31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/08/2012
GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012: non si scusa, ma annuncia il ritiro l’atleta cinese squalificata nel Badminton
Pechino ha chiesto alle proprie giocatrici “scuse pubbliche” per la squalifica dal torneo olimpico. La Federazione ha cacciato otto giocatrici asiatiche per comportamento antisportivo. Yu Yang e Wang Xiaoli parlano di sogni “mandati in frantumi” e regole sbagliate. Gli internauti cinesi difendono le loro beniamine, che trovano alleati anche al britannico Guardian.

Londra (AsiaNews) - La Cina chiede pubbliche scuse per il comportamento mantenuto in campo, ma una delle campionesse squalificate dalla Federazione mondiale di Badminton (Bwd) rifiuta di seguire le direttive e annuncia il proposito di abbandonare lo sport. È destinata a lasciare strascichi e polemiche la vicenda delle otto giocatrici asiatiche - due cinesi, quattro sud-coreane e due indonesiane - indagate e poi cacciate dalle Olimpiadi perché non hanno "dato il massimo, per vincere una partita" (cfr. AsiaNews 01/08/2012 Londra 2012, otto asiatiche del Badminton sotto accusa per "scarso impegno"). I vertici della federazione hanno respinto il ricorso presentato dalla compagine di Seoul contro la cacciata dalla competizione; poco dopo anche l'Indonesia ha ritirato la propria istanza e ha accettato la squalifica delle proprie atlete.

Sotto la lente dei giudici sono finite le sfide delle cinesi Yu Yang e Wang Xiaoli e delle sud-coreane Jung Kyung-eun e Kim Ha-na per il primo match; nel secondo oggetto di inchiesta il duo Ha Jung-Eun e Kim Min-Jung (Corea del Sud), assieme alle indonesiane Meiliana Juahari e Greysia Polii. Le giocatrici avrebbero cercato di perdere le sfide di qualificazione nelle quali erano impegnate, per incontrare avversari di livello inferiore durante la fase finale del torneo.

L'agenzia ufficiale cinese Xinhua ha rilanciato la richiesta di pubbliche scuse delle giocatrici, richiesta dai vertici dello sport cinesi presenti a Londra 2012 dove la corrazzata di Pechino continua a mietere successi. Tuttavia Yu Yang, una delle quattro sportive coinvolte, ha usato il proprio profilo Weibo - una sorta di Twitter cinese, ndr - per esprimere la propria frustrazione e manifestare il proposito di abbandonare le competizioni.

"Questa è la mia ultima gara" ha scritto la Yu. "Addio Federazione mondiale di Badminton; addio, mio amato badminton". Accusata di aver voluto perdere deliberatamente la partita, l'atleta cinese aggiunge che i suoi sogni sono stati "mandati in frantumi senza pietà" perché le giocatrici in campo - conclude l'ormai ex sportiva - stavano solo "sfruttando le nuove regole" per garantirsi una posizione migliore nel prosieguo del torneo.

Intanto sui giornali internazionali e fra gli internauti cinesi divampano polemiche e battute infuocate sulla squalifica delle otto giocatrici. Con buona pace dello spirito decoubertiano alla base dei Giochi olimpici, secondo cui "l'importante è partecipare", per i blogger le ragazze erano impegnate a centrare l'obiettivo della vittoria e vanno difese senza esitazioni. "Sono le regole a essere sbagliate" scrive un internauta della provincia dell'Henan in risposta al "tweet" di Wang Xiaoli che lamenta "la cancellazione del mio sogno". In un altro post di un cittadino dell'Anhui emerge lo spirito patriottico di una nazione che sostiene in tutto e per tutto i propri atleti: "Da cittadino cinese, vi sosterrò sempre".

Sulla vicenda è intervenuto anche il quotidiano inglese The Guardian, che in un articolo dedicato al "biscotto" delle sportive asiatiche nel Badminton parla di squalifica "ingiusta" perché "facevano del loro meglio" per raggiungere il risultato finale: la vittoria non del singolo match, ma del torneo finale. Ogni giorno, aggiunge l'articolista, si leggono "iperboli" dedicate all'importanza del successo per "l'orgoglio nazionale", tanto che la Bbc non manda in onda il medagliere perché "umiliante" per la Gran Bretagna. "Un pasticcio sciovinista - viene definito - di una Repubblica delle banane". E conclude: il motto olimpico "è morto decenni fa", perché "le olimpiadi dell'era moderna sono una parodia dei Giochi improntati al nazionalismo da Hitler nel 1936".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, gli Stati Uniti superano la Cina e tornano in vetta al medagliere olimpico
06/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Olimpiadi Londra 2012: il riscatto della fede, in un Paese che ha bandito i simboli religiosi
03/08/2012 GRAN BRETAGNA – CINA
Londra 2012: per primeggiare nel medagliere, la Cina “rivendica” due ori kazaki
01/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, otto asiatiche del Badminton sotto accusa per “scarso impegno”
30/07/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, la Cina è già in vetta al medagliere olimpico

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate