26 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/10/2014, 00.00

    IRAQ - ITALIA

    Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati

    Amel Nona

    Le offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

    Erbil (AsiaNews) - Mancanza di cibo, di vestiti pesanti, di coperte, di case, di medicine: è il quadro del dolore in cui versano le centinaia di migliaia di rifugiati irakeni fuggiti da Mosul e dai villaggi vicini, che sono riusciti a fuggire in Kurdistan. Mons. Nona, arcivescovo di Mosul dei Caldei, anch'egli rifugiato, ringrazia AsiaNews e tutti coloro che contribuiscono alla campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Il vescovo racconta anche del conforto offerto dalle testimonianza di fede dei suoi cristiani davanti alle violenze e le minacce delle milizie del Califfato islamico. La grave crisi umanitaria è anche l'occasione per lui di scoprire un nuovo modo di essere pastore: non dimenticarsi di Dio in mezzo alle strazianti urgenze umanitarie della vita quotidiana.  Riportiamo di seguito la lettera che mons. Nona ci ha inviato dopo aver ricevuto la seconda tranche di aiuti della campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Finora, essa ha raccolto e inviato quasi 700mila euro. E continua secondo le stesse modalità (v. qui).

    Caro padre Cervellera,

                                              Voglio informarla che abbiamo ricevuto la somma di 123,297 euro mandata da voi, AsiaNews, ed anche 270,000 euro mandata dalla fondazione Pime Onlus. Questa è la seconda donazione mandata da AsiaNews al nostro comitato vescovile per aiutare i rifugiati cristiani iracheni. Questa vostra donazione arriva direttamente al conto bancario del comitato e viene registrata a vostro nome con tutti i

    dettagli della donazione: la data, il numero della somma, l'organizzazione che fa la donazione. Invece vengo a darle alcuni dettagli sugli aiuti, ossia sul modo in cui vengono spesi questi soldi. Siamo pronti a rispondere anche ad ulteriori domande che riguardano le donazioni.

    Gli aiuti che riceviamo sono di grande importanza per noi perché facilitano la vita dei nostri rifugiati, che non è facile per niente. 

    Oggi i rifugiati soffrono di una situazione molto difficile, soprattutto perché l'inverno è già cominciato e la pioggia è venuta presto. Le difficoltà sorgono dalla mancanza di cibo, di vestiti pesanti, di coperte per proteggersi dal freddo... Vi sono anche difficoltà che riguardano problemi sanitari. Migliaia di famiglie non possono più pagare l'affitto delle case perché è molto alto, ed essi sono senza lavoro. Ogni giorno aumenta il bisogno e la richiesta di case, o di avere un posto gratuito che possa proteggerli. Quelli che vivono nei luoghi pagati o approntati dalla Chiesa - grazie all'aiuto delle organizzazioni caritatevoli, come la compagna di AsiaNews - stanno affrontando altre difficoltà quali la mancanza di lavoro e la mancanza di soldi. Anche questi luoghi sono affollati e pieni di tanta gente.

    Le donazioni che giungono alla Chiesa da varie fonti, sono spese per trovare alloggi dignitosi ai nostri cristiani: ad esempio una casa al posto di una tenda, o trovare un posto per chi vive in una scuola o in aule sovraffollate. Gli aiuti sono spesi  anche per medicine, che i bisognosi non possono pagarli. Affittare case o alberghi ai rifugiati, o costruire campi di roulotte, è la via più importante per usare questi aiuti, perché la maggioranza dei rifugiati non possono pagare l'affitto delle case.

    Nella nostra situazione drammatica ogni tanto vediamo alcune luci dal cielo che ci danno coraggio a continuare la nostra vita di fede nonostante tutte le difficoltà e problemi.  Ad esempio, abbiamo ricevuto alcune testimonianze da parte dai nostri fedeli rimasti nei villaggi cristiani nella piana di Niniveh. Ho sentito alcuni giorni fa che nel villaggio di Bartella, una famiglia con un loro vicino erano rimasti là anche dopo l'arrivo dell'esercito dello Stato islamico (o Isis). Provando a scappare dal villaggio, sono stati arrestati e costretti a convertirsi all'islam. Il vicino ha rifiutato e per questo è stato subito ucciso. Invece la donna, per paura della sorte dei suoi figli, ha detto la formula con cui ci si converte all'islam.  Ma arrivando a Erbil ha chiesto penitenza e perdono, ritornando alla fede cristiana. Un'altra storia riguarda due donne anziane rimaste in un villaggio che si chiama Karemless, nella Piana di Niniveh. Queste donne coraggiose hanno incontrato i militanti dell'Isis che volevano costringerle a convertirsi all'islam.  Invece esse hanno iniziato a discutere con coraggio, difendendo la loro fede cristiana e dicendo che tutti hanno la libertà di professare la loro fede... Hanno discusso circa un'ora con i militanti che le minacciavano di uccidere, ma senza poterle convertire. Alla fine le hanno lasciate andare via. Io ho incontrato personalmente le due donne perché sono della mia diocesi. Le ho viste felici e piene di fiducia in Dio e in se stesse. Esse non hanno rinnegato la loro fede e hanno dato una grandissima testimonianza.

    La nostra fede cristiana ci spinge ad aiutare gli altri nonostante le diversità delle religioni e delle etnie. Per questo la nostra Chiesa aiuta anche altri che si trovano nella stessa crisi, come gli Yazidi e membri di un'altra minoranza si chiama Kakai: diversi di loro si trovano insieme ai nostri rifugiati cristiani, e noi aiutiamo tutti.

    Tutta questa crisi rende difficile la vita dei rifugiati, compresa la mia come pastore di una diocesi marchiata dal dolore per 11 anni, con alcuni martiri, tante famiglie emigrate all'estero e ora con l'arrivo dell'Isis, che ha svuotato la diocesi di tutti i suoi membri.

    La nostra vita quotidiana è un continuo vedere ed ascoltare i rifugiati e i loro bisogni, e tentare di fare ciò che è utile per loro. Il lavoro del vescovo è diventato un agire concreto per rispondere alle esigenze quotidiane dei nostri fedeli. Nello stesso tempo, in questa situazione di grande difficoltà umanitaria, è importante trovare le vie più adeguate per sostenere le dimensioni spirituali di tutti. É un complesso non facile in cui bisogna trovare un equilibrio fra le esigenze umanitarie quotidiane in una crisi molto difficile e l'importanza di mantenere lo spirito cristiano nell'animo della nostra gente.

    Ma alla fine, ringraziamo Dio di tutto, anche della situazione in cui fa vivere noi vescovi, perché ci insegna sempre di più come si può essere servi fedeli a Lui e al Suo popolo.

     

    +Amel Nona

    Arcivescovo di Mosul dei Caldei

    Responsabile del comitato episcopale per l'aiuto ai rifugiati cristiani

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2014 ITALIA - IRAQ
    "Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachena
    AsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

    23/03/2016 10:32:00 IRAQ
    Pasqua di solidarietà: dai profughi di Mosul alle famiglie più povere

    Don Paolo Thabit Mekko, responsabile del campo “Occhi di Erbil”, racconta la Settimana Santa. Parte della comunità ha organizzato una raccolta fondi e denaro da devolvere a famiglie cristiane e musulmane più povere. Il desiderio di rivivere tradizioni e canti dei villaggi di origine, pregando di poter tornare un giorno nelle loro case. La comunità mantiene viva la speranza.



    06/12/2014 IRAQ-VATICANO
    Papa ai profughi cristiani di Mosul: Vi sono vicino. La vostra resistenza è martirio, rugiada che feconda
    Il videomessaggio del pontefice portato dal card. Philippe Barbarin. L'impegno in Turchia e con la comunità internazionale per una "maggiore convergenza" a risolvere i conflitti in Iraq. Il ringraziamento per la testimonianza di fede. L'8 dicembre, preghiera speciale di tutta la Chiesa per i profughi cristiani irakeni a Erbil.

    14/10/2014 IRAQ - ITALIA
    "Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
    Inviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".

    08/05/2015 IRAQ
    Continua la campagna “Adotta un cristiano di Mosul” (Il Video)
    Già raccolti circa 1,2 milioni di euro. Urgente trovare case e container per i 130mila profughi cristiani fuggiti da Mosul sotto la minaccia dello Stato Islamico. Rispondere all’invito di papa Francesco: Non restare “inerti e muti” di fronte ai nostri fratelli e sorelle perseguitati.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®