19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/06/2012, 00.00

    QATAR - EMIRATI ARABI UNITI

    Le donne islamiche lanciano una campagna per eliminare gli "scandalosi" abiti dei turisti stranieri



    I vestiti indossati dai turisti lasciano scoperti collo, gambe e schiena e offendono le donne locali obbligate a indossare il velo integrale. Il codice di abbigliamento serve a diffondere fra gli stranieri il rispetto delle tradizioni locali basate sulla sharia.

    Doha (AsiaNews/ Agenzie) - Preoccupate per i troppi volti, gomiti e ginocchia scoperti, le donne del Qatar e degli Emirati arabi uniti lanciano una campagna contro i vestiti occidentali. L'iniziativa è stata proposta dall'associazione "One of us" e ha lo scopo di "insegnare" ai turisti il rispetto delle tradizioni locali islamiche nel campo dell'abbigliamento.

    Najla al-Mahmoud, qatariota, spiega che durante l'estate è scandaloso vedere le donne straniere esporre spalle e ginocchia nude, che non rispettano la cultura locale basata sulla sharia. "Siamo offese da questo comportamento - afferma -  molti turisti che vengono nel nostro Paese non conoscono le nostre usanze e siamo convinte che accoglieranno la nostra iniziativa. Noi vogliamo solo educarli".

    Negli Emirati la campagna è stata lanciata da due donne Hanan al-Rayes e Asma al-Muhairi, che sul loro account twitter hanno espresso il loro disgusto nei confronti degli stranieri, che viaggiano per il Paese con abiti inadeguati. "Che vi piaccia o no - recita un loro slogan pubblicato sul social network - questo Paese ha la sua cultura che deve essere tutelata e rispettata dal suo stesso popolo".

    Le donne residenti in Qatar e negli Emirati arabi sono obbligate per legge a indossare l'"abaya", manto scuro che copre quasi interamente il corpo. Per gli uomini esiste invece la "kandura", tunica bianca che lascia scoperti solo polsi e caviglie.  

    Hamad  al-Rahoumi, membro del Consiglio federale degli Emirati arabi, spiega che molti turisti anche se conoscono le tradizioni locali scelgono di non rispettarle. Secondo il politico, la campagna non è sufficiente a imporre le regole di vestiario. Egli propone di estendere anche gli stranieri il codice di abbigliamento valido per i residenti. "La sua applicazione - spiega - serve da deterrente. Ci limiteremo a farlo rispettare, ma senza imporre sanzioni o multe".

    Su internet centinaia di persone hanno applaudito la campagna in difesa di un abbigliamento consono alla sharia. Ma non sono mancate diverse critiche. Per alcuni il governo non dovrebbe perdere tempo nell'insegnare agli occidentali a vestirsi. Le autorità dovrebbero impegnarsi a far rispettare le leggi che salvano vite umane come il divieto sul fumo nei locali pubblici, spesso ignorato, e l'obbligo delle cinture di sicurezza a bordo delle auto.    

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
    Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
    Giunta alla sua 11ma edizione l'International Defence Exhibition è iniziata ieri nella capitale dell'emirato. Quest'anno hanno partecipato oltre 1100 espositori di 58 Paesi. Il giro di affari è stimato in centinaia di miliardi di dollari. La Francia venderà il suo costoso caccia Rafale agli Emirati Arabi Uniti.

    15/06/2017 08:50:00 QATAR - USA
    Gli Stati Uniti vendono armi al Qatar per 12 miliardi di dollari

    Prevista la vendita di almeno 36 caccia F-15 di produzione Usa. La firma giunge in un momento di forte tensione fra Doha e Arabia Saudita e dopo la vendita per 400 miliardi di dollari di armamenti a Riyadh. Pentagono: una vendita di mezzi “all’avanguardia” finalizzata al rafforzamento della “cooperazione” in un’ottica di sicurezza reciproca. 

     



    17/07/2017 11:43:00 QATAR - GOLFO
    Gli Emirati dietro le false notizie che hanno innescato la crisi del Golfo

    È quanto rivelano fonti ufficiali Usa rilanciate dal Washington Post. Abu Dhabi smentisce e afferma di “non aver ricoperto alcun ruolo” nella vicenda. La Fifa smentisce le voci secondo cui l’Arabia Saudita e altre nazioni arabe avrebbero chiesto di togliere i mondiali del 2022 al Qatar.

     



    12/07/2017 08:58:00 QATAR - USA - GOLFO
    Crisi del Golfo: per Riyadh è “insufficiente” l’accordo anti-terrorismo fra Usa e Qatar

    Per i leader dei Paesi arabi il patto siglato da Washington e Doha non basta per risolvere la crisi. Resterano in vigore le sanzioni diplomatiche e commerciali sino a che Doha non soddisferà le “giuste richieste”. Il Qatar ricorda che è l’unico Paese della regione ad aver firmato un documento contro il terrorismo. Prosegue la campagna di Al Jazeera per la libertà di stampa.

     



    14/06/2017 08:29:00 QATAR - GOLFO - USA - UE
    L'assenza dell'Europa e gli interessi Usa nella crisi fra Riyadh e Doha

    Il confronto fra Arabia Saudita e Qatar cartina di tornasole del clima di tensione in Medio oriente. E fra sunniti e sciiti per il primato nell’islam. La politica aggressiva di Riyadh sostenuta da Trump per ragioni economiche. Bruxelles incapace di favorire il riconoscimento del pluralismo politico, sociale e religioso. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®