13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/02/2010, 00.00

    UCRAINA - RUSSIA

    La benedizione di Kirill per il presidente Yanukovic



    Il giuramento del nuovo presidente ucraino è stato preceduto da una cerimonia presieduta dal patriarca di Mosca, forse un segno della nuova dipendenza dell’Ucraina dalla Russia. Il primo viaggio all’estero di Yanukovic sarà a Bruxelles, ma pare scontato il suo legame con Mosca. Possibili risvolti ecumenici.
    Kiev (AsiaNews) - Il patriarca di Mosca e di tutte le Russie ha chiuso ieri una due giorni nella capitale ucraina, in concomitanza con l’insediamento del neo presidente Victor Yanukovich. In tal modo la presidenza del nuovo capo di Stato ucraino è iniziata con la benedizione religiosa russa, nell’impossibilità di averne una più esplicita politica da parte di Mosca. Per questo, la visita di Kirill ha sollevato molte polemiche.
     
    Insieme al metropolita Vladimir, primate della Chiesa ortodossa ucraina, Kirill ha celebrato ieri un rito di rendimento di grazie e intercessione al monastero delle Grotte di Kiev. Subito dopo, Yanukovich, presente alla funzione, si è recato alla Rada suprema dove ha prestato giuramento.
    L’arrivo di Kirill, lo scorso 24 febbraio, era stato accolto dai gruppi nazionalisti locali come la prova del “vassallaggio dell’Ucraina nei confronti della Federazione russa”. “L’invito del nuovo capo di Stato al Patriarca di una nazione vicina, per benedire la propria elezione, conferma la dipendenza di stampo coloniale di Yanukovich verso Mosca”, si legge nel comunicato del Congresso dei nazionalisti. Il rito religioso, continuano gli attivisti, è stata “l’incoronazione di un vassallo, un’umiliazione per il Paese”.
     
    Nonostante i ripetuti appelli del Patriarcato di Kiev a non strumentalizzare in senso politico la visita di Kirill, l’evento non può non essere letto come un chiaro segnale di vicinanza dell’Orso russo al nuovo capo dell’ex Stato satellite. Che nelle ultime presidenziali ha bocciato la politica atlantista dell’ex presidente Victor Yuschenko, leader della defunta Rivoluzione arancione, e forte oppositore dell’influenza russa.
     
    Già la settimana scorsa il Cremlino aveva reso nota la sua soddisfazione per il risultato elettorale, chiedendo a Yanukovich di raggiungere Mosca al più presto. Nella necessità di fugare dubbi sulla serietà delle sue aperture a ovest, Yanukovich ha annunciato Bruxelles come meta della sua prima missione estera, ma la visita del Patriarca di Mosca è eloquente della forte dipendenza dell’ex granaio d’Europa dall’ingombrante vicino. 
     
    Per Kirill è stata la seconda visita in Ucraina dalla sua elezione a gennaio 2009. Il primo viaggio, lo scorso agosto, era stato accompagnato dalle forti contestazioni dei sostenitori dell'indipendenza della Chiesa ortodossa di Kiev. In Ucraina la Chiesa ortodossa russa tenta di venire a capo di una situazione di forte tensione tra le diverse comunità. Sono tre le Chiese che fanno riferimento all'ortodossia: Ucraina-Patriarcato di Mosca (UOC-MP), Ucraina-Patriarcato di Kiev (UOC-KP) ed Ucraina Autocefala (UAOC). L’interlocutore del clero russo è Ucraina-Patriarcato di Mosca, ma l’anno scorso Kirill ha lanciato segnali di apertura anche agli altri due rami dell’ortodossia, accomunati dall’opposizione alla Chiesa greco-cattolica di Ucraina. L’elezione di un leader filorusso alla presidenza promette ora il rilancio del dialogo tra le diverse componenti ortodosse ucraine, verso una possibile unificazione.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2017 08:37:00 RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.



    29/05/2014 RUSSIA-UCRAINA
    Il patriarca Kirill si congratula con il neopresidente ucraino e attacca i greco-cattolici
    Petro Poroshenko è un ortodosso praticante. Il primate russo cerca rapporti amichevoli con le autorità di Kiev, preoccupato del futuro incerto della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca, sempre più "autonoma". Kirill critica i greco-ortodossi: sono "russofobici".

    12/09/2017 12:23:00 RUSSIA-UCRAINA
    Poroshenko e la Chiesa ortodossa a Kiev

    Il presidente ucraino ha chiesto al Patriarcato ecumenico Bartolomeo l’autocefalia per le Chiese orientali nel Paese. Al presente vi sono la Chiesa ortodossa ucraina, di obbedienza moscovita; quella di Kiev, separata da Mosca; quella greco-cattolica. Contese storiche e pratiche sugli edifici religiosi. Dal patriarcato di Mosca: questioni di giurisdizione ecclesiastica vanno risolte all’interno delle stesse Chiese, senza ingerenze da parte dei capi di Stato.



    19/02/2015 RUSSIA - UCRAINA
    La Chiesa ortodossa ucraina contro Filarete: ha chiesto a Kiev di continuare la guerra
    La denuncia del portavoce della Uoc-Mp, dopo un incontro delle comunità religiose cristiane con il presidente Petro Poroshenko. Filarete respinge le accuse: la guerra è colpa del Patriarcato di Mosca, che controlla la Chiesa per influenzare la società.

    30/07/2016 12:13:00 UCRAINA-RUSSIA-ORTODOSSI
    Poroshenko: solo il Patriarca Bartolomeo può aiutare la Chiesa ucraina a unirsi

    Nell’anniversario del Battesimo della Rus’, il leader di Kiev ribadisce l’appello del Parlamento per l’autocefalia della Chiesa ucraina. Le comunità cristiane ricarcano le divisioni politiche.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®