23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2016, 00.00

    ASIA-CINA

    La borsa di Shanghai in lievissimo recupero dopo le enormi perdite di ieri



    Gli indici a metà giornata sono leggermente positivi. Ma quelli di Hong Kong e Shezhen sono leggermente negativi. Lieve recupero anche a Seoul e a Tokyo. Ieri la caduta di oltre il 7% degli indici ha portato al blocco delle transazioni, trascinando in negativo al altre borse mondiali. Per gli analisti quest’anno in Cina vi saranno molte scosse nel mercato azionario.

    Hong Kong (AsiaNews) – La borsa di Shanghai ha chiuso la sessione mattutina in leggero rialzo dopo la drastica sospensione dovuta alle enormi perdite di ieri.

    L’indice composito di Shanghai aveva aperto perdendo il 3%, ma alla fine della sessione mattutina era risalita dello 0,41%.

    La borsa di Hong Kong ha invece chiuso con una leggera perdita dello 0,02%; quella di Shenzhen era a meno 0,53%.

    Ieri alle 13.33 le borse cinesi sono state chiuse perché il mercato stava perdendo il 7%. L’interruzione degli scambi è dovuto a un nuovo sistema di regole messe in atto dalla Cina dopo le drammatiche cadute del suo mercato nei passati mesi estivi. Il mercato viene sospeso quando l’indice composito perde fino al 5%.

    Il timore di un nuovo periodo di volatilità, ha trascinato tutte le borse mondiali in campo negativo. A New York, nella prima giornata di lavoro del nuovo anno, gli indici hanno perso fino al 2%.

    Quest’oggi anche Seoul è per ora in attivo con un incremento dello 0,8%. La borsa di Tokyo, dopo le perdite di ieri, ha recuperato finora lo 0,4%.

    I vari segnali di stentatezza che provengono dall’economia cinese spingono gli analisti a pensare che quest’anno gli scambi nella borsa cinese verranno bloccati molto spesso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2016 CINA
    Ancora in forte discesa le borse cinesi
    Shanghai perde il 3,2%; Shenzhen il 4,4; Hong Kong il 2,4. L’economia cinese del 2016 è “il peggior incubo”. Scendono anche le altre borse dell’Asia.

    22/11/2011 ASIA
    Banca Mondiale: Le economie dell’Asia in leggero calo per la crisi in Europa
    La crescita per il 2012 sarà del 7,8 (dall’8,2 nel 2011). Per la Cina, dal 9,1 di quest’anno all’8,4% nel prossimo anno. Scende la domanda dall’estero, si riducono i prestiti dalle banche internazionali. L’East Asia invitata a puntare sulla domanda interna o regionale. In Cina i primi segni della bolla immobiliare.

    30/05/2012 CINA - HONG KONG
    Scendono le borse: Pechino esclude un nuovo pacchetto di stimoli all'economia
    Esperti ed economisti mettono in guardia dal prestito facile, che ha provocato sovrappiù di investimenti, bolle speculative nel settore edilizio e inflazione. Occorre cambiare il modello di sviluppo.

    18/09/2015 CINA-USA
    La “preoccupante crescita della Cina” fra i motivi del tasso zero della Fed
    Per Janet Yellen, capo della Fed, Cina e mercati emergenti hanno prospettive incerte. La borsa di Shanghai in leggera ripresa pur in una settimana negativa. Scetticismo su Cina, Usa e economia mondiale.

    23/07/2012 ASIA
    Borse asiatiche in discesa: i problemi dell'euro e della Cina
    L'euro al valore più basso in 12 anni sullo yen. Timori per un'ulteriore caduta delle esportazioni asiatiche in Europa. La Cina rivede al ribasso la sua crescita a causa del problema esportazioni. Il governo giapponese: Il rallentamento dell'economia globale è sempre più diffuso.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®