13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2017, 13.24

    CINA

    La conferenza stampa di Li Keqiang: il detto e il non detto

    Bernardo Cervellera

    È durata oltre due ore. Il premier ha risposto a 18 domande: sui rapporti fra Cina e Stati Uniti; sul Mar Cinese meridionale, su Hong Kong e Taiwan; sulla penisola coreana; sull’economia. Una specie di “tisana” che calma le acque. Ma le tensioni rimangono. Pechino in guerra commerciale con Taiwan e Corea del Sud. Le “distorsioni” verso Hong Kong. I Paesi dell’Asean non devono “prendere posizione”, ma intanto cresce la militarizzazione delle isole contese.

    Roma (AsiaNews) – A chiusura dell’Assemblea nazionale del popolo, come da tradizione pluriennale, questa mattina il premier Li Keqiang ha presieduto una conferenza stampa di oltre due ore, rispondendo a ben 18 domande postegli da giornalisti stranieri e cinesi.

    I partecipanti hanno ammirato l’affabilità familiare con cui Li si è rivolto ai giornalisti, il quale si è stupito più volte al sentire stranieri parlare un buon cinese. Allo stesso tempo essi esprimono dubbi che la conferenza stampa sia stata una specie di “tisana” che calma e appiana ogni cosa, senza evidenziare i problemi. In più, a seguire le cronache di questi giorni ci si accorge che quanto detto da Li è contraddetto dai fatti.

    Il tempo più lungo nelle risposte è stato preso dai rapporti fra Cina e Stati Uniti e dalle questioni economiche. A seguire, i problemi della penisola coreana, i rapporti con Hong Kong e Taiwan.

    Cina-Usa

    Li ha confermato che Pechino e Washington stanno lavorando per un summit fra i presidenti Xi Jinping e Donald Trump. Nonostante le accuse di quest’ultimo su Pechino come “manipolatrice di valuta”, le minacce di mettere tasse sulle importazioni cinesi e la mossa di rivedere la politica dell’unica Cina (tornando a valorizzare il rapporto con Taiwan), Li ha espresso speranza che il rapporto “possa continuare in una direzione positiva”. Egli ha fatto notare che una guerra commerciale fra le due potenze danneggerebbe anzitutto le industrie americane. Per questo egli suggerisce alle due parti di “mettersi a sedere e cominciare a dialogare e lavorare insieme per trovare soluzioni”.

    Ai problemi del rapporto fra Cina e Usa è legata la questione del Mar Cinese meridionale, con l’escalation militare della Cina e le minacce degli Stati Uniti. Almeno due giornalisti hanno fatto notare che i Paesi del Sud-est asiatico si trovano divisi e costretti a “prendere posizione” per uno o l’altro. Li ha detto che non vuole vedere i Paesi dell’Asean “prendere posizione” come è avvenuto in passato durante la Guerra fredda. Egli ha assicurato che Pechino continuerà a sostenere il ruolo autorevole dell’Asean nella regione e a coltivare rapporti di buon vicinato con essi, usando la diplomazia per risolvere le differenze sulle dispute territoriali. In realtà – una cosa non detta da Li – la Cina continua la sua opera di militarizzazione in alcune delle isole contese nel mar Cinese meridionale, facendole apparire come “costruzioni civili” e stornandole dal suo bilancio militare.

    Economia

    Il premier ha rassicurato sulle capacità del Paese di crescere secondo le previsioni attorno al 6.5% e ha detto che è tempo di eliminare le previsioni di una “dura caduta (hard landing)” dell’economia cinese. Egli ha anche assicurato che la crescita di questi anni è dovuta non alle iniezioni di capitali statali e ai prestiti facili delle banche, ma a una modernizzazione delle industrie e alla crescita del consumo interno. In realtà, ancora lo scorso gennaio il governo ha iniettato enormi crediti nell’economia e lo stesso è avvenuto in febbraio.

    In ogni modo, Li ha ribadito che grazie alla crescita del 6,5%, la Cina rimarrà un’importante forza a sostegno della crescita economica globale. Secondo Li, la sfida più grande per il Paese è ridurre le procedure amministrative e burocratiche.

    Negli ultimi quattro anni la Cina ha creato più di 13 milioni di posti di lavoro ogni anno. A causa delle ristrutturazioni, quest’anno dovrà provvedere a reinserire nel mondo del lavoro almeno un milione di disoccupati. Il governo ha stabilito un fondo speciale di 100 miliardi di yuan per offrire assistenza ai disoccupati.

    Penisola coreana

    Sul tema della Nord Corea e del suo programma nucleare e delle tensioni crescenti nella penisola, Li ha messo in guardia tutti dicendo che tali tensioni “potrebbero portare a un conflitto”.

    Curiosamente, egli non ha accennato al braccio di ferro con Seoul e Washington sul dispiegamento del sistema anti-missili Thaad, che vede Pechino fortemente contraria. E, al di là del suo mostrarsi come campione di economia globalizzata, con le “porte sempre aperte”, la Cina sta attuando una guerra economica contro la Corea del Sud.

    Hong Kong e Taiwan

    Su Hong Kong, Li ha messo in luce l’urgenza di maggiore cooperazione con la madrepatria e ha proposto una nuova iniziativa per permettere agli investitori del territorio di entrare nel mercato dei buoni del tesoro cinesi. Egli ha anche ribadito l’importanza del principio “Una nazione due sistemi”, ma ha anche detto che esso non va “distorto”. Dieci giorni prima, nella sua relazione iniziale, Li aveva accennato alla “strada senza sbocco” di una possibile indipendenza di Hong Kong. In ogni caso, né allora, né oggi si è fatto accenno alle “distorsioni” del principio “una nazione, due sistemi” che la Cina attua su Hong Kong, con i sequestri di editori, businessmen, e la massiccia influenza sulle elezioni.

    Riguardo a Taiwan, Li ha proclamato che Cina e Taiwan “sono un’unica famiglia”. Ma non ha detto che nessuna tivu di Taiwan ha avuto il permesso di trasmettere in diretta la conferenza stampa. Li ha naturalmente escluso l’indipendenza dell’isola, ma ha nascosto la guerra commerciale in corso da quando Tsai Ing-wen è presidente, con prodotti taiwanesi bloccati alla dogana.

    Un’ultima cosa importante su cui Li non si è pronunciato è sul suo destino. Molti osservatori pensano che in ottobre, con il prossimo Congresso del Partito, egli sarà defenestrato da Xi Jinping. Con molta cautela, alla fine della conferenza stampa egli ha solo detto: “Ci vedremo quando ci sarà un’altra occasione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/03/2017 11:03:00 CINA
    Pechino aumenta le spese militari del 7%. Ma c’è chi vorrebbe superare Trump

    Da due anni il budget delle Forze armate è al di sotto del 10%. La Cina deve difendersi dalle “intromissioni di esterni” nelle dispute territoriali. Generale in pensione: Dovremmo superare gli Usa e accrescere le spese militari del 12%. L’escalation fra tutti i Paesi della regione.



    26/09/2016 12:23:00 ASIA – STATI UNITI
    Le presidenziali americane, una “sfida imprescindibile” per l’Asia dell’Est

    Pechino, Seoul e Tokyo seguiranno con molta attenzione il primo dibattito fra i candidati alle elezioni americane. La Clinton e Trump hanno posizioni diverse che, in misura diversa, convincono i vari Stati asiatici. Il rapporto bilaterale Usa-Cina non è in discussione, vista l’interdipendenza commerciale: resta da capire come sarà la convivenza. Il rapporto con l’islam e il terrorismo islamico, incognita di peso.

     

     

     



    08/04/2017 11:53:00 USA-CINA
    Incontro Xi-Trump: la promessa di maggior dialogo e una visita in Cina

    Per il presidente Usa vi è stato un “tremendo progresso” nell’amicizia. Entro 100 giorni una struttura per affrontare lo squilibrio della bilancia commerciale. Silenzio cinese su Nordcorea e dispute marittime. Silenzio Usa sulla collaborazione alla lotta contro la corruzione.



    09/03/2017 11:46:00 CINA
    Pechino: il sobrio (e non accurato) bilancio delle spese militari nasconde le spese per la sicurezza interna

    Per controllare solo la metà di tutti i portatori di petizioni, occorre spendere almeno 146 miliardi di dollari Usa, pari al bilancio della difesa. Allo studio un sistema che controlla le targhe delle auto. La “stabilità” è il cruccio della leadership. Nelle spese per l’esercito non si contano le spese “a doppio uso”, anche civile. Ma Pechino fa passare come “uso civile” molte spese militari nelle isole contese del Mar Cinese meridionale.



    10/10/2016 12:45:00 ASIA-USA
    Come gli asiatici guardano il dibattito Trump-Clinton

    Il dibattito presidenziale di ieri ha trattato temi asiatici solo ai margini affossandosi su temi domestici e su un basso livello dei temi (soprattutto sessuali). Giapponesi più favorevoli alla Clinton. Coreani indecisi. Singapore preoccupata della mancanza di posizione sulle questioni del mar Cinese meridionale. La Cina rimane ufficialmente neutrale. Immigrati cinesi favorevoli a Trump. Gli indiani sostengono la Clinton.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®