31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/03/2013
TURCHIA
La Pasqua fra i cristiani dell'Anatolia da tre anni senza vescovo
di Giambattista Farhad
In tutto il vicariato dell'Anatolia fervono i preparativi per Settimana Santa a quasi tre anni dalla morte di mons. Padovese. Il 2 aprile a Ürgüp la messa per i cristiani iracheni, afghani e iraniani dispersi nella Cappadocia. Due i battesimi celebrati nella piccola comunità. A causa delle distanze le messe vi sono solo a Natale, Pasqua e Assunta. Il racconto di un sacerdote locale ad AsiaNews.

Ürgüp (AsiaNews) -  A quasi tre anni dalla tragica uccisione di mons. Luigi Padovese, vescovo di Iskenderun morto il 3 giugno 2010, la piccola comunità cristiana dell'Anatolia (Turchia) attende ancora la nomina di un nuovo pastore. Pur attraversando "giornate nebbiose", questo "piccolo gregge" continua a seguire il suo Signore e lo scorso 24 marzo ha festeggiato con grande entusiasmo la Domenica delle palme e in tutto il vicariato fervono i preparativi per la Pasqua. Nelle parrocchie di Trabzon, Adana, Mersin ed Iskenderun e in tutto il resto del vicariato i fedeli si stanno preparando con confessioni e momenti di preghiera alla Settimana Santa. Le comunità cattoliche dell'Anatolia del sud celebreranno la Pasqua assieme ai fedeli siriani che si trovano nelle loro città.

Il responsabile per i rifugiati del vicariato in occasione di Pasqua ha organizzato per il 2 aprile una Messa per i fratelli iracheni, iraniani e afgani cristiani dispersi nella zona della Cappadocia. Per la funzione si attendono oltre 150 fedeli e si celebrerà a Ürgüp. Quest'anno è previsto il battesimo di due bambine irachene, che confermano come cresce il popolo di Dio pur stando nel "deserto" prima di vedere la "Terra promessa"! Ad officiare la messa sarà p. Samer  sacerdote iracheno studente a Roma. Come a Natale dopo la funzione, pranzeremo tutti insieme e doneremo un pacco alimentare per ogni famiglia dando appuntamento per la prossima messa comune che si celebrerà ad Agosto in occasione dell'Assunta.

A causa delle grandi distanze, della ristrettezza economica e dei pochi sacerdoti, sono solo tre le messe riservate ai cattolici di rito orientale residenti in Cappadocia. Nell'area non vi sono preti che parlano arabo o aramaico e nessun fedele dispone di mezzi propri. La comunità più vicina dista 12 km da Ürgüp - dove è l'unica chiesa della zona - quella più lontana oltre 95. In queste occasioni speciali, che si verificano solo a Natale, Pasqua e per l'Assunta, la parrocchia organizza a proprie spese un servizio di pulmini per trasportare le persone dai villaggi alla chiesa. In totale il pranzo, il servizio e gli aiuti alle famiglie costeranno oltre 3mila euro, che la nostra piccola comunità è costretta ad elemosinare. Quando abbiamo dei soldi, distribuiamo dei buoni alimentari a 60 famiglie. Le offerte sono necessarie per curare otto malati rimasti soli, cinque famiglie che hanno perso i genitori e 19 allievi delle scuole da mantenere.

Carissimi, vi chiedo un favore! Il Santo Padre in uno dei primi discorsi che ha fatto ha detto "la Chiesa deve aiutare i poveri" la Chiesa sono io e ciascuno di voi. Se volete aiutarci per questi fratelli vi sarò grato! Non abbiamo l'appoggio della Caritas né di qualsiasi altra organizzazione. Ci fidiamo solo della provvidenza. Se volete dare le vostre offerte quaresimali o conoscete qualche persona generosa  che desideri dare un aiuto e spirituale e materiale a questi fratelli, contattateci.  

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/03/2009 TURCHIA
Chiese d’Europa: pellegrini nella Turchia di san Paolo, per sostenere la missione dei cristiani
di Geries Othman
28/04/2011 NEPAL
Kathmandu, in migliaia alla messa di Pasqua ricordano le vittime dell’estremismo indù
di Kalpit Parajuli
22/04/2011 ASIA
Pasqua, i segni di morte e l’invito di Giovanni Paolo II
di Bernardo Cervellera
02/04/2010 FILIPPINE
Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
di Santosh Digal
19/04/2011 MEDIO ORIENTE – IRAQ
Mons. Sako: Primavera del mondo arabo possibile solo se tutti i cittadini hanno uguali diritti
di Louis Sako

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate