29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/03/2013, 00.00

    TURCHIA

    La Pasqua fra i cristiani dell'Anatolia da tre anni senza vescovo

    Giambattista Farhad

    In tutto il vicariato dell'Anatolia fervono i preparativi per Settimana Santa a quasi tre anni dalla morte di mons. Padovese. Il 2 aprile a Ürgüp la messa per i cristiani iracheni, afghani e iraniani dispersi nella Cappadocia. Due i battesimi celebrati nella piccola comunità. A causa delle distanze le messe vi sono solo a Natale, Pasqua e Assunta. Il racconto di un sacerdote locale ad AsiaNews.

    Ürgüp (AsiaNews) -  A quasi tre anni dalla tragica uccisione di mons. Luigi Padovese, vescovo di Iskenderun morto il 3 giugno 2010, la piccola comunità cristiana dell'Anatolia (Turchia) attende ancora la nomina di un nuovo pastore. Pur attraversando "giornate nebbiose", questo "piccolo gregge" continua a seguire il suo Signore e lo scorso 24 marzo ha festeggiato con grande entusiasmo la Domenica delle palme e in tutto il vicariato fervono i preparativi per la Pasqua. Nelle parrocchie di Trabzon, Adana, Mersin ed Iskenderun e in tutto il resto del vicariato i fedeli si stanno preparando con confessioni e momenti di preghiera alla Settimana Santa. Le comunità cattoliche dell'Anatolia del sud celebreranno la Pasqua assieme ai fedeli siriani che si trovano nelle loro città.

    Il responsabile per i rifugiati del vicariato in occasione di Pasqua ha organizzato per il 2 aprile una Messa per i fratelli iracheni, iraniani e afgani cristiani dispersi nella zona della Cappadocia. Per la funzione si attendono oltre 150 fedeli e si celebrerà a Ürgüp. Quest'anno è previsto il battesimo di due bambine irachene, che confermano come cresce il popolo di Dio pur stando nel "deserto" prima di vedere la "Terra promessa"! Ad officiare la messa sarà p. Samer  sacerdote iracheno studente a Roma. Come a Natale dopo la funzione, pranzeremo tutti insieme e doneremo un pacco alimentare per ogni famiglia dando appuntamento per la prossima messa comune che si celebrerà ad Agosto in occasione dell'Assunta.

    A causa delle grandi distanze, della ristrettezza economica e dei pochi sacerdoti, sono solo tre le messe riservate ai cattolici di rito orientale residenti in Cappadocia. Nell'area non vi sono preti che parlano arabo o aramaico e nessun fedele dispone di mezzi propri. La comunità più vicina dista 12 km da Ürgüp - dove è l'unica chiesa della zona - quella più lontana oltre 95. In queste occasioni speciali, che si verificano solo a Natale, Pasqua e per l'Assunta, la parrocchia organizza a proprie spese un servizio di pulmini per trasportare le persone dai villaggi alla chiesa. In totale il pranzo, il servizio e gli aiuti alle famiglie costeranno oltre 3mila euro, che la nostra piccola comunità è costretta ad elemosinare. Quando abbiamo dei soldi, distribuiamo dei buoni alimentari a 60 famiglie. Le offerte sono necessarie per curare otto malati rimasti soli, cinque famiglie che hanno perso i genitori e 19 allievi delle scuole da mantenere.

    Carissimi, vi chiedo un favore! Il Santo Padre in uno dei primi discorsi che ha fatto ha detto "la Chiesa deve aiutare i poveri" la Chiesa sono io e ciascuno di voi. Se volete aiutarci per questi fratelli vi sarò grato! Non abbiamo l'appoggio della Caritas né di qualsiasi altra organizzazione. Ci fidiamo solo della provvidenza. Se volete dare le vostre offerte quaresimali o conoscete qualche persona generosa  che desideri dare un aiuto e spirituale e materiale a questi fratelli, contattateci.  

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/03/2009 TURCHIA
    Chiese d’Europa: pellegrini nella Turchia di san Paolo, per sostenere la missione dei cristiani
    Cardinali e vescovi delle Chiese dell’Europa orientale sull’itinerario di Paolo: Antiochia, Seleucia, Tarso, Mopsuestia. La multi-culturalità e l’identità cristiani ai tempi dell’apostolo e ai giorni nostri.

    28/04/2011 NEPAL
    Kathmandu, in migliaia alla messa di Pasqua ricordano le vittime dell’estremismo indù
    Presenti anche molti non cristiani. Nove i giovani battezzati nella cattedrale di Kathmandu, blindata per paura di attentati. Mons. Sharma: “Gli attacchi contro i cattolici non fermano il nostro lavoro e in futuro serviremo Dio con ancora più energie”.

    22/04/2011 ASIA
    Pasqua, i segni di morte e l’invito di Giovanni Paolo II
    Segni di morte sono diffusi in tutta l’Asia, dal vicino all’estremo oriente. Ma vi sono anche segni di Vita da parte delle Chiese dell’Asia, sostenute dalla vittoria sulla morte di Gesù Cristo, il crocifisso che è risorto. L’invito di Giovanni Paolo II, “Aprite le porte a Cristo!”, è ancora più attuale con la sua beatificazione.

    02/04/2010 FILIPPINE
    Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
    In occasione della Settimana Santa e della Pasqua, mons. Romulo Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan e membro del Forum dei vescovi e degli Ulema, racconta ad AsiaNews la situazione e le aspettative future della popolazione di Mindanao. La regione a maggioranza musulmana è da 40 anni teatro di guerra tra esercito filippino e ribelli islamici.

    19/04/2011 MEDIO ORIENTE – IRAQ
    Mons. Sako: Primavera del mondo arabo possibile solo se tutti i cittadini hanno uguali diritti
    L’arcivescovo di Kirkuk avverte sul rischio di un’ascesa dei movimenti integralisti e dei settarismi etnici e religiosi. Per il prelato il ruolo attivo dei cristiani è fondamentale per creare un nuovo modello di governo. Mons Sako: “In questi giorni di Settimana Santa e di Pasqua, dobbiamo pregare e sperare che questo cambiamento civile e pacifico si realizzi”.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®