27/12/2019, 09.06
FILIPPINE
Invia ad un amico

Manila: Sono almeno 28 le vittime del tifone Phanfone

I dispersi sono 12; 43mila le persone che hanno trovato accoglienza nei rifugi temporanei. Phanfone ha toccato terra la sera del 24 dicembre nella provincia di Eastern Samar. Dopo aver scaricato imponenti precipitazioni sulle Filippine centrali, ha perso intensità ieri notte nel Mar Cinese meridionale.

Manila (AsiaNews/Agenzie) – Il bilancio delle vittime del tifone Phanfone – che a Natale si è abbattuto sulle isole centrali dell’arcipelago filippino – è salito a 28 morti e 12 dispersi questa mattina, mentre le autorità cercano di ripristinare l’energia elettrica nella regione e gli abitanti riparano le case danneggiate. La tempesta ha bloccato molte persone in mare e negli aeroporti locali; ha causato frane, devastato villaggi con inondazioni, case distrutte, alberi e pali elettrici abbattuti. Intere province hanno subito blackout. Il Consiglio nazionale per la riduzione e gestione del rischio di disastro (Ndrrmc) afferma che al momento circa 43mila persone hanno trovato accoglienza nei rifugi temporanei allestisti dalle autorità. In totale sono quasi 185mila i residenti colpiti dal tifone, che ha distrutto 49 abitazioni e danneggiato parzialmente altre 2mila. Il Dipartimento dell'Agricoltura ha stimato un danno iniziale di 569 milioni di pesos (11,17 milioni di dollari Usa) soprattutto per gli allevamenti ittici.

Ieri, durante l'Angelus in piazza San Pietro, papa Francesco si è unito “al dolore che si è abbattuto sulla cara popolazione delle Filippine" a causa della tempesta. "Prego per le numerose vittime, per i feriti e per le loro famiglie", ha dichiarato invitando poi i fedeli presenti a recitare con lui l’Ave Maria "per questo popolo al quale voglio tanto bene".

Phanfone ha toccato terra la sera del 24 dicembre nella provincia di Eastern Samar. Dopo aver scaricato imponenti precipitazioni sulle Filippine centrali (Eastern Visayas, Luzon e Western Visayas), il tifone ha perso intensità ieri notte quando ha preso il largo nel Mar Cinese meridionale, con venti sostenuti di 120 chilometri all'ora e raffiche di 150. Lo riferisce l’Amministrazione filippina per i servizi atmosferici, geofisici ed astronomici (Pagasa). Funzionari provinciali, truppe dell'esercito, polizia e volontari hanno trascorso il Natale lontano da casa per occuparsi di migliaia di sfollati nelle palestre e nelle scuole della città trasformate in rifugi di emergenza. Più di 25mila persone sono rimaste bloccate nei porti dopo che la guardia costiera ha proibito a traghetti e navi mercantili di avventurarsi in acque pericolosamente instabili. Almeno 115 voli nazionali da e per la regione sono stati cancellati.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il tifone Vongfong sul Giappone: un disperso, decine di feriti e oltre 300 voli cancellati
13/10/2014
Il tifone Phanfone si abbatte sul Giappone, una vittima e tre dispersi
06/10/2014
Filippine, oltre mille le vittime del tifone Durian
04/12/2006
Luzon, sale a 74 il conto delle vittime del super tifone. Si scava ancora ad Itogon
18/09/2018 08:51
Manila, almeno 100 le vittime lungo il percorso di morte del 'super tifone'
17/09/2018 08:29