03 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    CINA

    Le autorità cinesi si scusano per l'aborto forzato. "Siete come i nazisti"

    Wang Zhicheng

    Ancora critiche infuocate contro l'aborto forzato al settimo mese di gravidanza. Il governo di Ankang sospende gli impiegati del family planning e si scusa con la donna. E dà il permesso per avere un nuovo figlio. Ma il marito, che li vuole portare in processo, afferma: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dire quando e come avere figli".

    Pechino (AsiaNews) - Le autorità provinciali di Ankang (Shaanxi) si sono scusate con una donna di Zhengjia, alla quale hanno procurato un aborto al settimo mese di gravidanza e hanno sospeso gli impiegati colpevoli del gesto. Ma su internet infuoca la critica contro la legge del figlio unico e bolla i responsabili del family planning come "nazisti".

    Da giorni gli internauti condannano l'azione dell'agenzia per il controllo della popolazione che ha obbligato Feng Jianmei, una donna di 22 anni, ad abortire al settimo mese. Feng ha già una figlia di cinque anni e un secondo figlio le è proibito dalla legge. Gli impiegati del family planning l'hanno minacciata a pagare una multa di 40mila yuan (circa 4mila euro, quattro anni di salari) o di subire l'aborto. Ma anche l'aborto dopo il sesto mese è proibito. Critiche e denunce sono piovute da tutta la Cina quando su internet sono apparse le foto della donna, stravolta dall'aborto, con a fianco sul letto il cadavere del piccino abortito e sanguinante.

    Un commento riportato da Afp dice: "Questo è quanto i diavoli giapponesi facevano e i nazisti. Eppure succede anche qui e senz'altro non è il solo caso. Essi [gli impiegati del family planning] dovrebbero essere condannati a morte".

    Le autorità di Ankang non si sono scusate e hanno confermato le violenze su Feng Jianmei. Essi hanno pure sospeso i tre impiegati che hanno ordinato l'aborto forzato. Si tratta di Jiang Nenghai, capo dell'ufficio per il figlio unico; Chen Pingyin, sindaco di Zengjia, la città di Feng; Ren Longchun, impiegato. In più, essi sono andati a visitare all'ospedale la donna ancora sotto shock e le hanno permesso di avere un altro figlio.

    Il marito della donna, Deng Jiyuan commenta però con amarezza: "Il governo non dovrebbe avere il potere di dirci quando e come dobbiamo avere un figlio". Egli non è soddisfatto delle sole scuse e pensa di chiamare a processo le autorità.

    La prontezza delle scuse da parte delle autorità stupisce molto gli osservatori. La legge sul figlio unico, voluta da Deng Xiaoping alla fine degli anni '70 è sempre elogiata per aver ridotto di 400 milioni di persone la popolazione cinese e dato il via allo sviluppo economico del Paese. Ma essa cozza contro la cultura tradizionale della Cina, sempre favorevole alla vita e alle famiglie numerose. In più, per decenni, la legge è stata imposta con violenza, attraverso aborti, sterilizzazioni forzate, pestaggi, multe e sequestri (v. 24/09/2011 Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia).

    Su almeno 13 milioni di aborti praticati in Cina, molti sono quelli forzati per mantenere sotto controllo l'incremento demografico.

    Se tutte le vittime di aborti forzati decidono di andare in corte contro il governo, i tribunali rischierebbero di essere annegati dai processi.

    Questa è la prima volta che le autorità del family planning si scusano per la loro opera violenta. In passato Chen Guangcheng, l'attivista cieco, ora negli Usa per studi, ha subito condanne in prigione e arresti domiciliari proprio per aver denunciato migliaia di aborti e sterilizzazioni forzate nello Shandong.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/05/2015 CINA
    Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
    La famigerata legge viene ogni tanto “aggiustata”, ma non eliminata. E sta creando disastri demografici, mancanza di manodopera, invecchiamento della popolazione, squilibri fra maschi e femmine con tratta delle donne e schiavismo sessuale. Ma il governo non l’abolisce perché con essa si controlla tutta la popolazione. Il Partito mantiene “il potere nelle sue mani versando il sangue di donne e bambini innocenti della Cina”. La testimonianza di Reggie Littlejohn alla Commissione esecutiva sulla Cina del Congresso Usa.

    14/06/2012 CINA
    Aborti forzati: in Cina si uccidono bambini come in Siria
    Scandalo e critiche per la storia e la foto della donna costretta ad abortire, ritratta con il piccolo ucciso affianco al letto. Le autorità per il controllo della popolazione dello Shaanxi hanno lanciato un'inchiesta. Il marito della donna vuole citare in tribunale gli impiegati che hanno costretto sua moglie all'aborto. In Cina, gli aborti forzati sono proibiti dalla legge, ma le cronache sono piene di storie di aborti e sterilizzazioni forzate.

    07/05/2015 CINA
    Figlio unico in Cina: due storie a lieto fine
    Ad AsiaNews Reggie Littlejohn, attivista americana per i diritti umani, racconta come la sua Women’s Rights Without Frontiers sia riuscita a salvare due donne e i loro bambini.

    20/09/2013 ITALIA – USA – CINA
    Reggie Littlejohn: Legge sul figlio unico, lo strumento con cui il Partito può restare al potere
    L’attivista americana fondatrice di Women’s Rights Without Frontiers racconta ad AsiaNews come ha iniziato la sua battaglia contro la politica cinese di pianificazione familiare, e le sue battaglie per fermare gli aborti forzati e le sterilizzazioni forzate. A causa del controllo sulle nascite, spiega la Littlejohn, “il sistema locale cinese rischia il collasso”.

    24/09/2011 CINA - USA
    Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia
    Denunciati 13 nuovi casi da parte della “Women’s Rights Without Frontiers”. Aborti praticati fino a otto mesi e mezzo di gravidanza. Donne rapite dalla polizia per subire la sterilizzazione. Mariti con la testa fracassata; parenti puniti con multe e demolizioni delle case. Il caso di Chen Guangcheng, l’attivista cieco, agli arresti domiciliari per aver denunciato aborti forzati e sterilizzazioni nell’Henan.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®