/2009 TURCHIA - ARMENIA
    Imminente l’accordo fra Turchia e Armenia. I giovani lo sperano da tanto tempo
    Il 10 ottobre a Zurigo la firma per l’accordo. Qualche problema per il Nagorno Karabakh e per il riconoscimento del genocidio armeno. Ma la popolazione e i giovani dei due Paesi hanno già superato da tempo questo nodo storico incancrenito.

    24/12/2011 TURCHIA - UE
    La questione armena e le tensioni fra Ankara e Parigi
    Il parlamento francese ha varato la proposta di comminare prigione e multe a chi non riconosce il genocidio armeno. Il governo di Erdogan ritira l’ambasciatore, accusa la Francia di “genocidio”, blocca la collaborazione militare, pensa al boicottaggio economico. Anche la comunità armena e il patriarca armeno di Istanbul sono freddi sulla mossa francese. Diviene più difficile l’entrata di Ankara nella Ue.

    20/09/2010 TURCHIA
    Dopo 95 anni, una messa nella chiesa armena della Santa Croce, sul lago di Van
    L’arcivescovo Aram Atesyan ha definito l’evento “un miracolo”. La chiesa sorge nel luogo del genocidio armeno. In passato le sue pitture erano usate come bersagli per il tiro a segno e annerite dai barbecue dei picnic. Manca la croce di ferro sulla cupola. Critiche degli armeni della diaspora; felicità e gioia da parte degli armeni in Turchia.

    10/10/2009 TURCHIA - ARMENIA
    Prima firma per i rapporti fra Turchia e Armenia dopo più di un secolo di ostilità
    Il processo facilitato dalle trasformazioni politiche ed economiche nel Caucaso. Alla cerimonia a Zurigo partecipano Hillary Clinton, Serghei Lavrov, Javier Solana. Ancora tensione fra gli armeni della diaspora, che ricordano il genocidio. Appoggio dagli armeni in Turchia. Il presidente armeno sarà presente a Bursa alla partita turco-armena per i campionati mondiali di calcio 2010.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®