16 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/05/2017, 12.09

    CINA

    Lo show per le ‘confessioni farsa’ anche per Xie Yang

    Wang Zhicheng

    L’avvocato per i diritti umani afferma di aver subito “lavaggio del cervello” da un gruppo di avvocati cristiani a Hong Kong e Corea del Sud. Nega di aver subito torture. Il suo avvocato, Chen Jiangang, che aveva diffuso le sue dichiarazioni sulle torture subite ora è sotto il controllo della polizia.

    Pechino (AsiaNews) – La corte di Changsha (Hunan) ha rilasciato una trascrizione e un video della “confessione” di Xie Yang, avvocato per i diritti umani, arrestato nell’operazione “709” nel 2015, insieme ad altre centinaia di attivisti e colleghi. In essi, Xie confessa di aver subito un “lavaggio del cervello” da organizzazioni cristiane di avvocati di Hong Kong e della Corea del Sud; di non essere stato torturato; di essere colpevole di ““incitamento alla sovversione contro il potere statale”.

    Xie avrebbe dovuto essere processato lo scorso 25 aprile. Ma la presenza di suoi sostenitori, giornalisti e rappresentanti dell’Unione europea ha portato i giudici alla decisione di aggiornare il processo, avvenuto ieri a porte chiuse.

    Xie è famoso per aver difeso diversi portatori di petizioni, attivisti, dissidenti. Il suo caso ha richiamato l’attenzione della comunità internazionale dopo che il suo avvocato Chen Jiangang ha diffuso trascrizioni dei suoi incontri con Xie, in cui egli racconta di torture subite durante il primo periodo di detenzione.

    Lo scorso gennaio, Xie ha infatti firmato una dichiarazione nelle mani di Chen, in cui egli spiega che presto sarebbe apparso in televisione o al processo, facendo una confessione, che però è frutto di tortura o di compromesso, in cambio di un ritorno alla sua famiglia. Nella dichiarazione Xie afferma di essere “completamente innocente”, che la polizia lo ha di continuo torturato per estrarre da lui una confessione in cui egli avrebbe ammesso tutte le sue “colpe”. “La confessione – diceva – non indica il mio vero pensiero, ma è stata strappata con la tortura e i maltrattamenti”.

    In marzo Chen è stato “rifiutato” come avvocato difensore di Xie e ora è sotto il controllo continuo della polizia.

    Quanto al “lavaggio di cervello”, nella “confessione” Xie dice di essere stato a Hong Kong e in Corea del Sud, invitato dal China Human Rights Lawyers Concern Group (Chrlcg) per spingerlo ad “abbattere il sistema esistente e costruire un sistema costituzionale occidentale in Cina”.

    Il presidente del Chrlcg ad Hong Kong, Albert Ho Chun-yan, ha rifiutato i sospetti e le accuse dicendo che il gruppo invita spesso avvocati cinesi a studiare e paragonare i sistemi giudiziari.

    Al South China Morning Post, Ho afferma: “Xie è stato torturato… Nessuno crede che egli volontariamente abbia detto quello che ha detto e nessuno crede che quello [di ieri] fosse un processo equilibrato”.

    Le torture e le conseguenti “confessioni video” sono divenute molto comuni nel sistema giudiziario cinese, soprattutto verso attivisti e dissidenti. Fra gli avvocati del 709, AsiaNews ha documentato le torture agli avvocati Wang Quanzhang (王全璋) e Li Chunfu (李春富).

    Fra le più famose “confessioni-video” vi è quella dell’avvocato cristiano Zhang Kai, che insieme ad un gruppo di colleghi era impegnato a fermare con il diritto la campagna di demolizioni delle croci in corso nella provincia meridionale del Zhejiang.  Anch’egli ha emesso una “confessione” in cui riconosce tutti i suoi errori.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 10:53:00 CINA
    Avvocati per i diritti umani torturati per strappare loro “confessioni”

    Fra i circa 300 avvocati fermati o arrestati il 50% sono cristiani cattolici o protestanti. Battiture, scariche elettriche, minacce, divieto di bere per convincerli di aver “cospirato contro la sicurezza dello Stato”. Minacciate anche le mogli degli avvocati.



    31/01/2017 12:16:00 UNIONE EUROPEA - CINA
    L’UE chiede conto alla Cina dei casi di tortura degli avvocati per i diritti umani

    Nota ufficiale della Portavoce. Il rilascio di Xie Yanyi e Li Chunfu “un passo in avanti”. La richiesta di spiegazioni per i casi Li Heping, Wang Quangzhang e Xie Yang. Chiesta la scarcerazione degli avvocati e attivisti ancora detenuti.



    16/02/2017 14:40:00 CINA
    Wang Quanzhang, avvocato per i diritti umani, accusato di ‘sovversione contro il potere dello Stato’

    Wang fa parte del gruppo di 300 avvocati arrestati con la campagna “709” nel luglio 2015. È stato tenuto segregato e in isolamento, sottoposto a torture.



    16/01/2017 12:37:00 CINA
    Drogato e schizofrenico: i frutti della prigionia e della tortura per Li Chunfu, avvocato per i diritti umani

    In prigione era costretto a prendere ogni giorno delle medicine “contro l’alta pressione” (che non ha mai avuto). Ha vissuto lunghi periodi chiuso in una stretta gabbia di ferro. La testimonianza della cognata Wang Qiaoling e il grazie della moglie Bi Liping: “Leviamoci, denunciamo i crimini della polizia di Tianjin. Esponiamoli alla luce del sole!”. La rivista “China Change”  domanda un’inchiesta internazionale sugli abusi contro gli avvocati per i diritti umani (molti di essi sono cristiani).



    14/01/2017 11:08:00 CINA
    Turbe mentali e fisiche per l’avvocato Li Chunfu dopo 18 mesi di prigione

    Aveva difeso 200 minatori dell’Hebei e alcuni membri della Falun Gong. Suo fratello, avvocato cristiano, ha difeso membri delle chiese domestiche e dissidenti politici. La polizia deve averlo minacciato di riportarlo in prigione se diffonde notizie sulla sua situazione e se incontra altri avvocati per i diritti umani o le loro mogli, che si stanno battendo per la loro liberazione. "China change" chiede un’inchiesta internazionale sulle torture e violenze subite.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®