18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/07/2010, 00.00

    PAKISTAN

    Libera dopo 14 anni una "blasfema", in carcere senza processo



    Zaibul Nisa è stata arrestata dopo una vaga accusa di blasfemia. Il giudice "dispiaciuto" per la lunga e immotivata detenzione. L’avvocato denuncia: "Buttata in carcere e dimenticata da tutti".

    Lahore (AsiaNews/Agenzie) – L’Alta corte di Lahore ha ordinato ieri il rilascio, dopo 14 anni di galera, di una donna accusata di blasfemia. La rilasciata – la 60enne Zaibul Nisa – è stata rinchiusa senza processo nel braccio per malati mentali della prigione locale dal 1996. All’epoca, venne accusata di aver dissacrato il Corano e le autorit‡, senza prove, ne decise l’arresto.

    Oggi il giudice a capo della Corte, Khawaja Mohammad Sharif, ha spiegato di "aver ordinato il rilascio della Nisa, contro la quale non sono state trovate prove". L’uomo ha espresso "dispiacere" per la lunga e ingiusta detenzione della donna.

    Nisa venne arrestata nella cittadina di Rawat, vicino alla capitale Islamabad, dopo che un vicino di casa sostenne di averla vista dissacrare il Corano. Aftab Ahmad Bajwa, avvocato difensore, spiega che "nessuno, neanche i suoi familiari, hanno impugnato la decisione. È stata mandata in galera e dimenticata da tutti".

    Gli agenti l’hanno arrestata ai sensi della famigerata legge sulla blasfemia. La norma è prevista alla sezione 295, comma B e C, del Codice penale pakistano e punisce con l’ergastolo chi offende il Corano; essa prevede anche la condanna a morte per chi insulta il profeta Maometto. Le accuse a carico dei presunti blasfemi sono spesso false o motivate da interessi meschini, generano scandali e spingono folle inferocite a farsi giustizia.

    La scorsa settimana, alcuni sicari hanno ucciso due fratelli cristiani – uno dei due era un pastore protestante – che stavano uscendo dal tribunale. Accusati di blasfemia, stavano per essere scagionati proprio per mancanza di prove.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/02/2007 PAKISTAN
    Paura, violenze e ostracismo per i “blasfemi dell'Islam” riconosciuti innocenti
    Nonostante siano stati rilasciati dai giudici, alcuni sopravvissuti alla legge sulla blasfemia raccontano l’isolamento sociale e la povertà cui sono condannati solo per essere sospettati di aver offeso l’islam. Agenti e funzionari costringono i cristiani a convertirsi in carcere: chi rimane saldo nella fede, rischia di morire per mano di estremisti.

    07/05/2007 PAKISTAN
    Scarcerata Martha Bibi, cristiana accusata senza prove di blasfemia
    Fazal-e-Miran, giudice della Corte Suprema di Lahore, ha ordinato il rilascio su cauzione della donna. Fisicamente molto provata, non ha mai smesso di ringraziare Dio per aver fatto trionfare la giustizia. Attivisti tornano a chiedere l’abolizione della legge sulla blasfemia.

    12/02/2007 PAKISTAN
    Senza alcuna prova, è ancora in carcere la cristiana accusata di blasfemia
    Martha Bibi, arrestata il 22 gennaio scorso, si trova in una prigione del distretto di Kasur. La polizia non ha neanche iniziato le indagini, mentre la sua famiglia vive nascosta per paura di attacchi da parte di estremisti.

    26/01/2007 PAKISTAN
    Ancora un cristiano in prigione per “blasfemia”
    Dopo un litigio, un uomo che le deve soldi accusa una donna di avere insultato il Profeta, reato che prevede anche la condanna a morte. La polizia la porta subito in carcere. Una ong per la tutela dei diritti: estremisti islamici usano la legge sulla blasfemia per colpire le minoranze religiose, o anche chi si oppone loro.

    02/07/2009 PAKISTAN
    Centinaia di musulmani assaltano le case di 100 cristiani nel Punjab
    La folla ha appiccato il fuoco a numerose abitazioni, bruciato veicoli per strada e distrutto la rete elettrica. All’origine delle violenze una zuffa tra un cristiano ed un musulmano degenerata in un attacco con molotov, bastoni e acido.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®