30 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2012
CINA
Le autorità cinesi si scusano per l'aborto forzato. "Siete come i nazisti"
di Wang Zhicheng
Ancora critiche infuocate contro l'aborto forzato al settimo mese di gravidanza. Il governo di Ankang sospende gli impiegati del family planning e si scusa con la donna. E dà il permesso per avere un nuovo figlio. Ma il marito, che li vuole portare in processo, afferma: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dire quando e come avere figli".

Pechino (AsiaNews) - Le autorità provinciali di Ankang (Shaanxi) si sono scusate con una donna di Zhengjia, alla quale hanno procurato un aborto al settimo mese di gravidanza e hanno sospeso gli impiegati colpevoli del gesto. Ma su internet infuoca la critica contro la legge del figlio unico e bolla i responsabili del family planning come "nazisti".

Da giorni gli internauti condannano l'azione dell'agenzia per il controllo della popolazione che ha obbligato Feng Jianmei, una donna di 22 anni, ad abortire al settimo mese. Feng ha già una figlia di cinque anni e un secondo figlio le è proibito dalla legge. Gli impiegati del family planning l'hanno minacciata a pagare una multa di 40mila yuan (circa 4mila euro, quattro anni di salari) o di subire l'aborto. Ma anche l'aborto dopo il sesto mese è proibito. Critiche e denunce sono piovute da tutta la Cina quando su internet sono apparse le foto della donna, stravolta dall'aborto, con a fianco sul letto il cadavere del piccino abortito e sanguinante.

Un commento riportato da Afp dice: "Questo è quanto i diavoli giapponesi facevano e i nazisti. Eppure succede anche qui e senz'altro non è il solo caso. Essi [gli impiegati del family planning] dovrebbero essere condannati a morte".

Le autorità di Ankang non si sono scusate e hanno confermato le violenze su Feng Jianmei. Essi hanno pure sospeso i tre impiegati che hanno ordinato l'aborto forzato. Si tratta di Jiang Nenghai, capo dell'ufficio per il figlio unico; Chen Pingyin, sindaco di Zengjia, la città di Feng; Ren Longchun, impiegato. In più, essi sono andati a visitare all'ospedale la donna ancora sotto shock e le hanno permesso di avere un altro figlio.

Il marito della donna, Deng Jiyuan commenta però con amarezza: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio". Egli non è soddisfatto delle sole scuse e pensa di chiamare a processo le autorità.

La prontezza delle scuse da parte delle autorità stupisce molto gli osservatori. La legge sul figlio unico, voluta da Deng Xiaoping alla fine degli anni '70 è sempre elogiata per aver ridotto di 400 milioni di persone la popolazione cinese e dato il via allo sviluppo economico del Paese. Ma essa cozza contro la cultura tradizionale della Cina, sempre favorevole alla vita e alle famiglie numerose. In più, per decenni, la legge è stata imposta con violenza, attraverso aborti, sterilizzazioni forzate, pestaggi, multe e sequestri (v. 24/09/2011 Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia).

Su almeno 13 milioni di aborti praticati in Cina, molti sono quelli forzati per mantenere sotto controllo l'incremento demografico.

Se tutte le vittime di aborti forzati decidono di andare in corte contro il governo, i tribunali rischierebbero di essere annegati dai processi.

Questa è la prima volta che le autorità del family planning si scusano per la loro opera violenta. In passato Chen Guangcheng, l'attivista cieco, ora negli Usa per studi, ha subito condanne in prigione e arresti domiciliari proprio per aver denunciato migliaia di aborti e sterilizzazioni forzate nello Shandong.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/05/2015 CINA
Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
di Reggie Littlejohn
14/06/2012 CINA
Aborti forzati: in Cina si uccidono bambini come in Siria
di Wang Zhicheng
07/05/2015 CINA
Figlio unico in Cina: due storie a lieto fine
20/09/2013 ITALIA – USA – CINA
Reggie Littlejohn: Legge sul figlio unico, lo strumento con cui il Partito può restare al potere
di Giulia Mazza
24/09/2011 CINA - USA
Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate