18 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/04/2010, 00.00

    THAILANDIA – CINA – VIETNAM

    Le nazioni del Mekong a confronto, 15 anni dopo

    Weena Kowitwanij

    Si è concluso il secondo Summit internazionale del bacino del Mekong, che ha riunito Thailandia, Laos, Vietnam e Cambogia in un piano comune per lo sviluppo del fiume. Myanmar e Cina convocati come osservatori, mentre Pechino rigetta le accuse: “Le nostre dighe non danneggiano il bacino”.

    Hua Hin (AsiaNews) – Cooperazione commerciale, qualità della vita e sviluppo sostenibile: sono i principali obiettivi del piano quinquennale approvato ieri dai governi di Thailandia, Laos, Vietnam e Cambogia nell’ambito del secondo Summit internazionale del bacino del Mekong. All’incontro, che si è conclusoieri, hanno partecipato come osservatori anche i delegati di Myanmar e Cina. E proprio il rappresentante di Pechino si è dovuto difendere dalle accuse degli altri, che ritengono la Cina e le sue dighe responsabili per l’abbassamento del livello del fiume.

    L’incontro è stato convocato per controllare e aggiornare gli obiettivi stabiliti nel 1995 dalle quattro nazioni organizzatrici. In quindici anni, hanno sottolineato i delegati, sono nati progetti in grado di affrontare i cambiamenti climatici e le variazioni economiche: tuttavia, serve un nuovo progetto per rilanciare l’area, dove vivono popolazioni fra le più povere dell’Asia. In questa prospettiva sono stati contattati anche Paesi dove esistono altri grandi fiumi, per mettere a confronto le esperienze.

    Il grido d’allarme lo ha lanciato il premier thai, Abhisit Vejjajiva, che in apertura ha detto: “Il fiume non sopravviverà senza una buona gestione. Questo incontro manda un segnale a tutte le nazioni della regione del Mekong: abbiamo una responsabilità comune per la sua sostenibilità a lungo termine”. Il riferimento è alle tre dighe cinesi già esistenti, note come le Lancang, e alla quarta in costruzione, chiamata Xiaowan.

    Il dottor Saksit Tridech, Segretario permanente del ministero thailandese per le Risorse naturali e l’ambiente, spiega: “L’incontro mira a migliorare ancora di più la cooperazione tesa a sviluppare il bacino del Mekong, in modo da aiutare chi vive su quelle rive. Dobbiamo studiare bene la responsabilità della Cina, per capire se le sue dighe sono veramente il problema della mancanza d’acqua nella zona”. Il fiume è lungo 4880 chilometri, di cui 2130 in territorio cinese.

    Tuttavia, la Cina ha rigettato le accuse. Il vice ministro degli Esteri Song Tao, delegato al Summit, ha dichiarato: “Le statistiche dimostrano chiaramente che l’abbassamento del livello delle acque è da attribuirsi al cambiamento climatico, che ha seccato l’aria. Non ha nulla a che vedere con lo sviluppo dell’energia idrica in Cina. Fra le vittime di questo cambiamento ci siamo anche noi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2010 ASIA
    El Niño e sfruttamento industriale lasciano senz’acqua il Sud est asiatico
    Oltre 65 milioni di persone nella regione del Mekong patiscono la più grave siccità degli ultimi 30 anni. Bangkok: le dighe cinesi alla fonte del problema. A rischio le coltivazioni di riso e zucchero. In crisi anche le produzioni di olio di palma in Indonesia e Malaysia. Indigeni filippini costretti a cibarsi di erbe velenose.

    12/09/2015 CAMBOGIA
    Tonle Sap, dighe e cambiamenti climatici mettono a rischio il pesce di lago e fiume
    È la denuncia di un gruppo di pescatori della provincia di Kampong Chhnang, “riserva della biosfera” nel centro del Paese. Picco nei prezzi e sempre meno pesce sulla tavola, a rischio la principale fonte di sostentamento. Funzionari locali corrotti favoriscono bracconaggio e metodi di pesca illegali.

    25/03/2011 VIETNAM
    Le dighe sul Mekong: a rischio fonti d’acqua e di cibo per milioni di persone
    Vietnam e altri Paesi discutono circa le dighe sul fiume Mekong. Esperti: occorre sospendere i lavori per studiare ogni possibile effetto, a rischio il tenore di vita di milioni di persone. Ma Cina e altri Paesi hanno fame di elettricità a basso costo.

    20/10/2010 LAOS - VIETNAM - CINA
    Moratoria per le dighe sul Mekong: distruggono ambiente e popolazione
    Il Laos e la Cambogia programmano dighe per vendere energia elettrica. La Cina ha 4 grandi dighe a monte ed è accusata di sottrarre l’acqua. A rischio l’ecosistema del fiume e la vita di 65 milioni di persone. Vietnam e Thailandia non contrarie a un coinvolgimento degli Usa.

    19/04/2011 ASIA
    Proteste dal Vietnam, il governo laotiano rimanda ogni decisione sulla diga di Xayaburi
    Oggi si è riunita la Commissione per il fiume Mekong, formata da Vietnam, Cambogia, Laos e Thailandia. I Paesi mantengono “visioni diverse” in merito al progetto, Hanoi chiede con forza il blocco, gli ambientalisti chiedono una moratoria di 10 anni. Alla fine Vientiane decide di posticipare la scelta.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®