24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/01/2018, 11.12

    AFGHANISTAN

    Le azioni militari non risolveranno il problema dell’Afghanistan



    Kabul immersa in un clima di paura. Un tempo era meta di chi lasciava la propria città natale in cerca di sicurezza. Isis e talebani si contendono la posizione di gruppo più forte. Talebani più radicati. “Una cosa è chiara: l’incapacità delle forze di sicurezza  afghane, delle agenzie segrete e del governo”. 

    Kabul (AsiaNews) – “Azioni militari non risolveranno il problema dell’Afghanistan”. Commenta così Obaid Ali, ricercatore politico del gruppo di ricerca no-profit Afghanistan Analysts Network (Ann) la serie di sanguinosi attacchi che negli ultimi giorni ha mietuto più di 100 vittime nella capitale.

    “C’è un clima di paura in città,” afferma Obaid. “Le persone preferiscono stare a casa, non vogliono uscire. La maggioranza dei negozi nel centro della città sono chiusi”.

    “A Kabul, al momento, la popolazione è aumentata, e per questa ragione se c’è un attacco nella città, come un attacco suicida, il numero dei civili è molto alto. In molti sono fuggiti dalle loro città natali per andare a Kabul, che consideravano un posto sicuro. Ma se guardiamo alla serie di attacchi che ci sono stati, significa che neanche Kabul è più sicura”.

    In Afghanistan, talebani e di Daesh “rappresentano una seria minaccia, ed entrambi cercano di presentare se stessi come il gruppo più forte nel Paese”.

    Ci sono fondamentali differenze fra i due gruppi, tra cui “non c’è alcuna prova solida che evidenzi una collaborazione” – ma che anzi si sono scontrati nel corso degli ultimi due anni, con attacchi talebani contro l’Isis a oriente e da parte di sedicente comando dell’Isis nel nord-est del Paese.

    I talebani sono il gruppo più forte, che cambia le proprie tattiche: “Quando le forze americane aumentano il numero degli attacchi arei e gli omicidi mirati a prominenti figure talebane, ha impedito al gruppo di portare avanti attacchi su larga scala. Per questo ora i talebani cercano di coordinare attacchi sul governo afghano nelle grandi città, ed è per questo che abbiamo visto attacchi ripetuti a Kabul”.

    L’Isis ha una forte base nella parte orientale del Paese, ed ha rivendicato diversi attacchi rivendicati non solo a Kabul. L’ultimo, l’aggressione all’avamposto vicino all’accademia militare di Marsha Fahim, nella quale sono morti 11 soldati afghani.

    “Una cosa è chiara: la mancanza di capacità delle forze di sicurezza  afghane, delle agenzie segrete e del governo”, commenta Obaid. “Quello che è abbiamo visto negli scorsi mesi è che il governo afghano ha fallito a proteggere i suoi cittadini anche nella capitale. Questo ha un forte impatto psicologico, non solo sul governo, ma anche sulle persone comuni”.

    Interrogato sulla nuova strategia annunciata dal presidente americano Donald Trump di incrementare il numero delle forze nel Paese, Obaid afferma: “Negli scorsi decenni, abbiamo visto un certo numero di armate internazionali qui in Afghanistan. Ma fino a questo momento, abbiamo visto che non sono efficaci. La strategia dell’incremento militare sul territorio non risolverebbe il problema, porterebbe ad una nuova stagione di scontri nel Paese, a più vittime civili”.

    Second l’analista, la speranza è quella di una risoluzione politica, ma le possibilità sembrano poche. “Sfortunatamente,” commenta. “Il 2017 è stato un fallimento a raggiungere una conclusione pacifica con i talebani, nonostante il fatto che ci siano diverse iniziative da diversi canali. Non abbiamo ancora visto alcun risultato valido, perché c’è mancanza di fiducia fra le due parti”.

    “C’è bisogno di più sforzi e lavoro per i negoziati di pace”, conclude Obaid. “Se la guerra continua ci saranno più vittime civili, uccisioni, sempre più persone saranno costrette ad abbandonare le loro case e a fuggire.”

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2017 09:15:00 AFGHANISTAN
    Afghanistan: Isis attacca una moschea e conquista il rifugio di Bin Laden

    La presa delle grotte di Tora Bora hanno un valore simbolico. Tre attentatori hanno attaccato una moschea sciita. I talebani condannano l’attacco a un luogo di culto.



    31/05/2017 08:55:00 AFGHANISTAN
    Kabul: autobomba uccide almeno 50 persone nel quartiere delle ambasciate

    L’esplosione è avvenuta vicino all’ambasciata tedesca. Ancora nessuna rivendicazione. In Afghanistan aumentano gli attacchi sia da parte dei talebani che dei militanti dello Stato islamico.



    29/01/2018 08:46:00 AFGHANISTAN
    Kabul, Isis attacca avamposto militare

    I militanti erano cinque, armati con fucili e lanciarazzi. Cinque soldati sono stati uccisi e 10 feriti.



    24/07/2017 09:07:00 AFGHANISTAN
    Kabul: almeno 24 le vittime dell’attentato al quartiere sciita

    Un’auto carica di esplosivo si è scagliata contro un autobus ministeriale. Il numero delle vittime, per lo più civili, potrebbe salire. 



    01/06/2017 09:11:00 AFGHANISTAN
    Salgono a 90 le vittime dell’attentato di Kabul. Ancora nessuna rivendicazione

    I talebani negano il loro coinvolgimento. L’intelligence afghana potrebbe essere il gruppo Haqqani. Si estraggono ancora corpi dai detriti. Kabul ha il più alto numero di vittime dei primi tre mesi del 2017. 





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®