24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/09/2010, 00.00

    INDIA

    La nascita di Maria e la sofferenza di milioni di donne in India

    Santosh Digal

    La Chiesa indiana celebra oggi il Day of the Girl Child per condannare la discriminazione della donna nella società indiana. Solo il 67,7% delle bambine tra 15 e 24 anni riceve un’istruzione e circa il 40% delle donne sposate subisce violenze all’interno delle mura familiari. India agli ultimi posti per il tasso di crescita della popolazione femminile, a causa dei diffusi feticidi, aborti e selezione prenatale.

    New Delhi (AsiaNews) – Nel giorno dedicato alla nascita della Vergine Maria, la Chiesa indiana celebra oggi il Day of the Girl Child, per ricordare le migliaia di bambine e ragazze che ogni giorno subiscono nel Paese continue discriminazioni e violenze. In un comunicato, la Conferenza episcopale indiana afferma che “tutte le forme di violazione dei diritti di bambine e ragazze devono essere eliminate, fuori e all’interno della famiglia”.

    La tradizionale discriminazione della donna ha reso l’India uno dei Paesi al mondo con il più basso tasso di crescita della popolazione di genere femminile.

    In un rapporto del Fondo per i bambini delle Nazioni Unite (Unicef) del 2006 è emerso che in India ogni giorno nascono 71mila neonati e solo 31mila sono femmine, con un rapporto di 882 femmine per ogni 1.000 maschi. Secondo la proporzione mondiale di 954 a 1.000, dovrebbero nascere almeno 38mila bambine ogni giorno. Si ritiene che questo minor numero, di almeno 7mila bambine al giorno, sia conseguenza dei diffusi aborti selettivi compiuti dai genitori contro i feti femminili.

    Nonostante sia punito dalla legge, il feticidio è diffuso in India per la maggior  importanza attribuita ai maschi. Questa sproporzione è stata riscontrata in 51 distretti del Paese. La discriminazione continua anche dopo la nascita. Solo il 67,7% delle bambine tra 15 e 24 anni riceve un’istruzione e circa il 40% delle donne sposate subisce violenze all’interno delle mura familiari.

    Suor Lilly Francis, segretaria della Commissione per le donne per la Conferenza episcopale indiana, sottolinea che governo, società civile e Chiesa devono sviluppare strategie efficaci per proteggere la donna e in particolare le ragazze minorenni. La religiosa afferma che la Chiesa si batte da anni contro la discriminazione femminile e cerca di creare un’immagine diversa della donna attraverso progetti di formazione, inserimento al lavoro, sostegno psicologico e spirituale per i casi di aborto e stupro. Suor Lilly invita il governo a prendere rigorose misure legislative contro la selezione prenatale, l’infanticidio, i matrimoni coatti, prostituzione e lavoro minorile.

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/05/2010 INDIA
    Gujarat: ragazza di 13 anni stuprata costretta ad abortire su consiglio della Corte
    I giudici hanno accolto la richiesta di interruzione di gravidanza fatta dalla madre ribaltando il giudizio negativo del tribunale locale. Essi giudicano la nascita del bambino un pericolo per la salute mentale della ragazza e un problema economico e sociale per la famiglia. Mons. Agnelo Gracias, presidente della Commissione per la famiglia e per la Vita della Conferenza episcopale indiana: “La giustizia dovrebbe punire il criminale e non l’innocente”.

    26/01/2013 INDIA
    Mumbai, "37 milioni di luci" contro gli aborti selettivi e la violenza sulle donne
    Il numero si riferisce alla disparità di numero tra maschi e femmine segnalata dall'ultimo censimento nazionale (2011). Nelle parrocchie dell'arcidiocesi si accenderanno 37 milioni di lampade e candele. Per il direttore del settimanale cattolico The Examiner serve un'educazione spirituale e sessuale, per portare un cambiamento di mentalità che rispetti la dignità e la sacralità dell'essere umano. Il messaggio della Conferenza episcopale per la Festa della repubblica indiana.

    18/05/2010 INDIA
    La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
    La Conferenza episcopale, insieme ai superiori delle congregazioni religiose indiane, si riunisce per studiare le norme da applicare in caso di crimini di natura sessuale. Il vescovo di Pune spiega: “Tolleranza zero per chi sbaglia. Il Papa ha indicato la via, sbagliato criticarlo”.

    08/09/2011 INDIA
    La Natività di Maria, contro gli aborti selettivi delle bambine
    Portavoce dell’arcidiocesi di Mumbai: “Far coincidere la Giornata della bambina con la festa per la nascita della Vergine ci ricorda che Maria era speciale perché normale”. In India aborti selettivi, infanticidi femminili, spose bambine, abusi e prostituzione minorile sono ancora diffusissimi.

    14/12/2013 SRI LANKA
    Vescovi dello Sri Lanka: Il Paese è in crisi, restaurare la pace nelle zone colpite dalla guerra
    La Conferenza episcopale ha presentato una lettera pastorale, indirizzata "non a un governo, un presidente o un partito in particolare", ma alla situazione in generale. Nel documento sono indicati alcuni provvedimenti per favorire la riconciliazione: reinsediamento dei profughi di guerra; far emergere la verità sulle sparizioni e sui morti; eliminare ogni forma di tortura.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®