5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
VATICANO - CINA
La predica di Pechino: sull'ordinazione di Harbin il Vaticano è "barbaro e irrazionale"
di Bernardo Cervellera
In un commento alla Nota diffusa da Propaganda Fide, l'Ufficio affari religiosi critica la Santa Sede che "soffoca la libertà ed è intollerante". Minacce di nuove ordinazioni episcopali "auto-elette" e "auto-ordinate", senza l'autorità del papa. Al Partito manca il senso della storia. Ma ha il senso degli "affari" e della corruzione: il controllo sugli "affari religiosi" frutta ai burocrati circa 13 miliardi di euro.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Nota contro Nota; scomunica contro scomunica; dolore vero contro dolore falso; teologia contro bassa politica: in risposta alla Nota diffusa dalla Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli, sull'ordinazione senza mandato papale che si terrà a Harbin (Heilongjiang) il 6 luglio,  l'Ufficio affari religiosi della Cina ha subito riposto con una "Nota" da parte di un anonimo portavoce.

Il fatto farebbe solo sorridere per il ridicolo di cui si copre la seconda potenza economica mondiale, che difende la "libertà religiosa" e "la tolleranza" e poi sequestra un sacerdote, p. Giuseppe Zhao Hongchun, solo perché è fedele alle indicazioni della Santa Sede.

Con uno stile approssimativo e poco diplomatico l'Amministrazione statale per gli affari religiosi (Asar, il nuovo nome dell'Ufficio affari religiosi) ha diffuso infatti attraverso Xinhua di ieri tutto il suo stupore per l'atteggiamento vaticano, giudicato "scandaloso", "scioccante", "pieno di minacce", "barbaro e irrazionale".

La Nota vaticana ricorda che nella Chiesa cattolica le nomine dei vescovi avvengono su mandato del papa e che trasgredire a questo elemento della fede porta "divisioni, lacerazioni e tensioni nella comunità cattolica in Cina". Ne è prova quanto succede ad Harbin in questi giorni in cui molti preti si nascondono per non partecipare alla consacrazione del vescovo illecito; e quanto succede in diverse parti della Cina, dove i vescovi scomunicati sono lasciati soli dai fedeli e i sacerdoti preferiscono entrare nelle comunità sotterranee.

Per l'Asar è tutto il contrario: è l'atteggiamento vaticano, con le sue "accuse e interferenze" a creare "restrizioni alla libertà e intolleranza, minando un sano sviluppo della Chiesa cattolica in Cina e non portando alcun beneficio alla Chiesa universale".

In questo raptus di amore "alla libertà" e contro "l'intolleranza", l'Asar - un'agenzia statale! - si mette a difendere le il candidato all'elezione, il p. Giuseppe Yue Fusheng, definito "devoto nella fede, moralmente a posto, onesto".

Va detto che il Vaticano considera Yue un bravo prete, ma un po' debole per sostenere le responsabilità episcopali. Quello che alla "tollerante" Asar non piace è che vi sia qualcuno che abbia un'opinione diversa dalla propria, soprattutto in materie religiose!

Il punto è infatti che l'Ufficio per gli affari religiosi non è un qualcosa che vigili su possibili criminalità delle religioni, ma vuole intervenire come una specie di "papa" nelle questioni squisitamente spirituali.

Così l'Asar rivendica che i suoi vescovi, scelti dal Partito con il metodo della "auto-elezione" e della "auto-ordinazione", sono "uguali a tutti gli altri vescovi del mondo" e - a differenza di quanto dice il Vaticano - essi sono "leciti" e "validi" i loro sacramenti. Forse qualcuno dovrebbe spiegare a questi burocrati che il Medioevo e i vescovi che ricevevano l'investitura dall'imperatore sono morti da un pezzo. Basterebbe che si confrontassero coi Paesi vicini - Corea, Giappone, Singapore, Mongolia e perfino Vietnam - per vedere quanto indietro sono rispetto a un Paese moderno dove Stato e Chiesa sono distinti e non uniti nel potere politico.

Ma il senso della storia è quanto di più manca alla burocrazia del Partito comunista cinese.

Ne è prova la stessa Nota diffusa dall'Asar, in cui si afferma che "nel secolo scorso, negli anni '50, le minacce di scomunica del Vaticano hanno costretto la Chiesa cattolica in Cina a percorrere la strada dell'auto-elezione e dell'auto-ordinazione".

Questi burocrati non si domandano: come mai l'auto-elezione e l'auto-ordinazione non è successo prima, nei secoli prima di Mao Zedong? Proprio non si rendono conto che la politica religiosa di Mao è un'importazione straniera, proveniente dalla Russia di Stalin?

E come mai in questa nuova stagione cinese in cui si cerca di purificare l'eredità di Mao Zedong, rimane ancora questo lascito disgustoso e umiliante per la Cina e per la Chiesa?

Le conclusioni della Nota dell'Asar sono contraddittorie: mentre affermano di essere pronti al dialogo con il Vaticano, si rivendica "la libertà" (e la minaccia) di voler continuare con vescovi "auto-nominati" e "auto-ordinati". A parte la poca diplomazia manifestata in questa posizione, si percepisce un senso di paura. Se infatti venissero ordinati vescovi non scelti dai burocrati del Partito, ma personalità davvero interessate alla Chiesa e alla società, forse verrebbero a galla tante denunce di corruzione, di ruberie, di intascamento di proprietà che sottratte all'uso perla Chiesa e per il popolo, sono divenute la base del loro benessere e del loro potere economico. Secondo un calcolo dell'Holy Spirit Study Centre di Hong Kong, sotto il manto del controllo comunista, i dirigenti degli "affari religiosi" intascano proventi per "affari economici" per circa 130 miliardi di yuan (circa 13 miliardi di euro).

Per questo vale la pena dare un consiglio al presidente Hu Jintao: nella sua lotta alla corruzione e per maggiore moralità nel suo Partito, dia la piena libertà religiosa alla Chiesa e alle religioni.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/06/2012 VATICANO - CINA
Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito
di Bernardo Cervellera
11/07/2012 CINA – VATICANO
La vendetta dell'Associazione patriottica: mons. Ma Daqin sotto indagine
di Jian Mei
11/07/2012 CINA - VATICANO
Harbin, l'Associazione Patriottica, "il Vaticano non favorisce l'unità della Chiesa"
di Justina Li
10/07/2012 VATICANO - CINA
Un calcio all'Associazione patriottica: il vescovo di Shanghai profeta ed eroe
di Bernardo Cervellera
06/07/2012 CINA-VATICANO
L'ordinazione illecita ad Harbin rafforza il partito degli "scomunicati". Liberato l'amministratore apostolico fedele al papa
di Jian Mei

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate