26 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/01/2013, 00.00

    CINA

    Manicomi e mutilazioni: le nuove torture nella Cina delle riforme

    Chen Weijun

    Mentre il governo centrale discute sulla possibilità di riformare il sistema di “rieducazione tramite il lavoro” i casi di violazioni ai diritti umani si moltiplicano e diventano sempre peggiori. La storia di Chen Qingxia, moglie di un malato mentale, picchiata fino a perdere l’uso delle gambe mentre cerca di presentare la sua petizione al governo centrale. Il marito viene internato in un ospedale psichiatrico e il figlio di 12 anni sparisce nel nulla.

    Pechino (AsiaNews) - Mentre il governo centrale discute sull'abolizione del sistema della "rieducazione tramite il lavoro", la cronaca cinese riporta casi agghiaccianti di violazioni ai diritti umani. Lo conferma la storia di Chen Qingxia (v. foto), moglie di un malato mentale divenuta lei stessa disabile a causa delle violenze subite mentre cercava di ottenere giustizia dalle autorità centrali per gli abusi subiti. La storia è stata raccontata alla China National Radio e confermata persino da un funzionario del Dipartimento di propaganda, che tuttavia ha cercato di modificarne i particolari.

    Le disgrazie di Chen iniziano nel 2003 quando il marito, in cura presso un ospedale psichiatrico, viene condannato ai campi di lavoro (laojiao) per aver danneggiato un pezzo di ferrovia. Dopo la condanna, il campo si rifiuta di ospitare l'uomo per i suoi problemi psichiatrici e lo rimanda all'Ufficio di pubblica sicurezza di Yichun - nell'Heilongjiang - dove la famiglia vive. Chen si accorge di diverse ferite sul corpo del marito e teme per la sua salute mentale, molto peggiorata dopo questo viaggio. Poche settimane dopo verrà dichiarato schizofrenico e internato in un ospedale psichiatrico, una pratica molto comune usata dal regime comunista per mettere a tacere voci scomode.

    Da questo momento, la donna cerca di ottenere giustizia presso il governo centrale tramite il sistema delle petizioni. Si tratta di una forma prevista e difesa dalla Costituzione cinese: se un qualunque cittadino ritiene di aver subito un torto da parte delle autorità locali, può chiedere al governo centrale di intervenire. Visto l'enorme numero di casi, i funzionari minori - spesso corrotti e deviati nella gestione della giustizia e della sicurezza locale - fanno di tutto per fermare chi vuole portare la propria petizione a Pechino.

    Nel 2007, mentre torna dalla capitale, viene arrestata e tenuta in prigione per 10 giorni proprio a Yichun. Durante questa detenzione viene picchiata e perde l'uso delle gambe: "I miei piedi erano a posto dopo la visita a Pechino. Durante la custodia mi hanno picchiato e ora non sono in grado di camminare da sola". Subito dopo viene prima chiusa in un obitorio deserto, guardata a vista da un soldato; e poi condannata a 18 mesi di lavori forzati. Nel frattempo il figlio, di 12 anni, sparisce nel nulla. Li Nan, funzionario della propaganda di Yichun, conferma la detenzione ma specifica che la Chen è stata "presa in cura" da 4 persone del Dipartimento di igiene per "motivi umanitari".

    Il caso di Chen si inserisce nel dibattito in corso in Cina sull'abolizione del sistema dei "laojiao". Secondo alcune voci il Partito, guidato dal nuovo leader Xi Jinping, si sta preparando per abolirlo; per altri è in vista solo una "riforma" del tutto estetica. Inoltre, denunciano diversi dissidenti e analisti, "senza il controllo incrociato garantito solo dalla democrazia, Pechino avrà sempre la necessità di violare i diritti umani della popolazione. Possono cambiare nome, ma ne troveranno un altro per definire le stesse cose".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2013 CINA
    Campi di lavoro forzato, tra annunci e smentite continua il balletto del Partito
    Per la terza volta in un mese una voce ufficiale del regime comunista annuncia la chiusura dei laojiao, i campi di “rieducazione tramite il lavoro” voluti da Mao Zedong per mettere a tacere i controrivoluzionari e ora usati contro critiani, Falun Gong e dissidenti. Le prime due sono state smentite nei giorni successivi. Continua la lotta interna al Pcc per le riforme.

    07/02/2013 CINA
    Guangdong e Yunnan annunciano l’abolizione dei campi di lavoro forzato (laojiao)
    Le due province hanno deciso, sulla scia di un’indicazione del governo centrale, di chiudere i campi di “rieducazione tramite il lavoro”. Ma gli esperti frenano l’entusiasmo: “Annunci e smentite vanno avanti da un mese, è troppo presto per festeggiare. E la Cina ha bisogno di un vero stato di diritto, le dichiarazioni dei comunisti non bastano”.

    08/01/2013 CINA
    Riforma dei campi di lavoro, lo scetticismo della società civile
    Gli annunci fatti trapelare ieri si scontrano con messaggi di tipo diverso da parte dei media di Stato: “Le autorità vogliono riformare, non eliminare, i laojiao”. E gli attivisti per i diritti umani nutrono poca fiducia: “Forse è solo un cambiamento estetico, cambiano nome e sono contenti”.

    22/02/2010 CINA
    Non si elimina la vergogna dei laojiao per almeno 500 mila cinesi
    Si tratta di carceri “amministrativi” per crimini minori, ma sono veri lavori forzati dove si finisce senza processo, senza difesa e senza appello, anche solo per avere “disturbato” le autorità o chiesto giustizia. Secondo stime non ufficiali, ora ci sono 500mila detenuti. Insieme ai laogai, hanno imprigionato oltre 50 milioni dagli anni ’50 a oggi. Il governo aveva promesso di eliminare il laojiao nel 2007.

    27/04/2016 07:44:00 CINA
    E' morto Harry Wu, il testimone dei laogai, i campi di lavoro forzato in Cina

    Il dissidente ha passato 19 anni in un campo di “rieducazione tramite il lavoro”. Rilasciato, scappa negli Stati Uniti da dove inizia una battaglia lunga decenni contro il sistema dei laogai. Grazie anche al suo impegno e alla sua testimonianza coraggiosa, Pechino è stata costretta – almeno sulla carta – a chiudere i campi di lavoro forzato. Cattolico, ha parlato molte volte in difesa della libertà religiosa in Cina.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®