23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/11/2016, 15.07

    SRI LANKA

    Leader cristiani e musulmani dello Sri Lanka: impegno comune per rafforzare l’armonia religiosa

    Melani Manel Perera

    I leader hanno sottoscritto una iniziativa in 10 punti. Tra i principali, sostenere e sviluppare rapporti di amicizia, rispettare la fede altrui. Buoni rapporti tra cristiani e musulmani possono essere preludio di armonia tra tutte le comunità religiose.

    Colombo (AsiaNews) – Leader cristiani e musulmani dello Sri Lanka hanno deciso di lavorare insieme per rafforzare l’armonia tra le loro comunità religiose. L’iniziativa è stata lanciata dal National Christian Council of Sri Lanka (Nccsl) e da diversi fedeli islamici, che si sono impegnati a portare avanti un programma comune in 10 punti per costruire la pace e la giustizia sociale.

    L’impegno congiunto è stato denominato “Nel nome di Dio, il compassionevole, il misericordioso”. Lo scorso 9 novembre esponenti delle denominazioni cristiane (metodisti, anglicani, Chiesa di Ceylon, laici cattolici) e leader musulmani si sono incontrati all’istituto “Hector Kobbekaduwa Agrarian and Research Training” e hanno firmato l’iniziativa.

    Ralston Weinman, membro del Ncc, spiega ad AsiaNews: “Nel breve periodo non vedremo i risultati di questo tentativo. Ma è una buona prova, della quale un giorno raccoglieremo risultati meravigliosi e fruttuosi”.

    Tra i 10 punti sottoscritti dai presenti vi sono l’impegno a onorare il meglio delle proprie tradizioni, rispettando la fede dell’altro; promuovere la vita comune; riconoscere le differenze; esprimersi in maniera rispettosa nei confronti di culture, tradizioni e scritture delle altre religioni; sviluppare e sostenere rapporti di amicizia; incoraggiare l’incontro tra membri di comunità differenti; rinunciare alla violenza e a espressioni discriminatore ed estremiste.

    Perché l’iniziativa abbia successo, aggiunge il sacerdote anglicano Maxwell Doss, “necessitiamo di un grande sostegno da parte del clero e dei leader ecclesiastici. Se riusciremo a vivere rispettando le 10 promesse, costruiremo un Paese stupendo, non solo per l’armonia tra cristiani e musulmani, ma tra i popoli di ogni religione”.

    Mohammad Saleem ritiene che sia “un buon inizio. Ho dato il mio pieno appoggio perché so quanto valore ha l’armonia nel nostro Paese. Dobbiamo lavorare a lungo su questioni interreligiose”.

    Ralston riferisce che il Consiglio nazionale dei cristiani “divulgherà il patto come un manifesto. In quanto cristiani, siamo impegnati in varie iniziative per il dialogo, la comprensione e azioni comuni con i musulmani”. “Nella nostra terra – conclude – i cristiani e i musulmani sono minoranze religiose, con radici storiche nella fede in Abramo. Questa eredità condivisa coincide con la nostra ‘chiamata’ in Cristo attraverso la vita e il lavoro come comunità e popolo, con un senso di approccio ecumenico”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2006 Thailandia
    Quaresima in Thailandia: preghiera, impegno sociale ed armonia interreligiosa

    Nel vivere il periodo quaresimale, i 300 mila cattolici thailandesi "seguono le indicazioni della Chiesa ma cercano anche, ognuno in una maniera diversa, di aiutare Gesù a portare la sua Croce".



    11/11/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka, morto il venerabile Sobitha Thero “rivoluzionario” padre della democrazia
    Il monaco buddista ha combattuto il regime di Rajapaksa e sostenuto la creazione dell’attuale società democratica. Colombo organizza funerali di Stato e indice una giornata di lutto nazionale. Leader religiosi, attivisti sociali e prigionieri politici ricordano l’operato del venerabile “che diceva di inseguire la luce della verità, perseguire la retta vita, riparare agli sbagli, e creare un Paese libero”.

    03/08/2017 10:58:00 SRI LANKA
    La Caritas di Colombo promuove la coesistenza interreligiosa

    "Dobbiamo superare le violenze", ha detto il Venerabile Yatawatte Ganarama Thero. "Benediciamo e apprezziamo l'azione intrapresa dalla Chiesa cattolica per promuovere la convivenza interreligiosa", ha affermato  il rappresentante musulmano Abdhul Rahuman.  "La sfida per noi oggi, è costruire un Paese pacifico”, ha sostenuto padre Lawrance Ramanayake, direttore di Seth Sarana-Caritas Colombo



    13/10/2008 NEPAL
    Musulmani nepalesi "felici" di celebrare una festa insieme agli indù
    Il festival di Dashain, uno dei momenti più importanti per la tradizione induista, si è trasformato in un’occasione di “armonia sociale” e dialogo interreligioso. Pareri postivi dai leader indù e musulmani, che promuovono la “condivisione di momenti di festa”.

    19/10/2009 SRI LANKA
    Colombo, il Deepavali indù occasione di pace e armonia per il Paese
    Fedeli di religioni diverse in Sri Lanka hanno celebrato la festa che ricorda la vittoria della luce sulle tenebre. Preghiere speciali per gli sfollati nei campi profughi, perché possano vivere in piena libertà la ricorrenza. Il presidente Rajapaksa sottolinea la “crescente armonia e comprensione reciproca”.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®