23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2011, 00.00

    INDIA

    Leader Vhp: Decapitazione per chi converte gli indù al cristianesimo



    Praveen Togadia, segretario generale del movimento estremista indù Vishwa Hindu Parishad (Vhp), ha chiesto anche una nuova Costituzione. Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic): “Tentativi simili favoriscono le tensioni sociali, al solo scopo di ottenere potere politico ed economico”.
    Mumbai (AsiaNews) – Praveen Togadia, segretario generale del Vishwa Hindu Parishad (Vhp – movimento estremista indù), chiede la pena di morte con decapitazione per chi cerca di convertire gli indù ad altre religioni. La rivendicazione è giunta al termine dell’incontro di tre giorni Akhil Bharatiya Dharmaprasar Karykarta Sammelan ad Ahmedabad, nel corso del quale il leader indù ha richiesto anche una nuova Costituzione indiana.

    P. Cedric Prakash, gesuita direttore del Centro per i diritti umani, la giustizia e la pace di Ahmedabad “Prashant”, commenta: “Quanto detto da Togadia non è nulla di nuovo. Le sue parole sono contro lo spirito e la libertà custodite dalla Costituzione indiana, che garantisce ad ogni cittadino il diritto di pregare, praticare, diffondere e scegliere la propria religione”.

    Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), spiega: “La propaganda d’odio di Togadia ha avuto spesso come risultato violenze consistenti contro musulmani, cristiani, dalit e altre minoranze indiane. Aggressioni e abusi contro i gruppi più emarginati dell’India sono parte di una concertata campagna di queste organizzazioni hindutva – la cui leadership è dominata da indù delle caste più alte – per promuovere e favorire le tensioni sociali, al fine di ottenere il potere politico ed economico”.

    In tal senso, il leader del Vhp rappresenta una figura emblematica, che in passato ha promosso numerose iniziative discriminatorie contro le altre religioni. Il presidente del Gcic spiega: “Per lungo tempo Togadia ha sostenuto la necessità di una legge anticonversione in tutti gli Stati, per fermare in modo efficace le conversioni al cristianesimo dall’induismo”.

    Inoltre, prosegue Sajan George, “egli ha distribuito in modo sistematico i Trishuls: pamphlet e volantini impregnati di retorica, che ‘avvertono’ i fedeli indù del pericolo imminente e di prepararsi alla violenza”. Secondo il presidente del Gcic, i Trishuls sono stati uno “sfacciato tentativo di militarizzare la società, travestito da programma religioso”.

    Di recente, Togadia si è opposto alla bozza della Prevention of Communal and Targeted Violence bill, proposta dal National Advisory Council (Nac) di Sonia Gandhi – che dà al governo centrale il potere di prendere misure dirette nei casi di violenza interreligiosa –, sostenendo che tale norma opprime gli indù e li identifica come una tribù criminale, riducendoli così cittadini di seconda classe. (NC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/11/2009 INDIA
    Karnataka: indù si infiltrano tra i cristiani per accusarli di forzare alla conversione
    Il fenomeno denunciato dall’ex parlamentare H T Sangliana. È un espediente per creare “psicosi” tra i cristiani e “avvelenare” l’opinione pubblica. Oltre 70 denunce di conversioni forzate non hanno mai trovato riscontro. Il Global Council of Indian Christians denuncia discriminazioni anche nella distribuzione degli aiuti agli alluvionati.

    16/12/2009 INDIA
    Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
    Presa a sassate la grotta di Sant’Antonio nel villaggio di Kolaigiri. È la 66ma aggressione contro una comunità cristiana del Karnataka. Per il Global Council of Indian Christians negli Stati governati dal Bjp le autorità ignorano “il diffondersi della cultura di violenza e terrore contro le comunità della minoranza cristiana”.

    06/06/2013 INDIA
    In Karnataka c'è più pace per i cristiani
    Per Sajan George, capo del Global Council of India Christians la comunità cristiana è ora al sicuro. Il neoeletto esecutivo guidato dal Congress Party deve assicurare alla giustizia gli estremisti indù responsabili di otto anni di persecuzioni religiose.

    24/11/2014 INDIA
    Leader indù contro i missionari cristiani: "Corrompono la cultura indiana"
    Lo ha affermato Swami Pranavananda, membro di spicco dell'associazione fondamentalista Hindu Mahasaba. Gli indù "rispettano le donne", ma nello Stato del Karnataka nascono sempre meno bambine. Leader cristiano: "Affermazioni che fomentano l'odio tra le comunità".

    28/10/2014 INDIA
    Uttar Pradesh: 310 cristiani "riconvertiti" con le minacce all'induismo
    È il terzo episodio avvenuto in meno di due mesi nello Stato settentrionale indiano. Bramini (sacerdoti) e radicali indù hanno "sacrificato" Bibbie ai loro dei e donato libri sacri ai cristiani per convalidare la cerimonia. Leader cristiano: "Tendenza allarmante".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®