05/04/2018, 08.50
CINA
Invia ad un amico

La moglie di un avvocato per i diritti umani in marcia per 100 km per rompere il silenzio sull’arresto del marito

di Wang Zhicheng

La donna arriverà a Tianjin, dove forse suo marito è tenuto prigioniero. Da 1000 giorni non si sa nulla di lui. Timori per torture e violenze. Nella marcia, Li Wenzu è accompagnata da Wang Qiaoling, moglie dell’avvocato cristiano Li Heping, condannato lo scorso aprile.

Pechino (AsiaNews) – Li Wenzhou, moglie dell’avvocato per i diritti umani, Wang Quanzhang, ha cominciato ieri una marcia di oltre 100 km da Pechino a Tianjin per avere notizie su suo marito, da più di 1000 giorni nelle mani della polizia. La donna pensa che il marito sia imprigionato a Tianjin.

Wang Quanzhang è uno dei avvocati per i diritti umani che in passato ha difeso persone torturate dalla polizia, membri del movimento spirituale della Falun Gong, contadini defraudati delle terre.

Egli è scomparso nelle mani della polizia nell’agosto 2015 in seguito a una feroce campagna delle autorità contro gli avvocati per i diritti umani. La campagna è stata denominata “709” perché iniziata il 9 luglio 2015 e ha portato all’arresto, alla condanna e al fermo di centinaia di avvocati.

Molti degli arrestati – almeno il 50% - sono cristiani (protestanti e cattolici) che usano le strettoie della legge cinese per difendere comunità, sacerdoti e pastori dai soprusi delle autorità locali. Diversi di loro hanno difeso le comunità del Zhejiang durante la campagna di distruzione delle croci.

Li Wenzu afferma che le autorità le hanno notificato l’arresto di suo marito, ma né lei né il suo avvocato hanno mai avuto la possibilità di incontrarlo.

Un tale lungo silenzio preoccupa la famiglia e gli attivisti per i diritti umani. Diversi avvocati prima detenuti e poi liberati hanno rivelato di essere stati torturati: shock elettrici; immersione in gabbia sott’acqua; assunzione forzata di droghe, privazione del sonno, violenze fisiche e verbali.

Dopo tre anni, molti degli arrestati sono stati condannati alla prigione o agli arresti domiciliari. Diversi fra loro hanno fatto pubbliche confessioni in video, che i loro familiari ritengono strappate con la violenza.

In tutti questi anni, Li Wenzu ha sempre lottato per avere notizie sul marito, sostenuta dalle mogli di altri avvocati arrestati. Nella Marcia che la donna ha intrapreso ieri, è accompagnata da Wang Qiaoling, moglie dell’avvocato cristiano Li Heping, condannato lo scorso aprile.

Secondo esperti, la campagna di arresti e condanne degli avvocati del 709 cancella le promesse fatte dal presidente cinese Xi Jinping sull’attuare uno stato di diritto in Cina.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani, condannato a 4 anni e mezzo di prigione
28/01/2019 08:50
Li Wenzu agli arresti domiciliari: 'Se vieni fuori ti uccidiamo'
12/04/2018 13:45
Tre anni di carcere per Li Heping, avvocato cristiano per i diritti umani
29/04/2017 09:29
Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani agli arresti, forzato a prendere medicine
20/07/2018 11:16
Avvocati di Hong Kong chiedono libertà per Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani in Cina
19/12/2018 08:56