29/10/2008, 00.00
INDIA

La Chiesa indiana ricorda p. Bernard Digal, martire della fede in Orissa

di Nirmala Carvalho
Mons, Cheenat, arcivescovo di Cuttack- Bhubaneshwar, sottolinea l’opera “instancabile” a favore dei “cristiani perseguitati” e la sua devozione per la Madonna. I confratelli ribadiscono le “virtù e la capacità di perdonare i suoi persecutori”. Venerdì 31 ottobre l’ultimo saluto della comunità al prete ucciso.

Mumbai (AsiaNews) – “Padre Digal era il tesoriere della diocesi, un prete sensibile, generoso e sempre pronto a rispondere ai bisogni degli altri religiosi prima ancora dei suoi. Alla continua ricerca della comunione fraterna”. È il ricordo di mons. Rapheel Cheenath, arcivescovo di Cuttack- Bhubaneshwar, di p. Bernard Digal, morto la sera del 28 ottobre in un letto del St. Thomas Hsopital a Chennai.

P. Digal era stato assalito da un gruppo di fondamentalisti indù la notte del 25 agosto, nei primi giorni delle persecuzioni contro i cristiani dell’Orissa. Nonostante le cure mediche alle quali è stato sottoposto, la salute è andata peggiorando. Sabato 25 ottobre è stato ricoverato nell’ospedale di Chennai, nel Tamil Nadu ed è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico per rimuovere un grumo di sangue formatosi nel cervello in seguito alle percosse subite dai fondamentalisti la notte dell’assalto. Il 27 ottobre i polmoni hanno collassato ed è subentrata una grave crisi respiratoria, in seguito alla quale al religioso è stato attaccato un respiratore artificiale. Egli ha ricevuto l’unzione degli infermi e alle 9.25 del 28 ottobre, assistito da mons. Cheenath, è morto.

“A p. Bernard è stata consegnata la corona dei martiri: egli ha ricevuto la palma della vittoria dai santi in paradiso”, racconta l’arcivescovo di Cuttack- Bhubaneshwar. “Fin dall’inizio delle violenze contro i cristiani, i cui primi episodi risalgono al dicembre del 2007, p. Bernard ha sempre voluto restare fra la sua gente a coordinare i lavoro di assistenza e sviluppo, promuovendo iniziative di pace”. Il prelato sottolinea inoltre le opere a favore dei “cristiani vittime della carneficina” e della devozione particolare “per la Vergine Maria e la recita del rosario: egli ci confidava spesso di come trovasse rifugio e sostegno nella Madonna, anche nei momenti di più cupa disperazione”.

Mons. Rapheel Cheenath conclude sottolineando come “i cristiani di Kandhamal abbiano ora un potente intercessore nei cieli”, perché p. Bernard continuerà il suo lavoro“ dalla casa celeste. La sua fine è culminata in una kenosis, una resa totale alla passione sulla croce di Gesù Cristo; ora speriamo nella gloria della resurrezione. La vittoria del Cristo risorto è motivo di speranza, la speranza della vita eterna dopo la morte”.

P. Bernard, che AsiaNews ha incontrato lo scorso 10 settembre durante la degenza dell’Holy Spirit Hospital di Mumbai (vedi foto), aveva 48 anni ed era stato ordinato prete il 29 maggio 1992. Egli era nativo del villaggio di Tiangia, a Kandhamal, una delle zone più colpite dalle recenti violenze anticristiane perpetrate dai fondamentalisti indù. Egli aveva ripercorso i drammatici momenti dell’assalto, in seguito al quale “per una notte intera è rimasto senza conoscenza e seminudo nella foresta”. Il funerale sarà celebrato venerdì 31 ottobre.

P. Ajay Singh, direttore del Jan Vikas, un centro di iniziativa sociale della diocesi di Cuttack-Bhubaneshwar, ricorda la “santità” di padre Digal, il suo “zelo missionario”, il suo “servizio per la gente”, le parole di “perdono” verso i responsabili delle violenze” e il lavoro incessante finalizzato al “loro recupero”. Anche p. Manoj Digal, cugino della vittima e nativo dello stesso villaggio, ricorda il “lavoro incessante con i cristiani di Kandhamal, che subiscono violenze e umiliazioni di ogni tipo. Le sue virtù sono l’umiltà, la capacità di perdonare, il senso di giustizia, e il sacrificio di sé fino alla morte”.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
È morto p. Bernard Digal, l’India piange un nuovo martire dell'Orissa
28/10/2008
Vescovo dell'Orissa: La Chiesa si impegni contro le riconversioni forzate dei tribali
21/09/2004
Orissa: uccidono e bruciano due persone; condannati solo per aver distrutto le prove
02/11/2009
Orissa: il governo cerca le cause dei pogrom anti-cristiani, ma non i colpevoli
08/07/2009
Orissa: prima condanna per i pogrom anti-cristiani
01/07/2009