24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2018, 13.01

    PAKISTAN

    La Chiesa pakistana condanna il ‘brutale’ stupro e omicidio di una bambina di 7 anni

    Kamran Chaudhry

    Zainab viveva a Kasur, vicino Lahore. Il suo piccolo corpo ritrovato in una discarica. È stata violentata varie volte e strangolata fino alla morte. Proteste contro l’inerzia della polizia. Una campagna di sensibilizzazione per debellare “il cancro della pedofilia”.

    Lahore (AsiaNews) – La Chiesa del Pakistan “condanna lo stupro e l’omicidio di Zainab, una bambina di sette anni”. Lo afferma mons. Joseph Arshad, arcivescovo di Islamabad-Rawalpindi e capo della Chiesa pakistana, commentando la notizia che ha suscitato sdegno in tutto il Paese. Il fatto ha spinto tanti utenti dei social network a rompere il muro del silenzio che avvolge il tema della pedofilia e dello stupro su minori nel Paese. Secondo mons. Arshad, “l’assenza della giustizia e l’ignoranza affliggono la nostra società. La mentalità prevalente non può essere sconfitta solo dalle istituzioni accademiche. Le persone devono essere rieducate alla dignità umana”.

    L’episodio della violenza carnale è riportato su tutti i media del Paese. Il corpo di Zainab è stato ritrovato ieri in una discarica a Kasur, vicino Lahore. Il 4 gennaio la minore era scomparsa da casa mentre si recava a lezione di religione islamica. Le indagini autoptiche rivelano che è stata stuprata varie volte e strangolata fino alla morte.

    Il suo omicidio ha provocato reazioni violente da parte degli abitanti, che lamentano la negligenza della polizia nel condurre le indagini sugli assassini. Negli scontri tra manifestanti e polizia sono morte due persone. Alcuni video rintracciati dalla famiglia infatti mostrano la piccola mano nella mano con un uomo, ancora sconosciuto. I parenti lamentano che se quei filmati fossero stati acquisiti in tempo dagli inquirenti, forse la piccola si sarebbe potuta salvare.

    Ad inasprire gli animi, le ultime notizie sui numeri delle violenze a Kasur. Negli ultimi tre anni sono stati registrati 720 incidenti di abusi su minori, di cui 129 casi di stupro nel 2017. Il modus operandi dell’assassino sarebbe simile in diversi incidenti, circostanza che fa ipotizzare la presenza di un serial killer. Per ora, la polizia ha raccolto campioni di Dna da 90 sospettati.

    Mons. Arshad sostiene che “creare opportunità di lavoro per i giovani può aiutare a diminuire il trend degli abusi sui minori”. Tanti noti personaggi hanno espresso sui social la loro indignazione. Tra questi, Malala Yousafzai, premio Nobel per la pace, ha twittato: “Ho il cuore infranto. Tutto questo deve finire. Il governo e le autorità interessate devono prendere provvedimenti”. Shehbaz Sharif, chief minister del Punjab, ha fatto visita alla famiglia di Zainab e assicurato indagini celeri.

    Oggi pomeriggio il Rawadari Tehreek (Movimento per la tolleranza) ha organizzato una marcia per la pace. Il corteo di 30 attivisti partirà da Lahore e arriverà a Kasur [50 km di distanza, ndr]. Ieri il gruppo ha manifestato contro l’omicidio davanti il club della stampa. Sugli striscioni campeggiava la scritta “Giustizia per Zainab”.

    P. Morris Jalal, direttore esecutivo di una tv cattolica gestita dall’arcidiocesi di Lahore, suggerisce una campagna per la sensibilizzazione contro gli stupri e per la protezione dei bambini. “Il cancro della pedofilia – sostiene – si sta diffondendo rapidamente e non è un fenomeno nuovo. I media sono tutti focalizzati su questo. Il facile accesso a siti pornografici alimenta questa mentalità. I bambini che frequentano lezioni di Corano sono facili obiettivi. Il soffocamento della società ha creato degli squilibrati. Le famiglie devono pensare in modo serio a come proteggere i propri figli. Questi metodi devono rientrare anche nei programmi di studio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2018 15:36:00 PAKISTAN
    Attivisti pakistani: una ‘cultura dello stupro’ che dimentica il valore dei bambini

    In tutto il Paese si piange Zainab, che aveva sette anni e viveva vicino Lahore. Abbandonata in una discarica, sul corpo presenta segni di tortura. Radici culturali alimentano la “cultura dello stupro”, come la divisione tra maschi e femmine, la pessima considerazione della donna, gli abusi nelle madrasse.



    26/10/2017 15:55:00 PAKISTAN
    Punjab, bambina cristiana stuprata e torturata. La condanna degli attivisti

    Il fatto è avvenuto nella città di Sheikhupura. La minore ha 12 anni e frequenta la sesta classe. La madre voleva sporgere denuncia ma la polizia non ha acconsentito a registrare il caso.



    13/01/2018 10:46:00 PAKISTAN
    Giustizia e Pace sullo stupro e assassinio della piccola Zainab: urgente bisogno di leggi e politiche a difesa dei bambini

    L’organismo cattolico denuncia l’indolenza di poliziotti, leader politici e rappresentanti del governo per non aver cooperato con la famiglia della vittima. Il Pakistan è all’11mo posto per abusi o violenze sessuali contro bambini, con 2500 casi all’anno ed è al terzo posto come nazione pericolosa per le donne. Nel 2017, vi sono stati 1764 casi di abusi verso minori in tutto il Pakistan; 12 casi di stupro e assassinio di bambine fra i 5 e gli 8 anni solo a Kasur.



    12/01/2018 16:27:00 PAKISTAN
    Pakistan in lutto per la bimba stuprata, uccisa e gettata in una discarica

    Zainab aveva sette anni e viveva vicino Lahore. Il governo del Punjab offre una ricompensa di oltre 74mila euro per chi aiuta i poliziotti a trovare l’assassino. Ieri altri due bambini uccisi nella provincia. Avviate due indagini parallele. Personaggi dello spettacolo e dello sport denunciano i “diritti violati dei minori”.



    17/04/2015 CINA
    Pechino, condannata a sette anni la giornalista Gao Yu: difendeva i diritti umani
    La donna è famosissima, nel Paese e nella comunità internazionale, per le sue acute critiche al sistema politico e ai leader cinesi. Condannata per “aver divulgato segreti di Stato”, presenterà appello. Il fratello: “Dopo un anno di detenzione stento a riconoscerla. Oggi ha 71 anni, come può affrontarne sette in galera?”. Nelle carceri cinesi vi sono 44 giornalisti.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®