29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/11/2005, 00.00

    INDIA

    La benedizione del Papa per il primo ministro dell'Andra Pradesh.

    Nirmala Carvalho

    L'arcivescovo della diocesi di Hyderabad è tornato da Roma con la benedizione del Papa per lo Stato indiano dell'Andra Pradesh e per il primo ministro Rajasekhar Reddy. Il prelato ha parlato con Benedetto XVI della situazione della chiesa in India.

    New Delhi (AsiaNews) - Mons. Marampudi Joji, l'arcivescovo della diocesi di Hyderabad che il 7 novembre è stato ricevuto dal Papa, è tornato ieri in India e ha consegnato la benedizione di Benedetto XVI a Y.S. Rajasekhar Reddy, primo ministro dello stato indiano dell'Andra Pradesh.

    "In Vaticano ho pregato in modo particolare per la prosperità dello Stato dell'Andhra Pradesh e del nostro Paese", ha dichiarato il prelato. "Su mia richiesta – continua - il Papa ha dato la sua benedizione al nostro primo ministro, che è un cristiano protestante. Rajasekhar Reddy ha gradito molto la benedizione, ed è stato sopraffatto da gioia e felicità quando ha saputo anche lo Stato dell'Andhra Pradesh era stato benedetto dal Santo Padre".

    L'arcivescovo si era in precedenza recato in visita a Traunstein, città natale del Papa, dove ha reso omaggio ai parenti defunti del Pontefice e ne ha  incontrato il fratelo maggiore, padre George Ratzinger.

    In un intervista ad AsiaNews l'arcivescovo ha dichiarato che "papa Benedetto prega per il nostro Stato dell'Andhra Pradesh e per la nostra pace e prosperità". Ha poi detto che "il Santo Padre ha chiesto se la Chiesa nel nostro Stato è di fronte a difficoltà per portare avanti la sua missione pastorale. Gli ho riferito che nell'Andhra Pradesh la Chiesa non ha problemi di persecuzioni, e che siamo in grado di portare avanti il nostro ministero senza particolari difficoltà. La situazione – continua – è purtroppo diversa negli stati governati dal Bharatiya Janata Party (Bjp), come gli Stati del Ragiastan ed Orissa, dove ci sono molte violenze contro i cristiani".

    "Il Papa – continua il prelato - è informato  dell'aumento del numero delle sette evangeliche e ha chiesto all'arcivescovo il rapporto che ha con le altre chiese". L'arcivescovo ha rassicurato il Papa che la "relazione ecumenica con le altre chiese è ottima". Ha poi spiegato che nella diocesi di Hyderabad ci sono circa 100 mila cattolici e 600 mila protestanti, e 4 sono i vescovi protestanti, ma che egli viene considerato da tutti il loro patriarca e arcivescovo, e ha detto che "c'è una evidente comunione nella fede cristiana all'interno della diocesi". Ha però espresso la sua "preoccupazione per la crescita del numero di chiese pentecostali".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2010 INDIA
    È morto mons. Joji Marampudi, arcivescovo di Hyderabad
    Il prelato, 68 anni, è stato il primo arcivescovo Dalit dell’India, ed era da tempo malato. Convertitosi grazie ai missionari del Pime, per 30 anni è stato fra le più grandi figure della Chiesa cattolica indiana per l’impegno in difesa dei Dalit. I funerali saranno celebrati il prossimo 30 agosto.

    10/06/2009 INDIA
    Andhra Pradesh: arcivescovo dalit chiede pari dignità fra cristiani e indù
    Mons. Marampudi Joji afferma: “Solo la Chiesa ci tratta come un'unica famiglia senza nessuna discriminazione”. Alla guida di una delegazione della Federazione della Chiese dello Stato indiano ha incontrato il governatore Rajasekhara Reddy. Alle autorità chiede di difendere la libertà di religione e di conversione e di riconoscere ai dalit cristiani gli stessi diritti dei fuori casta indù, buddisti e sikh.

    03/09/2009 INDIA
    Tragedia aerea nell’Andhra Pradesh: muore il governatore Reddy, difensore dei dalit cristiani
    Politico cristiano tra le file del Congress, Y.S. Rajasekhara Reddy era conosciuto per le sue battaglie a favore degli emarginati. Il vescovo di Hyderabad: “Ho perso un amico” che “non ha mai avuto il timore di dichiarare la sua fede” e“non ha mai agito compiendo discriminazioni in base alla casta o al credo”.

    31/08/2010 INDIA
    Il commiato dell’Andhra Pradesh dal suo “Vescovo del popolo”
    Ai funerali di mons. Joji Marampudi sono stati ricordati il suo impegno per la promozione dei diseredati e la sua capacità organizzativa. Ha lasciato alla diocesi e al suo successore tutto ciò che aveva.

    03/09/2009 INDIA
    L’India ricorda p. Colombo e la sua “grandezza di umile servo del Signore”
    Ai funerali del missionario del Pime circa 40mila persone tra cui tre ministri dello Stato e la comunità indù. Mons. Joji, vescovo della capitale dell’Andhra Pradesh, ricorda ““il lavoro instancabile per l’emancipazione sociale dei dalit e dei lebbrosi”. Ma soprattutto era "un santo sacerdote".



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®