31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/08/2012
NEPAL
La polizia sventa un attentato degli estremisti indù nel centro di Kathmandu
di Kalpit Parajuli
Obiettivo dell'attacco una delle aree più popolate della capitale e una stazione di autobus a Biratnar (Est del Paese). L'attentato era stato pianificato da Ram Prasd Mainali, leader del Nepal Defense Army, arrestato nel 2009. Egli dirigeva le operazioni dal carcere. Esplosivo, armi e denaro erano forniti da gruppi terroristi islamici di stanza in Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

Kathmandu (AsiaNews) - La polizia nepalese sventa un piano degli estremisti indù per far saltare in aria due cinema e un autobus in uno dei quartieri più popolati di Kathmandu. Gli agenti hanno appreso la notizia  durante l'interrogatorio di sette terroristi implicati nell'omicidio di Rana Bahadur Bam, giudice della Corte suprema assassinato lo scorso 31 maggio a Kathmandu.

La mente degli attentati è Ram Prasad Mainali, leader del Nepal Defense Army, in carcere dal 2009. Secondo la polizia, egli avrebbe utilizzato ex carcerati incontrati in prigione, per comunicare con i quadri dell'Nda ancora in libertà. Gli obiettivi erano due cinema situati nel centro di Kathmandu, un autobus e una stazione di trasporti a Biratnar (Nepal Orientale).  Dalle indagini è emerso che gli incaricati di compiere l'attacco sono stati addestrati in Qatar e a Dubai da estremisti islamici. Essi avrebbero ricevuto anche denaro, circa 1500 euro, armi ed esplosivo. Le autorità definiscono la scoperta "inquietante" e hanno disposto nuove misure di sicurezza per evitare a Mainali di comunicare con l'esterno.

Kuber Singh Rana, vice-ispettore generale di polizia e guida della indagini sull'omicidio del giudice Bahadur Bam, sottolinea che "se le bombe non fossero state scoperte in tempo, vi sarebbero stati molti morti e feriti".  

L'instabilità politica, la crisi economica e l'assenza di una costituzione scritta hanno causato un revival della monarchia indù, caduta nel 2007 dopo 11 anni di guerra civile e migliaia di morti. Bijaya Kumar Gachhadar, ministro degli interni, avverte che "diversi gruppi estremisti stanno sfruttando il caos politico per infiltrarsi all'interno del parlamento. Egli assicura che il governo farà di tutto per difendere la popolazione, e soprattutto le minoranze religiose, da altri attacchi,    

Nel marzo 2011, Mainali aveva pianificato una serie di attentati contro chiese ed edifici pubblici, ma anche in questo caso la polizia era riuscita a sventarli grazie alla confessione  di un membro dell'Nda. Il 14 gennaio 2010 Mainali ha inviato una lettera a cristiani e musulmani dove chiedeva perdono per le violenze commesse. La polizia non ha mai creduto al suo pentimento, utilizzato solo per aver una riduzione di pena.

Fino al 2007 l'Nda era una formazione poco nota alle autorità, ma è venuta alla luce negli ultimi anni con una serie di attività terroristiche fra cui omicidi, esplosioni e intimidazioni. Il suo obiettivo è quello di creare in Nepal uno stato di stampo induista. Il gruppo è responsabile dell'attentato alla cattedrale cattolica di Kathmandu, avvenuto nel 2009, dell'attacco alla Union Mission to Nepal, organizzazione protestante. Gli estremisti sono anche accusati dell'uccisione di p. John Prakash, rettore della scuola salesiana di Sirsya (Morang), ucciso nel luglio 2007. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/08/2012 NEPAL
Nepal, terroristi indù minacciano nuovi attacchi contro i cristiani e musulmani
di Kalpit Parajuli
27/02/2012 NEPAL
Bomba esplode nel complesso amministrativo di Kathmandu, tre morti
di Kalpit Parajuli
14/01/2010 NEPAL
Estremista indù chiede perdono a cristiani e musulmani per le violenze
di Kalpit Parajuli
08/02/2011 NEPAL
Indù e cristiani nepalesi: false le denunce di conversioni forzate al cristianesimo
di Kalpit Parajuli
21/01/2011 NEPAL
Il governo nepalese mette sotto controllo le collette dei festival indù
di Kalpit Parajuli

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate