24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 02/03/2017, 16.03

    CINA

    Lettera ai leader mondiali dai familiari degli avvocati del “709” sui dettagli emergenti delle orribili torture



    L’ufficio della pubblica sicurezza, il procuratorato municipale, il secondo centro di detenzione di Changsha e tutte le persone coinvolte nel caso di Xie Yang hanno agito in modo complice gli uni con gli altri. Hanno impedito agli avvocati di vedere Xie Yang, hanno insabbiato la tortura destinata ad ottenere una confessione e punito un uomo del tutto innocente.

    Pechino (AsiaNews) – China Change ha pubblicato una lettera firmata da Wang Qiaoling , Li Wenzu, Chen Guiqiu, Jin Bianling, che AsiaNews pubblica in una sua traduzione.

    La lettera è stata consegnata a:

    • Il senatore degli Stati Uniti Marco Rubio e al deputato Chris Smith, copresidenti della Commissione congressuale esecutiva sulla Cina;
    • Il deputato James McGovern e Joseph Pitts, copresidenti della Commissione Tom Lantos per i diritti umani del congresso degli Stati Uniti
    • La cancelliere tedesca Angela Merkel
    • Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier
    • Il ministro degli Esteri Sigmar Gabriel
    • Il presidente francese François Hollande
    • Il primo ministro francese Bernard Cazeneuve

    Vi ringraziamo per la vostra notevole attenzione alla situazione dei diritti umani in Cina, soprattutto riguardo gli “avvocati del 709” che sono stati presi di mira dal 9 luglio 2015 fino ad oggi. Il caso è iniziato con una massiccia sparizione di avvocati, privati del loro diritto ad avere una difesa legale e li ha costretti a confessioni forzate. Dopo un anno e sette mesi ci sono ancora quattro avvocati (Xie Yang 谢阳, Jiang Tianyong 江天勇, Wang Quanzhang 王全璋 and Li Heping 李和平) e l’attivista Wu Gan (吴淦) che sono detenuti. Di recente, sono giunte alcune notizie sulle torture che hanno subito durante la prigionia.

    Da settembre 2016 in poi, due dei sottoscritti (Li Wenzu 李文足 and Wang Qiaoling  王峭岭) hanno incontrato quattro delle persone appartenenti al gruppo dei 709 detenuti che ora sono stati liberati, per imparare dalle loro esperienze durante la prigionia. A causa delle molte esortazioni ricevute, guidate dalla paura di ripercussioni verso loro stessi e i propri familiari, le informazioni che seguono non presenteranno riferimenti a persone specifiche.

    La maggior parte dei 709 avvocati e dei cittadini arrestati sono stati collocati e torturati per sei mesi in strutture detentive dalla posizione ignota, note come “sorveglianza residenziale presso una località designata”. Qui di seguito c’è un sommario delle principali categorie di torture che essi hanno subito.

    1. Assunzione forzata di farmaci. A prescindere dalle condizioni di salute, ai detenuti venivano somministrati farmaci. Il più delle volte si trattava di farmaci destinati a curare l’ipertensione. Altri medicinali includevano tranquillanti o barbiturici di diversi tipi e psicofarmaci. Dei quattro ex-detenuti intervistati, la persona che assumeva meno farmaci era costretta ad ingerire due pillole al giorno – con la scusa che i trattava di medicinali per il trattamento della pressione alta (anche se era in buona salute e non soffriva di ipertensione). La persona che assumeva più farmaci era costretta ad ingerire 20 pillole al giorno, inclusi barbiturici, psicofarmaci e altri farmaci non identificati che inducevano stordimento e confusione. Le vittime sono state obbligate ad assumere farmaci o raggirate affinché li assumessero.
    1. Maratona di interrogatori e privazione del sonno. Sfibranti sedute di interrogatori sono diventate quasi obbligatorie per i 709 detenuti. Essi venivano chiamati in modo costante per rispondere a domande e gli veniva impedito di dormire. Mentre gli addetti agli interrogatori si davano il cambio durante le sessioni notturne, i detenuti sfiniti venivano spintonati, percossi o gli venivano dati schiaffi sulle orecchie per farli rimanere svegli. Le vittime venivano costrette a sedere nella stessa posizione su uno sgabello e quando arrivavano al punto di addormentarsi venivano svegliate in modo brusco. I metodi di tortura sono infiniti.
    1. Percosse, torture alle gambe e waterboarding. Essere picchiati era all’ordine del giorno. La peggiore era la tortura alle gambe da parte delle guardie. I prigionieri, seduti a terra, sarebbero stati costretti a poggiare le gambe su una barra di metallo posta a circa 30 centimetri da terra. Un’altra barra invece gli  passava fra le tibie mentre una persona si sedeva all’estremità. Se la vittima non confessava, veniva aggiunto peso alla barra causando dolori atroci. I prigionieri venivano anche chiusi dentro delle gabbie immerse in acqua e lasciati lì dentro per sette giorni, con il corpo interamente immerso e un piccolo spazio in cima per respirare. Quando i detenuti provavano ad addormentarsi, i ratti si avvicinavano alla vittima mordendola sul naso e sulle orecchie.
    1. Minacce alla vita, alla libertà e alla famiglia. Le vite e la libertà delle mogli e dei figli dei prigionieri sono state minacciate. Uno dei figli dei prigionieri è stato preso in custodia da alcuni funzionari di pubblica sicurezza, i quali lo hanno minacciato di arrestarlo nel caso in cui il prigioniero non avesse confessato. In altre occasioni, il padre e il fratello dei prigionieri sono stati arrestati e tenuti in custodia fintanto che il prigioniero non ha confessato.

    Questi sono solo alcuni dei tipi di tortura che vengono usati. Quando abbiamo sentito tutto questo per la prima volta siamo rimasti davvero scioccati. Un superpotere che appartiene a un Paese che si dipinge responsabile e “governato secondo la legge”, porta avanti terribili atti di tortura contro un gruppo di avvocati. In seguito, dopo averci riflettuto, abbiamo capito che questo è solo il normale modus operandi del governo cinese. A luglio 2017, Li Heping è stato sequestrato dai funzionari dell’ordine pubblico e torturato con l’elettroshock fino a perdere i sensi. A febbraio 2011, Jiang Tianyong è sparito ed è stato torturato per due mesi. A giugno 2015, Wang Quanzhang, mentre svolgeva i propri incarichi da avvocato in un tribunale è stato schiaffeggiato da degli ufficiali giudiziari quasi 100 volte. La tortura e gli abusi offerti da Xie Yang sono già stati indicati nel dettaglio dai suoi legali e parte di essi appaiono come addendo a questo messaggio. La descrizione di questi fatti rappresenta la vera faccia del governo cinese – un governo che saccheggia, uccide e distrugge i comuni cittadini cinesi.

    Noi speriamo che possiate unirvi alla nostra iniziativa globale per denunciare e condannare questi atti di tortura da parte del governo cinese e appellarci alle autorità cinesi per indagare e perseguire i colpevoli e gli altri responsabili. Questi avvocati per i diritti umani sono l’orgoglio della Cina e dovrebbero essere rilasciati immediatamente.

    Grazie a tutti!

    I vostri sinceri amici,

    Wang Qiaoling (moglie di Li Heping)

    Li Wenzu (moglie di Wang Quanzhang)

    Jin Bianling (moglie di Jiang Tianyong)

    Chen Guiqiu (moglie di Xie Yang)

    (Le identità della maggior parte dei 709 familiari delle vittime devono rimanere anonime in quanto sono stati avvertiti di non parlare per i loro cari)

    Allegato: Le torture sofferte da Xie Yang

    I principali clienti di Xie Yang erano contadini rurali ai quali il governo ha demolito la casa e li ha costretti a migrare altrove nel Paese. Egli è stato arrestato l’11 luglio 2015 e per 16 mesi gli è stato proibito di vedere il proprio legale. Durante lo stesso periodo, all’ avvocato di Xie è stato proibito di studiare il caso. Al suo primo avvocato difensore, Lin Qilei () non è stato mai permesso di incontrarlo o leggere il fascicolo del suo cliente. Solo il 21 novembre 2016, al suo nuovo avvocato Zhang Zhongshi (张重实) è stato permesso di incontrarla, ma Xie è stato costretto a licenziare Lin Qilei. Il 16 dicembre il caso è stato trasferito alla Corte d’appello municipale di Changsha.

    Dal suo arresto nella mattina dell’11 luglio 2015 fino a mezzanotte del 12 luglio – un totale di più di 40 ore – è stato privato del sonno. All’inizio del giorno dopo, ha iniziato un interrogatorio di 7 giorni, durante i quali gli è stato permesso di dormire solo nove ore. Tutto questo va ben oltre ciò che una persona può sopportare. La privazione del sonno ha portato Xie Yang all’esaurimento nervoso.

    Durante i sei mesi di detenzione forzata, Xie Yang è stato costretto a sedere su una pila di sgabelli di plastica e lasciar pendere nel vuoto le proprie gambe. Una delle gambe di Xie, che riportava ferite, i è gonfiata a tal punto che lui è rimasto quasi storpio. Ogni giorno, durante la lunga sessione di interrogatori subiva percosse, minacce, insulti, grida e gli veniva soffiato fumo in faccia. Persino quando il suo corpo tremava e sudava freddo in un palese stato di febbre e sofferenza gli agenti della sicurezza nazionale lo picchiavano fino a farlo cadere in terra, a faccia in giù e premevano sul suo petto soffocandolo e colpendolo fino alla commozione cerebrale. Tutte le osservazioni che venivano fatte dagli agenti ruotavano attorno a tre argomenti specifici: che la vittima non aveva soldi, voleva acquisire visibilità e che voleva opporsi al Partito e al socialismo. Egli è stato spinto quasi fino alla morte, ma gli agenti lo hanno lasciato vivo in modo da poter prolungare il suo tormento. Mentre lo torturavano, gli agenti cercavano di persuaderlo a collaborare e a fornire dettagli sui suoi colleghi in cambio di ricompense. Quando essi non riuscivano a convincerlo, minacciavano la sicurezza e la vita di sua moglie e suo figlio o il lavoro dei suoi amici e familiari nel tentativo di dominarlo. Tutti i rapporti prodotti durante gli interrogatori sono falsi. Gli agenti li hanno scritti e fatti firmare da Xie Yang senza la possibilità di richiedere cambiamenti e torturandolo in caso di rifiuto.

    Durante l’anno trascorso presso il centro di detenzione, i funzionari e le guardie sono state molto addosso a Xie Yang nel tentativo di farlo confessare. Hanno proibito a tutti gli altri prigionieri di avere qualunque contatto con lui. A nessuno è stato permesso di parlare con lui o di dargli o prestargli qualcosa, persino di poterci giocare a carte, a mah jong, a scacchi o di permettergli qualunque forma di svago. Gli è stato vietato di usare i soldi che possedeva sul proprio conto bancario, così per molto tempo non ha potuto comprare il dentifricio o persino la carta igienica. I pubblici ministeri e la polizia, hanno usato la scusa di interrogarlo per indurlo a confessare, impedendogli di vedere un avvocato e minacciandolo di non dire una parola riguardo le torture.

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 10:53:00 CINA
    Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni”

    Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.



    09/05/2017 12:09:00 CINA
    Lo show per le ‘confessioni farsa’ anche per Xie Yang

    L’avvocato per i diritti umani afferma di aver subito “lavaggio del cervello” da un gruppo di avvocati cristiani a Hong Kong e Corea del Sud. Nega di aver subito torture. Il suo avvocato, Chen Jiangang, che aveva diffuso le sue dichiarazioni sulle torture subite ora è sotto il controllo della polizia.



    02/12/2016 11:11:00 CINA
    Peng Ming, attivista cristiano ecologista, muore in prigione. “A rischio di tortura” altri tre scomparsi

    Peng Ming era stato condannato all’ergastolo nel 2005. In passato è stato un brillante manager. In seguito ha scritto libri sulla democrazia e sulla difesa dell’ambiente contro la violenta industrializzazione nel Paese. Era stato condannato per “terrorismo”. Ancora nessuna notizia sull’avvocato cristiano Jiang Tianyong. Il dissidente Xie Yang picchiato dai poliziotti in prigione. Detenuti dalla polizia l’avvocato Huang Qi e il giornalista Liu Fei.



    06/03/2017 16:00:00 CINA
    Chen Jiangang, avvocato cinese: “Se perdessi la mia libertà”

    La tristezza e l’attaccamento alla vita di Chen Jiangang, avvocato difensore di alcuni avvocati per i diritti umani imprigionati dalle autorità cinesi. Una dichiarazione scritta in previsione delle possibili torture e false confessioni di cui i prigionieri sono oggetto.



    17/12/2016 12:49:00 CINA
    Jiang Tianyong, avvocato cristiano, arrestato dalla polizia. Ha diffuso "segreti di Stato"

    Dopo oltre tre settimane di silenzio dalla sua scomparsa, le autorità cinesi hanno confermato il fermo dell’attivista. I familiari non hanno potuto incontrare l’uomo e non hanno ricevuto notifiche ufficiali dell’arresto. Già in passato egli era stato fermato e malmenato dalla polizia. Attivisti pro diritti umani: gesto di vendetta e di punizione per le attività di Jiang. 

     





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®