4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/06/2012
QATAR - EMIRATI ARABI UNITI
Le donne islamiche lanciano una campagna per eliminare gli "scandalosi" abiti dei turisti stranieri
I vestiti indossati dai turisti lasciano scoperti collo, gambe e schiena e offendono le donne locali obbligate a indossare il velo integrale. Il codice di abbigliamento serve a diffondere fra gli stranieri il rispetto delle tradizioni locali basate sulla sharia.

Doha (AsiaNews/ Agenzie) - Preoccupate per i troppi volti, gomiti e ginocchia scoperti, le donne del Qatar e degli Emirati arabi uniti lanciano una campagna contro i vestiti occidentali. L'iniziativa è stata proposta dall'associazione "One of us" e ha lo scopo di "insegnare" ai turisti il rispetto delle tradizioni locali islamiche nel campo dell'abbigliamento.

Najla al-Mahmoud, qatariota, spiega che durante l'estate è scandaloso vedere le donne straniere esporre spalle e ginocchia nude, che non rispettano la cultura locale basata sulla sharia. "Siamo offese da questo comportamento - afferma -  molti turisti che vengono nel nostro Paese non conoscono le nostre usanze e siamo convinte che accoglieranno la nostra iniziativa. Noi vogliamo solo educarli".

Negli Emirati la campagna è stata lanciata da due donne Hanan al-Rayes e Asma al-Muhairi, che sul loro account twitter hanno espresso il loro disgusto nei confronti degli stranieri, che viaggiano per il Paese con abiti inadeguati. "Che vi piaccia o no - recita un loro slogan pubblicato sul social network - questo Paese ha la sua cultura che deve essere tutelata e rispettata dal suo stesso popolo".

Le donne residenti in Qatar e negli Emirati arabi sono obbligate per legge a indossare l'"abaya", manto scuro che copre quasi interamente il corpo. Per gli uomini esiste invece la "kandura", tunica bianca che lascia scoperti solo polsi e caviglie.  

Hamad  al-Rahoumi, membro del Consiglio federale degli Emirati arabi, spiega che molti turisti anche se conoscono le tradizioni locali scelgono di non rispettarle. Secondo il politico, la campagna non è sufficiente a imporre le regole di vestiario. Egli propone di estendere anche gli stranieri il codice di abbigliamento valido per i residenti. "La sua applicazione - spiega - serve da deterrente. Ci limiteremo a farlo rispettare, ma senza imporre sanzioni o multe".

Su internet centinaia di persone hanno applaudito la campagna in difesa di un abbigliamento consono alla sharia. Ma non sono mancate diverse critiche. Per alcuni il governo non dovrebbe perdere tempo nell'insegnare agli occidentali a vestirsi. Le autorità dovrebbero impegnarsi a far rispettare le leggi che salvano vite umane come il divieto sul fumo nei locali pubblici, spesso ignorato, e l'obbligo delle cinture di sicurezza a bordo delle auto.    

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/02/2013 EMIRATI ARABI UNITI
Ad Abu Dhabi gli Stati del Golfo mostrano la loro fame di armi
18/07/2013 EMIRATI ARABI UNITI
‘Il tuo peso è oro!’, Dubai combatte l’obesità e paga in oro chi dimagrisce
11/02/2010 EMIRATI ARABI UNITI
Il governo degli Emirati pubblica un opuscolo sui diritti dei lavoratori
04/11/2009 EMIRATI ARABI UNITI
Eau, nasce il primo robot interattivo in lingua araba
02/07/2013 EMIRATI ARABI UNITI
Abu Dhabi condanna al carcere 64 islamisti. Avevano organizzato un colpo di Stato

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate