27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/08/2012, 00.00

    NEPAL

    La polizia sventa un attentato degli estremisti indù nel centro di Kathmandu

    Kalpit Parajuli

    Obiettivo dell'attacco una delle aree più popolate della capitale e una stazione di autobus a Biratnar (Est del Paese). L'attentato era stato pianificato da Ram Prasd Mainali, leader del Nepal Defense Army, arrestato nel 2009. Egli dirigeva le operazioni dal carcere. Esplosivo, armi e denaro erano forniti da gruppi terroristi islamici di stanza in Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

    Kathmandu (AsiaNews) - La polizia nepalese sventa un piano degli estremisti indù per far saltare in aria due cinema e un autobus in uno dei quartieri più popolati di Kathmandu. Gli agenti hanno appreso la notizia  durante l'interrogatorio di sette terroristi implicati nell'omicidio di Rana Bahadur Bam, giudice della Corte suprema assassinato lo scorso 31 maggio a Kathmandu.

    La mente degli attentati è Ram Prasad Mainali, leader del Nepal Defense Army, in carcere dal 2009. Secondo la polizia, egli avrebbe utilizzato ex carcerati incontrati in prigione, per comunicare con i quadri dell'Nda ancora in libertà. Gli obiettivi erano due cinema situati nel centro di Kathmandu, un autobus e una stazione di trasporti a Biratnar (Nepal Orientale).  Dalle indagini è emerso che gli incaricati di compiere l'attacco sono stati addestrati in Qatar e a Dubai da estremisti islamici. Essi avrebbero ricevuto anche denaro, circa 1500 euro, armi ed esplosivo. Le autorità definiscono la scoperta "inquietante" e hanno disposto nuove misure di sicurezza per evitare a Mainali di comunicare con l'esterno.

    Kuber Singh Rana, vice-ispettore generale di polizia e guida della indagini sull'omicidio del giudice Bahadur Bam, sottolinea che "se le bombe non fossero state scoperte in tempo, vi sarebbero stati molti morti e feriti".  

    L'instabilità politica, la crisi economica e l'assenza di una costituzione scritta hanno causato un revival della monarchia indù, caduta nel 2007 dopo 11 anni di guerra civile e migliaia di morti. Bijaya Kumar Gachhadar, ministro degli interni, avverte che "diversi gruppi estremisti stanno sfruttando il caos politico per infiltrarsi all'interno del parlamento. Egli assicura che il governo farà di tutto per difendere la popolazione, e soprattutto le minoranze religiose, da altri attacchi,    

    Nel marzo 2011, Mainali aveva pianificato una serie di attentati contro chiese ed edifici pubblici, ma anche in questo caso la polizia era riuscita a sventarli grazie alla confessione  di un membro dell'Nda. Il 14 gennaio 2010 Mainali ha inviato una lettera a cristiani e musulmani dove chiedeva perdono per le violenze commesse. La polizia non ha mai creduto al suo pentimento, utilizzato solo per aver una riduzione di pena.

    Fino al 2007 l'Nda era una formazione poco nota alle autorità, ma è venuta alla luce negli ultimi anni con una serie di attività terroristiche fra cui omicidi, esplosioni e intimidazioni. Il suo obiettivo è quello di creare in Nepal uno stato di stampo induista. Il gruppo è responsabile dell'attentato alla cattedrale cattolica di Kathmandu, avvenuto nel 2009, dell'attacco alla Union Mission to Nepal, organizzazione protestante. Gli estremisti sono anche accusati dell'uccisione di p. John Prakash, rettore della scuola salesiana di Sirsya (Morang), ucciso nel luglio 2007. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/08/2012 NEPAL
    Nepal, terroristi indù minacciano nuovi attacchi contro i cristiani e musulmani
    Il nuovo capo del Nepal Defense Army pronto a compiere attentati contro chiese cattoliche ed edifici di culto. Minacce al parroco della cattedrale dell'Assunzione e un a leader protestante.

    27/02/2012 NEPAL
    Bomba esplode nel complesso amministrativo di Kathmandu, tre morti
    Per le autorità è il più grave attentato dal 2009. L'ordigno ha colpito la sede della Nepal Oil Corporation. A rivendicare l'attacco, un piccolo gruppo terrorista che si batte per i diritti delle minoranze indigene.

    14/01/2010 NEPAL
    Estremista indù chiede perdono a cristiani e musulmani per le violenze
    Dal carcere di Nakkhu (Kathmandu), Ram Prasad Mainali ex leader del Nepal Defence Army dice di essere cambiato grazie alla lettura della Bibbia. Insieme all suo gruppo è responsabile degli attentati alla cattedrale di Kathmandu del 23 maggio scorso e alla Moschea Birantnagar avvenuto il 26 aprile. Parroco della cattedrale: “Dobbiamo comprendere se il suo è un vero cambiamento”.

    08/02/2011 NEPAL
    Indù e cristiani nepalesi: false le denunce di conversioni forzate al cristianesimo
    I monarchici indù dichiarano un milione di conversioni dall’induismo al cristianesimo dalla fine della monarchia. Leader religiosi di entrambe le fedi accusano i partiti estremisti indù di strumentalizzare la religione per avere consensi.

    21/01/2011 NEPAL
    Il governo nepalese mette sotto controllo le collette dei festival indù
    È il primo provvedimento che colpisce la comunità indù dalla caduta della monarchia. Lo scopo è evitare il finanziamento di gruppi radicali e il traffico illegale di denaro destinato a presunte opere di bene.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®