04/03/2010, 00.00
SRI LANKA

Mannar, la "lunga marcia" di Quaresima dopo anni di guerra

Melani Manel Perera
Dopo anni di guerra, i cattolici potranno riprendere la tradizionale “lunga marcia” fino al Calvario a Vavuniya, per partecipare in migliaia alla messa conclusiva. Previsti ritiri spirituali e incontri di preghiera.

Colombo (AsiaNews) – E' una Quaresima speciale quest’anno nel distretto di Mannar, primo anno di pace dopo la fine della guerra civile lo scorso maggio. I cattolici si preparano con digiuno e preghiere, offrendo le loro sofferenze a Gesù per “il passaggio” verso una nuova vita. E in migliaia potranno fare un pellegrinaggio rimandato da anni, una “lunga marcia” (“Paada Yathra”) da Mannar al Calvario a Komarasankulum (distretto di Vavuniya).

Padre Victor Sosai, vicario generale della diocesi di Mannar, spiega ad AsiaNews che “questo Paada Yathra è iniziato 9 anni fa, per chiedere la pace, ma negli anni successivi la guerra non ci ha permesso di farlo. E’ una marcia di 3 giorni, lunga 97 chilometri. Prima di partire, la gente di prepara con digiuno e preghiere nelle parrocchie”.

“Partiremo il 10 marzo dalla cattedrale di S. Sebastiano alle 5 di mattina e prevediamo di arrivare al Calvario a Vavuniya la mattina del 12, per partecipare alla messa che terrà il vescovo di Mannar mons. Joseph Rayappu. L’ultima volta hanno partecipato alla Marcia 1.300 persone, ma quest’anno ci aspettiamo di partire in circa 1.800. Molti si uniranno a noi durante il percorso e saremo almeno 5mila all’arrivo al Calvario”.

“Il primo giorno ci fermeremo alla scuola Nochchikulam per fare insieme colazione. Per pranzo saremo giunti a Isseaimalaithalvu. Il secondo giorno la partenza è prevista per le ore 11 e saremo a Pambeimadhu per pranzo. Entro sera giungeremo a Rambaikulam, per passare la notte. Da lì partiremo presto la mattina dopo per raggiungere il Calvario alle 8,30 circa. Lì avranno luogo la tradizionale via crucis, le confessioni e la messa alle ore 11. Ci saranno canti insieme e ognuno tornerà a casa con la pace nella mente”.

Un’altra iniziativa per la Quaresima sono una serie di ritiri spirituali, organizzati per gruppi di giovani, per ambito di lavoro, per gruppi di liturgia e altri ambiti, incontri guidati da un gruppo di religiosi e di laici dell’India.

Padre Sosai spiega che “questo gruppo spirituale starà con noi oltre un mese e guiderà gli incontri, in luoghi ….. come il santuario di Madhu. Avrà luogo il 19, 20 e 21 marzo per i catechisti e i docenti cattolici della diocesi. Ci sono circa 1.800 catechisti e pensiamo che intervengano almeno un migliaio, e oltre 400 insegnati cattolici”.

“Il 26, 27 e 28 marzo ci sarà un ritiro speciale per i giovani della diocesi, sempre al santuario di Madhu”.

“Per tutti i fine settimana, a partire da domani venerdì 5 marzo, ci saranno ritiri per i vari gruppi, per associazioni laiche, per i gruppi della San Vincenzo e la Legione di Maria. Saranno anche possibili le confessioni. I 35 sacerdoti della zona risponderanno alle esigenze della popolazione”.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Capodanno singalese, i cattolici festeggiano la Madonna di Madhu
18/04/2016 11:10
Arcivescovo di Singapore: Venerdì di digiuno e preghiera per la Nuova evangelizzazione
19/02/2015
Digiuno e solidarietà, la Quaresima in Pakistan
26/02/2005
Quaresima in Thailandia: preghiera, impegno sociale ed armonia interreligiosa
23/03/2006
Sri Lanka, vescovi e fedeli in digiuno per la libertà religiosa nel Paese
21/03/2009