23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/04/2011
VATICANO - CINA
La Santa Sede e la Chiesa in Cina: tanta fermezza e tanta misericordia
di Bernardo Cervellera
Nel Messaggio della Commissione sulla Chiesa in Cina, diffuso oggi si ribadiscono gli elementi necessari alla comunione ecclesiale, dopo l’ordinazione illecita di Chengde e l’Assemblea dei rappresentanti cattolici a Pechino. Nessuna scomunica, ma il papa sottolinea che la fede e l’unità della Chiesa sono i beni fondamentali. Avviata la causa di beatificazione di Paolo Xu Guangqi. Il 24 maggio Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Tanta fermezza e tanta misericordia; rivendicazione di libertà e disponibilità al dialogo con Pechino: su questo crinale di difficile sintesi si muove il Messaggio ai cattolici cinesi diffuso oggi dalla Commissione vaticana per la Chiesa in Cina. Il raduno dall11 al 13 aprile è avvenuto dopo le due umiliazioni subite da Benedetto XVI e dalla Santa Sede con l’ordinazione illecita di Chengde e l’Assemblea nazionale dei rappresentanti cattolici: entrambi i gesti contrari alle indicazioni del papa ed entrambi avvenuti alla presenza di vescovi in comunione con il pontefice che, obbligati o volentieri, erano presenti ai due eventi.
 
Il Messaggio si diffonde su questi due fatti e ricorda che il mandato del papa è necessario alle ordinazioni episcopali in nome della fede e non va visto come un’intromissione indebita “negli affari interni di uno Stato”. Il Messaggio lo ricorda alla Cina, che come Stalin è sempre timorosa delle “divisioni” del Vaticano, ma lo ricorda anche a qualche vescovo cinese che pur in formale comunione col pontefice, rimane affascinato dal “patriottismo” e dalla “indipendenza” di una Chiesa per così dire “conciliarista”.
 
Il documento è netto nel ricordare le sanzioni canoniche (scomunica) legati a gesti di disobbedienza, e per questo domanda che ogni vescovo si giustifichi e spieghi come e perché essi sono avvenuti davanti alla Santa Sede e ai propri fedeli rimasti scandalizzati dall’affronto ai dettami del papa.
 
Ma il Messaggio – e il papa – non scomunica nessuno. Questo è perché la Commissione è preoccupata soprattutto dell’unità della Chiesa in Cina che a oltre tre anni dalla Lettera del papa (2007), che invitava alla riconciliazione, si trova più divisa che mai. Da qui l’esortazione ad “amare, a perdonare, e ad essere fedeli”, a “salvaguardare l'unità e la comunione ecclesiale anche a costo di grandi sacrifici”. Anche il papa, presente all’ultima sessione della Commissione ha sottolineato che “la fede della Chiesa, esposta nel Catechismo della Chiesa Cattolica e da difendere anche a prezzo di sacrifici, è il fondamento sul quale le comunità cattoliche in Cina devono crescere nell’unità e nella comunione”.
 
Nel testo si ribadisce la condanna agli organismi che intromettendosi nella vita della Chiesa
tentano di plasmarla secondo “i principi di indipendenza e autonomia, autogestione e amministrazione democratica della Chiesa”, inconciliabili con la dottrina cattolica. La citazione, tratta dalla Lettera del papa ai cattolici cinesi (n.7) si riferisce proprio all’Assemblea dei rappresentanti cattolici, che si pone al di sopra dell’autorità dei vescovi, e all’Associazione patriottica, che controlla la vita dei vescovi e delle comunità ufficiali.
 
Ma il documento non suggerisce nessuna azione pratica, limitandosi ad affermare i valori ecclesiali. Molti vescovi non ufficiali domandano ai loro colleghi riconosciuti dal governo di essere più decisi e coraggiosi, uscendo dall’Ap. Ma questo non avviene per paura, per timore, per comodo: da alcuni anni l’Ap ha messo in atto una campagna di “simpatia” verso i vescovi offrendo loro enormi benefici (case nuove, automobili, soldi,…), che rendono più difficile il distacco richiesto dal papa.
 
È probabile che sia proprio questa fragilità dei nuovi vescovi – giovani quarantenni che non hanno mai vissuto in una Chiesa libera dall’ingerenza dello Stato – a spingere la Commissione a domandare una più profonda formazione dei seminaristi e del clero.
 
Anche verso il governo cinese vi è un insieme di nettezza e magnanimità: il Messaggio ribadisce che le nomine dei vescovi competono alla Santa Sede, ma allo stesso tempo offre a Pechino la possibilità di trovare un accordo nella scelta dei candidati.
 
Il Messaggio lancia un appello (a Pechino?) con “timore e trepidazione per il futuro” , “affinché i problemi non crescano e le divisioni non si approfondiscano, a scapito dell’armonia e della pace”.
L’Ap ha infatti minacciato diverse volte di procedere a nominare decine di vescovi senza il consenso della Santa Sede, incurante delle esigenze della fede e della comunione.
 
A testimonianza del desiderio di collaborare con il governo cinese, la Commissione si mostra disponibile a parlare con esso sulle suddivisioni ecclesiastiche. Il governo, infatti, vorrebbe che le diocesi ricopiassero le suddivisioni amministrative, cancellando antiche sedi episcopali. Finora il Vaticano ha tenuto insieme le due suddivisioni, ma con questa proposta dà il via a una ristrutturazione della distribuzione dei vescovi in tutta la Cina, evitando zone ad alta concentrazione – esempio, attorno a Pechino – e zone dove invece le sedi sono più rare.
 
In questo tempo “di disorientamento e di ansietà”, di “dolore” e di “prove”, il conforto della Commissione (e della Chiesa in Cina) viene dal vedere i molti impegni missionari e caritativi di sacerdoti, suore e fedeli, come pure dalla santità della Chiesa e dalla preghiera.
 
Il Messaggio ricorda che è stata accettata la proposta della diocesi di Shanghai di avviare la causa di beatificazione di Paolo Xu Guangqi, il mandarino cinese battezzato dai primi gesuiti nel XVII secolo, grande personalità scientifica del suo tempo molto apprezzato anche dagli storiografi cinesi, che va ad aggiungersi alla causa di beatificazione di Matteo Ricci.
 
E ricorda anche che il 24 maggio, festa di Maria Aiuto dei cristiani, celebrata nel santuario di Sheshan (vicino a Shanghai), rimane per tutta la Chiesa universale una Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/04/2011 VATICANO - CINA
Incontro della Commissione vaticana per la Chiesa in Cina. Le attese e il realismo
di Bernardo Cervellera
14/04/2011 VATICANO-CINA
Messaggio della Commissione vaticana ai cattolici cinesi
22/11/2010 VATICANO - CINA
Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
di Card. Joseph Zen Zekiun
03/06/2011 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Vescovi cinesi, non abbiate paura di dire no alle pretese di Pechino
di Bernardo Cervellera
01/04/2011 VATICANO - CINA
L’ira del card. Zen sul “dialogo a tutti i costi” di p. Heyndrickx e Propaganda Fide
di Card. Joseph Zen Zekiun, sdb

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate