21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2011, 00.00

    LAOS

    Laos, allarme per la vita di due pastori protestanti in carcere da sei mesi



    Arrestati lo scorso 4 gennaio, i due leader religiosi versano in gravi condizioni di salute. Per le autorità potranno uscire dalle celle solo se rinunceranno alla loro fede. Migliorano le condizioni delle famiglie cristiane espulse dal villaggio di Katin nel 2010.
    Vientiane (AsiaNews/Agenzie) – Detenuti in carcere da oltre sei mesi, versano in gravi condizioni di salute i due pastori protestanti arrestati insieme ad alcuni fedeli lo scorso 4 gennaio nella provincia di Khammouan (Laos meridionale). Secondo la Human Rights Watch for Lao Religious Freedom (Hrwlrf), le autorità carcerarie hanno detto agli uomini che potranno uscire dalle loro celle non appena firmeranno il documento che attesta la loro rinuncia alla fede.

    Wanna e Yohan sono accusati di aver “organizzato un incontro segreto” e con fini sovversivi. In realtà i due pastori protestanti si erano riuniti insieme ai loro fedeli per pregare in occasione del Natale e avevano ottenuto i permessi necessari dalle autorità di governo.

    Intanto, migliora la condizione delle 18 famiglie cristiane, espulse nel 2010 dal villaggio di Katin (distretto di Ta-Oih) per essersi rifiutate di abiurare la propria religione. “Con l’arrivo della stagione secca - afferma Sirikoon Prasertsee, portavoce di Hrwlrf – le famiglie sono state costrette a uscire dai margini della foresta e hanno iniziato a elemosinare cibo”. L’attivista spiega che grazie alcuni contadini della zona hanno offerto loro un piccolo terreno dove coltivare riso.

    Tuttavia le loro condizioni sono ancora a rischio. A tutt’oggi le 18 famiglie contadine vivono in un centro di accoglienza provvisorio nei pressi del villaggio di Katin, nel distretto di Ta-Oyl, nella provincia di Caravan, nel sud del Laos. In due diversi frangenti, i cristiani sono stati scacciati dalle loro case. Il primo episodio risale al gennaio 2010 e ha riguardato 11 famiglie, mentre il secondo provvedimento – preso a dicembre dello scorso anno – ha interessato altre sette famiglie. Da circa un anno i capi villaggio impediscono ai cristiani di ritornare nelle loro terre i funzionari hanno imposto alle famiglie della zona di non aiutare i cristiani o fornire loro cibo. Il loro scopo è “affamare” le persone, fino a che “non abbandoneranno il cristianesimo”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/12/2011 LAOS
    Natale in prigione per otto cristiani laotiani
    Al momento le autorità non hanno ancora emesso un'accusa precisa a loro carico. Sono stati fermati per aver "organizzato" una celebrazione, cui hanno partecipato oltre 200 fedeli. Riunione fra ufficiali di polizia e capi villaggio per decidere della loro sorte. Continuano le privazioni alla libertà religiosa nel Paese comunista.

    10/06/2014 LAOS
    Human Rights Watch: in Laos nessun progresso in tema di diritti umani
    In un rapporto all’Onu gli attivisti di HRW parlano di violazione “sistematica”. Allarma la scomparsa dell’attivista Sombath Somphone e le autorità non rispondono sulla sua sorte. La popolazione laotiana “ha paura del proprio governo” che opera “nella quasi totale impunità”.

    12/01/2011 LAOS
    Celebravano il Natale: arrestati 11 cristiani laotiani, 3 restano in carcere
    Il fermo è avvenuto il 4 gennaio, durante una preghiera – autorizzata dalle autorità – per celebrare la nascita di Gesù. Ad oggi tre leader cristiani sono in galera con l’accusa di aver “organizzato un incontro segreto”. Famiglie costrette a firmare documenti di “rinuncia alla fede”.

    15/03/2012 LAOS
    Cristiani perseguitati, in Laos ancora violazioni alla libertà religiosa
    Un neoconvertito, unico cristiano in un villaggio, posto di fronte a un’alternativa: abbandonare la fede, oppure lasciare la casa e i beni. Al momento la sua sorte è sconosciuta. In un altro distretto, 10 famiglie cristiane vittime di un ordine di espulsione. Le autorità laotiane perseguitano i protestanti considerati “parte del complotto” Usa.

    18/08/2006 laos
    Arrestati due cristiani nella provincia di Savannakhet
    Secondo un'organizzazione per i diritti umani, il governo vuole fermare la crescente evangelizzazione.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®