11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/11/2013, 00.00

    INDIA – USA

    Leader cristiano: La libertà religiosa sia centrale nel dialogo tra Washington e New Delhi

    Nirmala Carvalho

    Il presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic) esprime il suo sostegno a una risoluzione Usa bipartisan legata alle relazioni bilaterali tra i due Paesi. Gli Stati Uniti sono “preoccupati” per le violazioni alla libertà di culto. I partiti politici e le organizzazioni religiose “non devono sfruttare le differenze di fede nella corsa alle elezioni generali indiane del 2014”.

    Mumbai (AsiaNews) - Il governo degli Stati Uniti "deve includere la libertà religiosa e le sue violazioni nel rapporto bilaterale con l'India". È quanto afferma ad AsiaNews Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), dando pieno sostegno alla risoluzione bipartisan presentata ieri da due deputati del Congresso americano. Keith Ellison, democratico, e Joe Pitts, repubblicano, hanno firmato un documento in cui esprimono "preoccupazione" per gli attacchi alla libertà di culto in India, una questione che Washington e New Delhi devono affrontare in un "dialogo strategico".

    Il Gcic, organizzazione impegnata a denunciare i casi di persecuzione nei confronti delle minoranze, giudica in modo positivo l'iniziativa dei due politici Usa. Secondo Sajan George è un'occasione, per esempio, di "esortare stati come il Madhya Pradesh e il Gujarat ad abolire le leggi anticonversione, e garantire la libertà di praticare, diffondere e professare la propria religione, come sancito dalla Costituzione indiana". In particolare, spiega, "nella corsa alle elezioni generali del 2014 tutti i partiti politici e le organizzazioni religiose devono opporsi pubblicamente allo sfruttamento delle differenze di fede, e denunciare gli abusi e le violenze contro le minoranze".

    In una svolta storica, 15 deputati del Congresso hanno invitato l'amministrazione Obama a "includere la libertà religiosa e i diritti umani a essa legati nel dialogo strategico Stati Uniti-India". In particolare, la risoluzione sottolinea "l'agenda violenta e divisiva" del movimento nazionalista indù, che "contrariamente alla tradizione tollerante e pluralistica dell'induismo, ha ferito il tessuto sociale dell'India". Inoltre, il documento elogia il governo per aver negato il visto a Narendra Modi, chief minister del Gujarat, sotto il quale "le minoranze hanno sofferto violenze orribili e attacchi alla loro libertà religiosa attraverso le draconiane leggi anticonversione".

    Oltre al Gcic, la risoluzione Usa è stata appoggiata da diverse associazioni, inclusa la Coalition Against Genocide (Cag), gruppo di oltre 40 organizzazioni - anche indù - della diaspora indiana nel mondo. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/07/2013 INDIA
    Amartya Sen: Narendra Modi non può diventare primo ministro dell’India
    Continuano le polemiche scatenate dalle critiche del Nobel per l’economia sul chief minister del Gujarat e membro del partito ultranazionalista indù (Bharatiya Janata Party, Bjp). Per l’economista, Modi “non ha fatto abbastanza per far sentire le minoranze al sicuro” dopo i massacri del 2002. Esponenti del Bjp gli chiedono di restituire un’onorificenza civile.

    18/07/2013 INDIA
    Narendra Modi va fermato, o distruggerà la democrazia in India
    Per il direttore di Prashant – centro gesuita per i diritti umani, la giustizia e la pace – il chief minister del Gujarat sta diventando “sempre più rabbioso e instabile”. Se non verrà fermato prima delle prossime elezioni “potrebbe davvero essere la fine dell’India come Paese laico”.

    07/03/2006 india
    Gujarat: scagionata la comunità musulmana per il rogo del treno del 2002

    Lo affermano i risultati dell'inchiesta presentati dalla Commissione di indagine federale. Durissima la reazione indù: "Appena il rapporto entra in Parlamento ripartiranno le violenze".



    27/05/2016 15:20:00 INDIA
    I due anni del governo Modi: boom economico, ma anche rinascita del nazionalismo indù

    Il primo ministro ha ammesso che ci sono “ancora enormi compiti da affrontare”. Crescita economica alle stelle; enormi investimenti e progetti commerciali. Ma anche limitazione della libertà di espressione e rapporti di vicinato sempre più tesi con quei Paesi che osteggiano le ambizioni egemoniche dell’India.



    06/12/2005 INDIA
    Nazionalisti indù si mobilitano contro la crescita dei cristiani

    In una rara iniziativa il capo dell'Rss scrive una lettera a tutti i "volontari" per arginare l'aumento numerico delle minoranze, che minacciano l'integrità del Paese. Parole dure anche contro le conversioni dall'induismo.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®