25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/03/2014, 00.00

    LAOS

    Laos, famiglie cristiane in fuga dal loro villaggio: hanno rifiutato di convertirsi al buddismo



    È quanto denunciano gli attivisti di Hrwlrf, secondo cui i cristiani hanno subito a lungo pressioni per abbandonare la loro fede. Per le autorità essi avrebbero lasciato il villaggio di loro “spontanea volontà”. Ora hanno ricostruito una piccola comunità in una nuova zona, più sicura, e con piena libertà di culto.

    Vientiane (AsiaNews/Agenzie) - Sei famiglie cristiane laotiane hanno dovuto abbandonare il loro villaggio natale - composto in larga maggioranza di buddisti - nel sud del Paese, perché vittime di continue pressioni; i residenti volevano costringerli ad abbandonare la loro religione e convertirsi. È quanto denunciano gli attivisti di Human Rights Watch for Lao Religious Freedom (Hrwlrf), ong con base negli Stati Uniti, secondo cui i membri della minoranza sono stati "minacciati di sfratto", nel caso in cui "non avessero rinunciato alla fede". Diversa la versione dei funzionari della provincia di Savannakhet, per i quali le famiglie avrebbero lasciato il villaggio di Natahall, nel distretto di Phin, di loro "spontanea volontà" per "evitare scontri" con gli altri abitanti. 

    Ai primi di marzo (ma la vicenda è emersa solo in questi giorni) alcune famiglie cristiane hanno abbandonato il villaggio di Natahall, costruendo nuovi alloggi in un'area distante una decina di chilometri. In passato il gruppo si era convertito al cristianesimo e questa scelta, nel tempo, ha creato malumori e insofferenze sempre più forti fra la maggioranza buddista e, in particolare, nel gruppo degli anziani e dei capi-villaggio. Dall'inizio dell'anno si è registrata una continua escalation di tensione, che è sfociata poi nella decisione di fuggire. 

    Secondo quanto riferiscono gli attivisti di Hrwlrf, i membri della minoranza cristiana sarebbero stati vittime di persecuzioni e abusi. Nel dicembre scorso i capi villaggio di Natahall, col sostegno della polizia, hanno emesso un ordine di sfratto nei loro confronti; tuttavia, il gruppo ha opposto resistenza rifiutandosi, in un primo momento, di fuggire o convertirsi. Le autorità "hanno agito in modo da bandire la fede cristiana dal villaggio ed espellere gli abitanti che continuavano a professare il cristianesimo". 

    L'ultimo episodio risale all'11 marzo scorso, quando durante un incontro pubblico i leader della comunità hanno offeso i cristiani, definendoli seguaci di una "religione straniera americana" e obbligandoli a convertirsi al buddismo. Le famiglie hanno quindi deciso di abbandonare le loro case, ricominciando una nuova vita in una zona più sicura. 

    Dall'ascesa al potere dei comunisti nel 1975, con la conseguente espulsione dei missionari stranieri, la minoranza cristiana in Laos è soggetta a controlli serrati e vi sono limiti evidenti alla pratica del culto. La maggioranza della popolazione (il 67%) è buddista; su un totale di sei milioni di abitanti, i cristiani sono il 2% circa, di cui lo 0,7% cattolici. I casi più frequenti di persecuzioni a sfondo religioso avvengono ai danni della comunità cristiana protestante: nel recente passato AsiaNews ha documentato i casi di contadini privati del cibo per la loro fede o di pastori arrestati dalle autorità. Le maglie si sono strette ancor più dall'aprile 2011, in occasione di una violenta repressione della protesta promossa da alcuni gruppi appartenenti alla minoranza etnica Hmong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2015 LAOS
    Arrestato per aver pregato, cristiano laotiano muore in carcere senza cure
    Tiang, sposato e padre di sei figli, è deceduto in cella in attesa del processo di appello. Nonostante il diabete, i vertici del carcere hanno più volte impedito all’uomo di curarsi. Egli era stato arrestato, insieme ad altre quattro persone, per aver pregato al capezzale di una malata terminale. Per le autorità era un “trattamento medico” improprio.

    15/09/2015 LAOS
    Laos, leader cristiano ucciso durante un tentativo di sequestro. Coinvolto un poliziotto
    Il pastore protestante Singkeaw Wongkongpheng è stato assassinato da cinque ignoti assalitori. Uno di loro sarebbe un poliziotto di servizio come guardia carceraria. Per i fedeli si tratta di omicidio a sangue freddo, esclusa l’ipotesi della rapina. Dietro la violenza la fede cristiana dell’uomo e l’opera di proselitismo.

    07/09/2015 LAOS
    Khammouane: due cristiani laotiani arrestati con l’accusa di “diffondere la fede"
    Da cinque giorni due uomini, sposati ed entrambi padri di tre figli, sono rinchiusi nel carcere di Khounkham. Sono stati fermati il 2 settembre, per aver visitato una famiglia e recitato una preghiera comune prima di pranzo. Dietro l’arresto la campagna lanciata dalle autorità per fermare la crescita del cristianesimo.

    26/06/2012 LAOS
    Cristiani in Laos: epurazioni e arresti per chi pratica la fede
    Nella provincia nord-occidentale di Luang Namtha le autorità hanno arrestato quattro persone, di cui due thai, per diffusione della fede “senza permesso”. Disposto subito il loro trasferimento nel carcere principale, senza attendere la conclusione delle indagini. A Savannakhet due agenti della sicurezza cacciati perché si sono convertiti.

    22/12/2011 LAOS
    Natale in prigione per otto cristiani laotiani
    Al momento le autorità non hanno ancora emesso un'accusa precisa a loro carico. Sono stati fermati per aver "organizzato" una celebrazione, cui hanno partecipato oltre 200 fedeli. Riunione fra ufficiali di polizia e capi villaggio per decidere della loro sorte. Continuano le privazioni alla libertà religiosa nel Paese comunista.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®