24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/01/2018, 15.43

    MALDIVE

    Malè, ex presidente in esilio accusa la Cina di ‘sequestro di terre’



    Mohamed Nasheed vive in esilio a Londra. Almeno 16 atolli presi in affitto da Pechino per costruire porti e infrastrutture sulla “Nuova Via della Seta”. Il leader dell’opposizione lancia l’allarme sul pericolo di una deriva islamica fondamentalista nel Paese.

    Malè (AsiaNews/Agenzie) – L’ex presidente delle Maldive, il primo ad essere stato eletto con votazioni democratiche nell’isola, accusa la Cina di “sequestro di terre”. Mohamed Nasheed, 50 anni, leader del Maldivian Democratic Party (Mdp) e costretto all’esilio a Londra da un colpo di Stato, si è recato in visita ufficiale a Colombo, dove è presente una buona base del suo partito. Qui ha denunciato la strategia cinese di affitto dei terreni dell’arcipelago e affermato che le mire espansionistiche di Pechino “minacciano la sovranità nazionale”. Poi ha anche messo in guardia dall’avanzata dell’estremismo islamico, che nel paradiso turistico starebbe creando “uno Stato parallelo”.

    Nasheed riporta che le aziende cinesi hanno già preso in affitto almeno 16 isolotti dell’arcipelago situato nell’Oceano indiano, composto da 1192 isole coralline. Le Maldive si trovano sulla rotta della “Nuova Via della Seta” lanciata da Pechino, che sta costruendo porti e infrastrutture sui terreni noleggiati. “Questo è colonialismo – ha detto l’ex presidente – e non dobbiamo consentirlo. Vogliamo che altri Paesi (della regione) si uniscano a noi e parlino la stessa lingua (contro l’espansione cinese). Non siamo contro alcun Paese, e nemmeno contro gli investimenti diretti esteri, ma siamo contro la cessione della nostra sovranità”.

    Il leader del Mdp è stato eletto nel 2008 ed estromesso nel 2012 da un colpo di Stato appoggiato dai radicali islamici. Nel 2015 è stato arrestato per terrorismo, ma si è sempre difeso sostenendo che le accuse erano politicamente motivate. A Colombo ha detto che se il prossimo anno dovesse essere rieletto nelle Maldive – Paese islamico di 340mila abitanti –, rinegozierà i contratti con la Cina.

    Per quanto riguarda l’avanzata del fondamentalismo, Nasheed afferma che almeno 300 cittadini si sono uniti alle file dello Stato islamico in Siria e Iraq e ora stanno ritornano negli atolli. Secondo lui, “posti chiave del governo sono infiltrati dai salafiti [branca ultra-conservatrice dell’islam, ndr]”. Poi ha aggiunto: “Non è un’esagerazione sostenere che esiste uno Stato parallelo nelle Maldive. Uno Stato dentro lo Stato. Una rete di radicali islamici si è infiltrata in istituzioni strategiche, governo e bande di strada”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2018 09:27:00 MALDIVE
    Corte suprema assolve l’ex presidente. Scontri tra i suoi sostenitori e la polizia

    Mohamed Nasheed è stato prosciolto dall’accusa di terrorismo, insieme ad altri otto oppositori. Potrà tornare dall’esilio e correre per le elezioni politiche, previste per la fine dell’anno. Sotto la sua guida riformatrice, non è mai stata abolita la sharia e non esiste libertà religiosa.



    21/02/2018 08:54:00 MALDIVE – INDIA – CINA
    Maldive, stato d’emergenza: crolla il turismo. Nella zona, navi da guerra cinesi e indiane

    Il Parlamento ha esteso la misura per altri 30 giorni. I tour operator cancellano le prenotazioni di alberghi e voli aerei. La crisi si inserisce nella lotta per le sfere d’influenza tra Pechino e Delhi.



    20/11/2017 15:30:00 PAKISTAN-CINA
    Il Pakistan costruirà la diga senza Pechino. Scricchiola la Belt and Road Initiative

    È il secondo Paese in pochi giorni ad annullare un accordo. Pechino ha bisogno di garanzie dagli Stati, ma rifiuta gare pubbliche. Preoccupazioni sulla qualità della strumentazione cinese utilizzata. L'impiego di lavoratori cinesi azzera l'uso di lavoratori locali e fa perdere valore politico ai progetti.



    13/05/2017 08:50:00 CINA
    Con 'One belt, one road', la Nuova Via della Seta, la Cina dimostra la sua forza. Ma ne è capace?

    Xi Jinping porta avanti “dimostrazioni di forza” a livello economico e militare, ma molti dubitano che la Cina possa sostenere un simile carico finanziario. Per molti Paesi i grandi progetti in Asia centrale, in Asia del sud e nel Mar Cinese meridionale e orientale, nascondono sogni di egemonia molto pericolosa. Europa diffidente. Solo l'Italia partecipa all'incontro di "One belt, one road" a Pechino questo fine settimana. L’analisi dello studioso Willy Lam. Per gentile concessione di The Jamestown Foundation. Traduzione dall'inglese di AsiaNews.

     



    28/10/2017 12:07:00 PAKISTAN – CINA
    Il porto di Gwadar sarà la ‘testa di ponte’ della nuova Via della Seta cinese

    Lo scalo fa parte del China-Pakistan Economic Corridor, uno dei progetti di punta dell’iniziativa “One Belt, One Road”. Oltre al porto, sono in fase di costruzione un aeroporto internazionale, scuole, impianti elettrici, una tangenziale. Lavoratori locali temono la concorrenza dei cinesi.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®