7 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/07/2012
CINA - ASEAN
Mar Cinese meridionale: flotta di 30 pescherecci cinesi arriva alle Spratlys
È la flotta più grande mai vista nell'arcipelago. La risposta di Pechino alle critiche di Manila e Hanoi che hanno tentato di muovere l'Asean contro le mire espansionistiche della Cina. L'aggressività cinese preoccupa anche gli Stati Uniti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Una flotta di 30 pescherecci cinesi è giunta nelle Spratlys, accrescendo la tensione fra le nazioni che rivendicano la sovranità sulle isole del Mar Cinese meridionale.

La flotta è giunta ieri pomeriggio nell'atollo dello Yongshu ed era partita da Hainan. Essa comprende una nave per i rifornimenti e una per la sicurezza. Secondo Xinhua è la flotta più grande giunta mai sulle Spratlys.

L'arcipelago nel Mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, è conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia e da tempo i tentativi di impossessarsi di un atollo o di un altro producono frizioni fra i Paesi. Filippine e Vietnam accusano Pechino di essere sempre più aggressiva nel rivendicare la sovranità sull'arcipelago (v.: 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera). Nelle scorse settimane si sono verificati scontri fra pescherecci filippini, vietnamiti e cinesi.

Manila e Hanoi cercano alleati nell'Asean (Associazione dei Paesi del sud est asiatico) per andare contro la Cina. Nei giorni scorsi però, al raduno dell'organismo in Cambogia, non si è riusciti a stilare una mozione contro Pechino per l'opposizione della Cambogia, la cui economia dipende in modo quasi completo dalla Cina (v.: 14/07/2012 Le controversie sulle isole del Mar cinese meridionale lasciano l'Asean senza parola). Secondo analisti, l'arrivo della vasta flotta cinese di ieri sembra una risposta di Pechino alle critiche emerse nell'incontro dell'Asean.

Le mire egemoniche della Cina preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/07/2012 ASIA
Pechino crea una guarnigione militare per controllare il mar Cinese meridionale
26/07/2012 CINA – VIETNAM - FILIPPINE
Neo sindaco di Sansha: difendere gli “interessi” di Pechino nel mar Cinese meridionale
27/10/2011 FILIPPINE – VIETNAM
Manila e Hanoi, accordo sulla sicurezza nel Mar cinese meridionale
04/08/2011 ASIA
Mar cinese meridionale: Pechino e Hanoi vicine all’accordo, ma è crisi con Manila
31/05/2014 VIETNAM - CINA
Mar Cinese meridionale: navi cinesi in assetto di guerra assaltano vedette e pescatori vietnamiti
di Paul N. Hung

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate