19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/01/2018, 12.49

    ISRAELE-PALESTINA

    Likud: annettere la Cisgiordania. Attivista israeliano: Israele tratta i territori come una sua proprietà



    Votata risoluzione a favore degli insediamenti e della sovranità israeliana sulle aree “liberate”. Ministro: “Ne abbiamo il diritto e l’obbligo morale”. Portavoce di B’tselem: “Israele usa il suo potere per imporre condizioni di vita coercitive su decine di comunità palestinesi, cercando di espellerli dalle loro terre”.

    Gerusalemme (AsiaNews) – “Israele tratta la Cisgiordania come fosse una sua proprietà”. Commenta così Amit Gilutz, portavoce dell’ong israeliana B’tselem, la risoluzione votata all’unanimità dal comitato centrale del Likud, partito del primo ministro Benjamin Netanyahu, per l’annessione formale della Cisgiordania e la libera costruzione degli insediamenti.

    La risoluzione chiede la “libera costruzione” e l’applicazione della sovranità israeliana “su tutte le aree liberate dagli insediamenti ebraici in Giudea e Samaria [Cisgiordania, ndr]”.

    Netanyahu non era presente alla votazione, a cui hanno partecipato circa 1000 persone, fra cui legislatori e ministri. Fra di essi, il ministro per la pubblica sicurezza Gilad Erdan, che afferma: “Dobbiamo iniziare ad applicare questa sovranità, ne abbiamo il diritto e l’obbligo morale per i nostri fratelli coloni”.

    Per l’attivista di B’tslem, la risoluzione è un tentativo di consolidare “processi già in corso, che i governi israeliani portavano avanti da decenni”, come l’utilizzo di terreni e risorse per i propri esclusivi interessi “senza alcun riguardo per i diritti dei palestinesi”.

    “In particolare con gli accordi di Oslo, nell’area definita ‘C’ [sottoposta al controllo diretto militare israeliano, di norma intorno alle colonie o ad avamposti militari, ndr] Israele usa il suo potere per imporre condizioni di vita coercitive su decine di comunità palestinesi, cercando di espellerli dalle loro terre”.

    In Cisgiordania vivono circa 400mila coloni ebraici insieme a 2,8 milioni di palestinesi. Molti insediamenti si trovano a Gerusalemme est, che i palestinesi vogliono come futura capitale di uno Stato indipendente. La comunità internazionale considera illegali le colonie in base al diritto internazionale, in quanto territori occupati. La recente mossa del presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale israeliana ha scatenato reazioni dall'Onu e la comunità internazionale

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2017 12:03:00 ISRAELE-PALESTINA
    Un palestinese e un israeliano uccisi lo stesso giorno

    Il palestinese è stato ucciso nel nord della Cisgiordania da un colono armato. Testimoni palestinesi affermano che stava curando la sua terra. L’esercito israeliano, giunto a scontro finito, sostiene che il colono si è difeso dal lancio di sassi. In serata, un soldato israeliano di 19 anni è stato ucciso a coltellate.



    11/01/2018 13:55:00 ISRAELE - PALESTINA
    Cisgiordania, l’espansione delle colonie è ‘l’ultima pallottola’ alla soluzione dei due Stati

    Approvate 1.122 unità abitative e aperta gara d’appalto per aggiuntive 651. Nel 2017 sono state demolite 420 strutture palestinesi. Continua anche la violenza: ucciso un colono ebraico in un avamposto illegale.



    30/08/2017 09:00:00 ISRAELE - LEGA ARABA
    Netanyahu: le colonie sono “terra d’Israele”. Lega Araba: non cerca la pace

    Per il diritto internazionale gli insediamenti israeliani sono illegali. Senza risposta le condanne dell’Onu. Gli insediamenti crescono in numero e popolazione.



    19/08/2004 ISRAELE
    Sharon: continuerò il piano di ritiro nonostante il dissenso del partito


    22/03/2011 ISRAELE - PALESTINA
    Aerei israeliani bombardano Gaza. Israele accusato di “pulizia etnica”
    Almeno 17 feriti fra cui sette bambini. Il raid è una rappresaglia contro i missili di Hamas su Ashkelon. A Ginevra Israele è accusato di operare una “pulizia” etnica” attraverso la politica degli insediamenti dei coloni nei territori occupati.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®