14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/07/2012, 00.00

    COREA DEL SUD - MONGOLIA

    La Chiesa mongola festeggia i suoi primi 20 anni: "Dio ha fatto grandi cose per noi"

    Joseph Yun Li-sun

    Con una messa solenne nella cattedrale di Ulaanbaatar, l'8 luglio si aprono le celebrazioni per l'anniversario. Presenti mons. Padilla, Prefetto apostolico, mons. Savio Hon di Propaganda Fide e mons. Lazzaro You, vescovo di Daejeon. Vedrà la luce anche una clinica per i poveri, retta da un sacerdote coreano.

    Ulaanbaatar (AsiaNews) - Una comunità "piccola ma vivace, che ringrazia Dio per le grandi cose che ha fatto per lei". Con queste parole il Prefetto apostolico di Ulaanbaatar, mons. Wenceslao Padilla, commenta la preparazione per le celebrazioni dei primi 20 anni di vita della Chiesa cattolica in Mongolia. I festeggiamenti avranno luogo il 10 e l'11 luglio, e vedranno la presenza di mons. Savio Hon Taifai, Segretario della Congregazione vaticana per l'Evangelizzazione dei popoli, e di mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo della diocesi coreana di Daejeon.

    La prima missione mongola venne aperta nel 1992 proprio da mons. Padilla, anche Nunzio apostolico in Corea, che arrivò a Ulaanbaatar con due confratelli della Congregazione del Cuore Immacolato di Maria. Oggi sono 64 i missionari che, provenienti da 18 Paesi, lavorano con la comunità locale: appartengono a 9 congregazioni religiose e alla diocesi di Daejeon. Nel frattempo, i cattolici hanno raggiunto le 415 unità.

    Per il Prefetto "bisogna essere grati per il lavoro generoso di tanti missionari. Ma dobbiamo anche spingere sempre di più per stimolare una Chiesa locale, fatta da mongoli: è il momento di incoraggiare le vocazioni, l'animazione pastorale e i battesimi. Possiamo fare molto di più, e siamo stimolati a farlo".

    Oggi la missione cattolica in Mongolia ha 4 parrocchie, una in più rispetto al 2007. Sono la chiesa dei santi Pietro e Paolo, di Maria, del Buon Pastore e di Maria Ausiliatrice: quest'ultima si trova a Darhan, la seconda città per grandezza del Paese. Esistono inoltre diverse scuole cattoliche - soprattutto per i meno abbienti - e il Centro tecnico don Bosco, che offre un'alternativa agli studi classici. Inoltre, proprio in occasione dei 20 anni verrà aperta una clinica per i poveri alla periferia di Ulaanbaatar.

    A reggere questo compito sarà un sacerdote coreano, p. Pietro, inviato qui da mons. You. Che ad AsiaNews racconta: "La mia diocesi ha inviato in Mongolia 4 sacerdoti e uno di loro si è occupato negli ultimi 4 anni di ottenere i permessi necessari per aprire questo piccolo ospedale. Siamo molto fieri di lui, e siamo pronti a sostenerlo anche economicamente. Domenica celebrerò la messa con mons. Hon e mons. Padilla, e il mio pensiero sarà per questa missione".

    I rapporti sono molto stretti: "Oltre ai 4 sacerdoti coreani, qui a Daejeon studiano 2 seminaristi mongoli. Inoltre, i miei fedeli si sono presi l'incarico di sostenere gli studi di un seminarista locale, il primo mongolo che vuole divenire sacerdote. La Corea del Sud ha avuto tanto grazie al lavoro dei missionari stranieri: è arrivato il momento di ricambiare". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/05/2011 COREA
    I rifugiati dalla Corea del Nord, “missionari di speranza per il Sud”
    Il vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura pastorale dei migranti e dei rifugiati, mons. Lazzaro You Heung-sik, parla ad AsiaNews: “I nostri fratelli che vivono oltre il confine sono come i bambini: il futuro della nostra società. E noi, come insegna Cristo, dobbiamo amarli e sostenerli”.

    03/11/2012 MONGOLIA
    Ulaanbaatar, cattolici mongoli festeggiano l’inaugurazione della sesta parrocchia
    Per mons. Wenceslao Padilla è un segno della vitalità della Chiesa locale. La Santa Sofia sorge in un quartiere povero della capitale. A guidarla un sacerdote coreano Fidei donum, in missione in Mongolia da 16 anni. Fedele a Ulaanbaatar:“risultato positivo” frutto della politica “diplomatica e prudente del Prefetto apostolico”.

    10/07/2012 MONGOLIA
    Ritornare ogni giorno alla missione: ecco la sfida per la Chiesa mongola
    Il Prefetto apostolico di Ulaanbaatar traccia la storia dei primi 20 anni della Missione cattolica in Mongolia. Una storia che parte da 3 missionari e arriva a centinaia di fedeli e di sacerdoti, decine di strutture e nuove conversioni ogni anno. Ma oggi, con lo sviluppo economico e l’avvento della democrazia, le sfide si moltiplicano: “Dobbiamo tornare a testimoniare il Vangelo prima di ogni altra cosa”.

    15/09/2010 VATICANO – COREA DEL SUD
    I nuovi orizzonti dei cattolici coreani dopo il Congresso di Seoul
    Commossi dalle testimonianze dei cristiani perseguitati nel continente asiatico, i cattolici coreani riflettono sul loro ruolo missionario in Asia, in particolare verso la Corea del Nord. La proposta di un incontro Nazionale per promuovere la solidarietà fra i movimenti laicali e per non perdere i frutti del Congresso.

    05/04/2011 COREA DEL SUD
    Seoul, la Quaresima “ponte” per il dialogo fra le fedi
    Il parrocco di Ilwon-dong, p. Kim Jeong-nam, ha organizzato una serie di incontri interreligiosi da tenersi ogni venerdì sera fino a Pasqua nella parrocchia della capitale. Grande successo fra i fedeli, che hanno ascoltato il plauso alla Chiesa del leader del buddismo Won. Il presidente della Commissione episcopale per il dialogo interreligioso ad AsiaNews: “Mano nella mano per la comprensione, con tutti”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®