23 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 01/06/2010, 00.00

    CINA

    La crescita cinese rallenta ancora a maggio. I timori di Wen Jiabao



    L’aumento della produzione industriale è frenato dalla crisi europea e dalle misure governative per rallentare la speculazione immobiliare. Il premier Wen, da Tokyo, ammonisce che c’è il rischio di una seconda crisi globale, ma è fiducioso sulla crescita cinese.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Continua, ma rallenta la crescita della produzione industriale in Cina, a maggio. Il premier cinese Wen Jiabao ammonisce che l’economia mondiale potrebbe tra breve tempo affrontare un nuovo periodo di difficoltà, anche se è ottimista sul proseguimento della crescita economica del suo Paese.

    Esperti attribuiscono la minor crescita alla crisi europea, che frena l’esportazione cinese, e alle misure adottate dal governo contro la speculazione immobiliare con conseguente diminuzione di vendite e nuove costruzioni. C’è il timore che la crisi europea possa rallentare ancora di più la crescita cinese: l’Unione europea è il primo partner commerciale di Pechino.

    Ieri Wen, in visita a Tokyo, ha ammonito contro il pericolo di una seconda crisi economica globale. Egli ha definito “prematura” la convinzione che la crisi mondiale sia ormai superata e ha ricordato l’elevata disoccupazione negli Stati Uniti e l’eccessivo indebitamento verso l’estero di molti Paesi come la Grecia. “L’economia mondiale è stabile – ha detto – e comincia a recuperare, ma questo recupero è lento e ci sono molti fattori di incertezza e destabilizzanti”. Wen ritiene comunque che ci sia “un cammino difficile” prima che le esportazioni cinesi possano tornare ai livelli pre-crisi.

    I dati generali mondiali mostrano una diminuzione globale della produzione industriale, con cali in Australia e Stati Uniti, mentre l’Ue appare stabile.

    Gli analisti cinesi mostrano cautela. Zhang Liqun, esperto del Centro Ricerche e Sviluppo presso il Consiglio di Stato, vera intelligence economica cinese, prevede che “l’economia può mantenere una crescita di relativa velocità, ma il tasso di crescita può rallentare”. Pechino punta molto sull’aumento del consumo interno e dell’esportazione in Asia.

    Altri analisti osservano che si sta esaurendo l’effetto trainante conseguente ai robusti finanziamenti erogati dalla Cina per stimolare l’economia e prevedono ulteriori rallentamenti.

    Pechino appare intanto interessata anzitutto a contenere l’inflazione e la speculazione immobiliare: ad aprile i prezzi immobiliari sono saliti del 12,8% rispetto all’aprile 2009. Invece non appare intenzionata a rivedere il valore dei cambio dello yuan, fermo ai valori di luglio 2008.

    A maggio la borsa di Shanghai è scesa del 9,7%, maggior declino da agosto 2009, sempre tirata giù dalle preoccupazioni per le difficoltà dell’Ue.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/10/2008 CINA
    “La Cina è in salute, ma non deve sottovalutare la crisi globale in atto”
    Il direttore della Banca centrale cinese Zhou Xiaochuan illustra la situazione del Paese e le possibili strategie. Pechino si mostra cauta, in attesa di vedere quanto la crisi mondiale potrà colpirla, ma sicura che potrà proseguire la sua rapida crescita.

    29/07/2009 CINA - STATI UNITI
    Stati Uniti e Cina hanno iniziato a progettare la finanza mondiale per salvarsi dalla crisi
    Al vertice a Washington i due Paesi hanno preso impegni per contenere il deficit e salvaguardare il valore del dollaro Usa, diminuire la dipendenza cinese dall’export, liberalizzare i mercati finanziari. Esperti: consapevoli della loro interdipendenza, Cina e Usa provano a crescere insieme.

    23/05/2012 CINA – ASIA – EUROPA
    Pechino teme la Grecia, che può rovinare il suo Pil e il potere del Partito
    Il maggior fondo di investimento cinese – che gestisce 440 miliardi di euro – ha interrotto l’acquisto di bond europei e ha accusato i vertici continentali di “mancanza di leadership” nella gestione della crisi dell’Eurogruppo. Nel frattempo le Borse asiatiche continuano a scivolare e la crescita cinese è messa a rischio. Se cala il Pil aumentano le tensioni sociali, e questo mette a rischio il dominio del governo comunista.

    09/07/2009 CINA
    Cresce la vendita di auto in Cina: quasi del 50% in un mese
    In molti Paesi sviluppati le vendite sono in calo. Esperti ritengono che il dato dipenda anzitutto dai finanziamenti statali per il settore. Stime ottimistiche dello Stato circa la crescita economica 2009: +8%.

    10/08/2011 CINA
    La crisi mondiale non colpisce ancora l’export cinese, record a luglio
    Surplus di 31,5 miliardi di dollari negli scambi commerciali con l’estero, record da 2 anni; apprezzamento dello yuan, un record da 17 anni. Ma si prevede che la crisi globale colpirà le esportazioni dei prossimi mesi. Pechino si dice pronta a cambiare le sue “priorità economiche”, ma chiede un controllo mondiale sui singoli Paesi.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®