08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/10/2010, 00.00

    CINA

    Dissidenti cinesi internati a forza in ospedali psichiatrici



    Una campagna denuncia casi eclatanti. Dissidenti sottoposti a ricoveri forzati di anni, elettroshock sistematici e incatenati. Human Rights Watch: così il Partito comunista cinese ha fatto da quando prese il potere. Nobel a Liu Xiaobo: decine di suoi amici in arresto, proibito andare a ritirare il premio.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Una “campagna” per denunciare i molti abusi contro chi protesta e fa petizioni in Cina e per questo è detenuto in ospedali psichiatrici, percosso, sottoposto a sedativi e a elettroshock. L’attivista Liu Feiyue spiega che la campagna “Sos Ospedali Mentali” vuole fare conoscere le tante vittime di questo “sistema”.

    Xiao Yong, attivista del gruppo Civil Rights and Livelihood Watch, parla a Radio Free Asia di Gu Xianghong, che ha protestato per gli abusi subiti dalle autorità per la pianificazione familiare, l’ufficio incaricato di far rispettare il generale divieto di avere più di un figlio.

    “Dal 1992 – spiega Xiao – [Gu] ha tentato di protestare per gli abusi subiti attraverso i canali ufficiali”: presentando petizioni alle autorità superiori per chiedere giustizia.

    Come risultato, Gu è stata più volte rinchiusa nell’Ospedale n.5 di Xiangtan (Hunan).

    Xiao e l’altro attivista Zheng Chuangtian hanno registrato un video di Gu, che, parlando con qualche difficoltà, denuncia di essere stata sottoposta a ripetuti elettroshock e iniezioni contro la sua volontà e di essere stata internata in ospedale 9 volte.

    “L’intera mia famiglia è stata rovinata dal governo del villaggio – dice la donna – perché ho fatto petizioni… Mi hanno internato qui per vendetta e costretta a subire le iniezioni”. “Non mi vogliono far uscire… Non riesco ad avere da loro risposte chiare”. “Mi hanno applicato gli elettrodi alle tempie e acceso” – dice ancora – “Mi hanno coperto il capo e incatenato i piedi”.

    Xiao e Zheng sono riusciti a entrare nell’Ospedale n.5 di nascosto, aggirandola sorveglianza, poi sono stati scoperti e rinchiusi per un poco.

    Anche la madre di Gu, Xu Meijiao, è detenuta dalle autorità.

    Huang Xuetao, avvocato a favore dei diritti umani, ha scritto in un rapporto pubblicato il 10 ottobre che molti ospedali psichiatrici accettano pazienti senza malattie mentali, su richiesta di autorità pubbliche, perché sono ben pagati.

    “Il livello del consenso tacito [in queste pratiche] – denuncia Huang – nella professione psichiatrica continua a espandersi, in un modo terrificante”.

    La speranza è che queste denunce diano risultati: le autorità hanno dato grande risalto, nei mesi scorsi alle sanzioni prese contro 5 funzionari dell’Henan responsabili di avere mandato Xu Lindong, autore di petizioni, nell’Ospedale Psichiatrico Cittadino Luohe, producendo documenti falsi. Xu (nella foto) è rimasto internato per 6 anni e mezzo, è stato rinchiuso per 50 volte, torturato con bastoni elettrici 55 volte.

    Il gruppo Human Rights Watch in un rapporto del 2002, “Menti pericolose”, ha denunciato che il Partito comunista cinese ha sempre considerato “dissidenti politici, credenti, autori di proteste e altri dissidenti” “costituire una grande minaccia sociale”. Queste persone spesso sono state “internate in modo coatto in vari tipi di istituzioni psichiatriche”.

    Ma esperti notano che metodi coercitivi sono tuttora applicati dalle autorità anche ad alti livelli. Osservano che, dopo l’assegnazione del premio Nobel per la Pace al democratico dissidente Liu Xiaobo, le autorità hanno messo sotto stretta sorveglianza o agli arresti domiciliari decine di dissidenti e attivisti, hanno tagliato loro le linee telefoniche, li seguono ovunque e a molti hanno ordinato di lasciare Pechino e tornare nella città d’origine. La moglie Liu Xia è da allora agli arresti domiciliari e le hanno tagliato la connessione a Twitter, dopo che ha messo su internet una lettera aperta rivolta a 143 attivisti e celebrità cinesi di andare a Oslo al suo posto a ricevere il premio per il marito, condannato a 11 anni di carcere per reati d’opinione.

    Lo scrittore cristiano Yu Jie è agli arresti in casa da 12 giorni. Al South China Morning Post dice che le autorità “hanno paura” che amici di Liu “vadano alla cerimonia di consegna del premio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.

    11/10/2016 15:05:00 CINA
    Hu Jia: un futuro incerto per la famiglia di Liu Xiaobo

    Senza possibilità di contatti esterni la moglie di Liu Xiaobo è sotto stretta sorveglianza della polizia e a stento va a trovare il marito in prigione.



    08/10/2010 CINA
    Dalai Lama: Pechino liberi Liu Xiaobo e tutti gli altri dissidenti
    Il premio è “il riconoscimento della comunità internazionale delle sempre più crescenti voci tra il popolo cinese che chiedono con forza riforme costituzionali, politiche e di giustizia”. La liberazione del Nobel per la pace chiesta per ora anche da Francia e Germania. Messaggio di felicitazioni dall’Unione europea e dall’Italia. La moglie ringrazia tutti coloro che hanno dato sostegno al dissidente.

    02/09/2011 CINA
    La repressione cinese non si ferma con l’estate
    In agosto si sono verificate decine di violazioni ai diritti umani di chi protesta contro le ingiustizie o lotta per la democrazia. La visita di autorità straniere, la Fiera del libro o l’Expo possono divenire le cause di un’impennata nella violenza della polizia.

    26/01/2010 CINA
    Pechino, repressione continua contro internet, attivisti, petizioni
    Il governo centrale continua la sua crociata contro la corruzione, ma i dirigenti locali non fermano espropri forzati e abusi contro la popolazione. Sempre più forte, inoltre, la censura dei mezzi di informazione. La stabilità sociale rimane la preoccupazione maggiore di Pechino.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®