27 Febbraio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/03/2010
SRI LANKA
Mannar, la "lunga marcia" di Quaresima dopo anni di guerra
di Melani Manel Perera
Dopo anni di guerra, i cattolici potranno riprendere la tradizionale “lunga marcia” fino al Calvario a Vavuniya, per partecipare in migliaia alla messa conclusiva. Previsti ritiri spirituali e incontri di preghiera.

Colombo (AsiaNews) – E' una Quaresima speciale quest’anno nel distretto di Mannar, primo anno di pace dopo la fine della guerra civile lo scorso maggio. I cattolici si preparano con digiuno e preghiere, offrendo le loro sofferenze a Gesù per “il passaggio” verso una nuova vita. E in migliaia potranno fare un pellegrinaggio rimandato da anni, una “lunga marcia” (“Paada Yathra”) da Mannar al Calvario a Komarasankulum (distretto di Vavuniya).

Padre Victor Sosai, vicario generale della diocesi di Mannar, spiega ad AsiaNews che “questo Paada Yathra è iniziato 9 anni fa, per chiedere la pace, ma negli anni successivi la guerra non ci ha permesso di farlo. E’ una marcia di 3 giorni, lunga 97 chilometri. Prima di partire, la gente di prepara con digiuno e preghiere nelle parrocchie”.

“Partiremo il 10 marzo dalla cattedrale di S. Sebastiano alle 5 di mattina e prevediamo di arrivare al Calvario a Vavuniya la mattina del 12, per partecipare alla messa che terrà il vescovo di Mannar mons. Joseph Rayappu. L’ultima volta hanno partecipato alla Marcia 1.300 persone, ma quest’anno ci aspettiamo di partire in circa 1.800. Molti si uniranno a noi durante il percorso e saremo almeno 5mila all’arrivo al Calvario”.

“Il primo giorno ci fermeremo alla scuola Nochchikulam per fare insieme colazione. Per pranzo saremo giunti a Isseaimalaithalvu. Il secondo giorno la partenza è prevista per le ore 11 e saremo a Pambeimadhu per pranzo. Entro sera giungeremo a Rambaikulam, per passare la notte. Da lì partiremo presto la mattina dopo per raggiungere il Calvario alle 8,30 circa. Lì avranno luogo la tradizionale via crucis, le confessioni e la messa alle ore 11. Ci saranno canti insieme e ognuno tornerà a casa con la pace nella mente”.

Un’altra iniziativa per la Quaresima sono una serie di ritiri spirituali, organizzati per gruppi di giovani, per ambito di lavoro, per gruppi di liturgia e altri ambiti, incontri guidati da un gruppo di religiosi e di laici dell’India.

Padre Sosai spiega che “questo gruppo spirituale starà con noi oltre un mese e guiderà gli incontri, in luoghi ….. come il santuario di Madhu. Avrà luogo il 19, 20 e 21 marzo per i catechisti e i docenti cattolici della diocesi. Ci sono circa 1.800 catechisti e pensiamo che intervengano almeno un migliaio, e oltre 400 insegnati cattolici”.

“Il 26, 27 e 28 marzo ci sarà un ritiro speciale per i giovani della diocesi, sempre al santuario di Madhu”.

“Per tutti i fine settimana, a partire da domani venerdì 5 marzo, ci saranno ritiri per i vari gruppi, per associazioni laiche, per i gruppi della San Vincenzo e la Legione di Maria. Saranno anche possibili le confessioni. I 35 sacerdoti della zona risponderanno alle esigenze della popolazione”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/02/2015 SINGAPORE

Arcivescovo di Singapore: Venerdì di digiuno e preghiera per la Nuova evangelizzazione
26/02/2005 PAKISTAN
Digiuno e solidarietà, la Quaresima in Pakistan
23/03/2006 Thailandia
Quaresima in Thailandia: preghiera, impegno sociale ed armonia interreligiosa
di Weena Kowitwanij
21/03/2009 SRI LANKA
Sri Lanka, vescovi e fedeli in digiuno per la libertà religiosa nel Paese
di Melani Manel Perera
01/04/2011 SRI LANKA
“Pada Yaathraa”, cammino quaresimale dei giovani a Mannar
di Melani Manel Perera

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate