24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/12/2016, 14.23

    VATICANO-CINA

    La Santa Sede sull’Assemblea dei rappresentanti cattolici e le ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang

    Bernardo Cervellera

    In una dichiarazione del direttore della Sala stampa vaticana, si esprime “dolore” insieme ai cattolici cinesi per la partecipazione di un vescovo illecito alle ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang. Non si obbliga i vescovi a non partecipare all’Assemblea, pur ribadendo che essa è “inconciliabile con la dottrina cattolica”. Il Vaticano si attende “segnali positivi” dal governo.

    Città del Vaticano (AsiaNews) –  La Santa Sede “comprende e condivide” il dolore dei cattolici cinesi davanti alle ordinazioni episcopali di Chengdu e Xichang, dove ha partecipato un vescovo illecito (imposto dalla polizia). Allo stesso tempo, pur riaffermando la “nota” posizione della Santa Sede riguardo all’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi (“inconciliabile con la dottrina cattolica”, come recita la Lettera di Benedetto XVI, confermata da papa Francesco), il Vaticano “attende di giudicare in base a fatti comprovati”. È in sintesi il contenuto della dichiarazione che Il direttore della Sala Stampa vaticano ha diffuso oggi “in merito sia alle recenti ordinazioni episcopali a Chengdu e a Xichang” e “alla Nona Assemblea dei Rappresentanti Cattolici Cinesi”, che – secondo fonti di AsiaNews -  si terrà dal 26 al 30 dicembre al Tian Tai Hotel di Pechino.

    Le celebrazioni di Chengdu (30 novembre) e di Xichang (2 dicembre), pur procedendo all’ordinazione di due vescovi approvati dalla Santa Sede e dal governo cinese, hanno visto la partecipazione di un vescovo illecito, mons. Lei Shiyin di Leshan (Sichuan). Alle rimostranze, critiche e ostacoli frapposti dai fedeli, la polizia ha fatto scudo per lui per introdurlo alla concelebrazione. Al riguardo, la dichiarazione afferma: “La presenza, nelle due suddette ordinazioni episcopali, di un Vescovo, la cui posizione canonica è ancora allo studio della Sede Apostolica a seguito della sua ordinazione illegittima, ha creato disagio agli interessati e turbamento nei cattolici cinesi. La Santa Sede comprende e condivide questo loro dolore”.

    Più sfumato il giudizio sull’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi.  Da molte parti in Cina – sia dalle comunità ufficiali che da quelle sotterranee – si chiedeva un intervento della Santa Sede a proposito. L’Assemblea è “l’organismo sovrano” (come recita il suo statuto) che gestisce la vita della Chiesa cattolica, in cui a guidare in modo “democratico” vi sono membri del Partito e in cui i vescovi sono una minoranza. La Lettera ai cattolici cinesi di Benedetto XVI (nel 2007) la definiva “inconciliabile con la dottrina cattolica”. Per questo nell’ultima edizione del 2010 (v. foto), la Santa sede aveva domandato ai vescovi di non parteciparvi. Per tutta risposta, il governo ha costretto molti vescovi a prendervi parte con la forza. Papa Francesco ha confermato il valore della Lettera di Benedetto XVI. Ma questa volta il pronunciamento della Santa Sede è più sfumato. Da una parte essa afferma che “È nota da tempo la posizione della Santa Sede circa questi due tipi di eventi [ordinazioni e Assemblea], che implicano aspetti della dottrina e della disciplina della Chiesa”. Dall’altra, “riguardo alla Nona Assemblea – si afferma -  la Santa Sede attende di giudicare in base a fatti comprovati”.

    È probabile che in questo modo la Santa Sede lasci ai vescovi la responsabilità di partecipare o no e allo stesso tempo attenda di verificare se i vescovi sono stati lasciati davvero liberi nella loro decisione. Ma anche essa attende di vedere se nell’Assemblea si discuteranno tematiche e modalità che violino la libertà religiosa e la dottrina cattolica. Per ora sembra che a tema dell’Assemblea vi sia soltanto un cambiamento nella leadership. Oltre alla libertà di partecipazione, sarà da verificare quanto i vescovi radunati a Pechino saranno liberi di partecipare o no alle liturgie, dove saranno presenti vescovi illeciti e scomunicati. In tal caso i “fatti comprovati” sarebbero innumerevoli.

    La dichiarazione si conclude con una nota di speranza: La Santa Sede “è certa che tutti i cattolici in Cina attendono con trepidazione segnali positivi, che li aiutino ad avere fiducia nel dialogo tra le Autorità civili e la Santa Sede e a sperare in un futuro di unità e di armonia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/12/2016 11:09:00 CINA - VATICANO
    Cattolici cinesi “felici” per la Dichiarazione vaticana sulla Cina: “Non è mai troppo tardi” per la chiarezza

    Per alcuni la Dichiarazione è uno “spartiacque” che segna la fine del silenzio del Vaticano sulle questioni cinesi e sulla libertà religiosa. Fra i “segnali positivi” che ci si attende dal governo cinese vi è anzitutto la “libertà di coscienza” e il rispetto per le scelte libere di vescovi, sacerdoti e suore. L’invito a “boicottare” l’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi.



    22/12/2016 14:48:00 VATICANO-CINA
    I “toni morbidi” della Cina verso il Vaticano

    Forse per la prima volta, una dichiarazione della Santa Sede sulla Chiesa cinese e le ordinazioni episcopali, viene ricevuta e giudicata senza ira e senza citare le tradizionali posizioni di “autonomia” delle comunità cristiane rispetto al Vaticano.



    13/12/2016 08:47:00 CINA - VATICANO
    L’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi e il silenzio del Vaticano

    Il raduno, definito “l’organismo sovrano” che domina la Chiesa cinese, si terrà a Pechino dal 26 al 30 dicembre. Per papa Benedetto XVI essa è “incompatibile con la dottrina cattolica”. La sua funzione: affermare che la Chiesa è “proprietà” dello Stato (e del Partito) e dividere sempre più i fedeli. Gli esempi del passato. Nei 2010 molti vescovi sono stati rapiti dalla polizia per obbligarli a partecipare. Cattolici ufficiali e sotterranei si appellano al papa perché si pronunci su questa Assemblea e sulle ordinazioni episcopali alla presenza di un vescovo illecito. I cattolici di tutto il mondo devono domandare al governo cinese di rispettare la dignità e i diritti religiosi dei suoi cittadini.



    15/12/2016 11:21:00 CINA - VATICANO
    Vescovi leciti e illeciti: il riso mescolato a sabbia è difficile da ingoiare

    In Cina si rischia di considerare come un fatto ovvio la “profanazione” delle ordinazioni episcopali con la presenza di vescovi scomunicati. Contro il servilismo creato da 5mila anni di cultura imperiale. L’intervento di un sacerdote-blogger della Cina del nord-est.



    14/12/2016 11:34:00 CINA - VATICANO
    Card. Zen: Gli “schiaffi” di Chris Patten e quelli al papa per le ordinazioni illecite e l’Assemblea in Cina

    Il vescovo emerito di Hong Kong lamenta il silenzio della Santa Sede sulle ordinazioni episcopali avvenute a Chengdu e a Xichang con la partecipazione di un vescovo scomunicato. Uno “schiaffo” al papa anche la prossima Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi, che si tiene alla fine del mese. L’Ostpolitik “è stata un fallimento”. “Davanti a una cosa cattiva… rifiutare la nostra collaborazione”.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®