3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/07/2012
CINA - ASEAN
Mar Cinese meridionale: flotta di 30 pescherecci cinesi arriva alle Spratlys
È la flotta più grande mai vista nell'arcipelago. La risposta di Pechino alle critiche di Manila e Hanoi che hanno tentato di muovere l'Asean contro le mire espansionistiche della Cina. L'aggressività cinese preoccupa anche gli Stati Uniti.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Una flotta di 30 pescherecci cinesi è giunta nelle Spratlys, accrescendo la tensione fra le nazioni che rivendicano la sovranità sulle isole del Mar Cinese meridionale.

La flotta è giunta ieri pomeriggio nell'atollo dello Yongshu ed era partita da Hainan. Essa comprende una nave per i rifornimenti e una per la sicurezza. Secondo Xinhua è la flotta più grande giunta mai sulle Spratlys.

L'arcipelago nel Mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, è conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia e da tempo i tentativi di impossessarsi di un atollo o di un altro producono frizioni fra i Paesi. Filippine e Vietnam accusano Pechino di essere sempre più aggressiva nel rivendicare la sovranità sull'arcipelago (v.: 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera). Nelle scorse settimane si sono verificati scontri fra pescherecci filippini, vietnamiti e cinesi.

Manila e Hanoi cercano alleati nell'Asean (Associazione dei Paesi del sud est asiatico) per andare contro la Cina. Nei giorni scorsi però, al raduno dell'organismo in Cambogia, non si è riusciti a stilare una mozione contro Pechino per l'opposizione della Cambogia, la cui economia dipende in modo quasi completo dalla Cina (v.: 14/07/2012 Le controversie sulle isole del Mar cinese meridionale lasciano l'Asean senza parola). Secondo analisti, l'arrivo della vasta flotta cinese di ieri sembra una risposta di Pechino alle critiche emerse nell'incontro dell'Asean.

Le mire egemoniche della Cina preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/07/2012 ASIA
Pechino crea una guarnigione militare per controllare il mar Cinese meridionale
26/07/2012 CINA – VIETNAM - FILIPPINE
Neo sindaco di Sansha: difendere gli “interessi” di Pechino nel mar Cinese meridionale
27/10/2011 FILIPPINE – VIETNAM
Manila e Hanoi, accordo sulla sicurezza nel Mar cinese meridionale
04/08/2011 ASIA
Mar cinese meridionale: Pechino e Hanoi vicine all’accordo, ma è crisi con Manila
31/05/2014 VIETNAM - CINA
Mar Cinese meridionale: navi cinesi in assetto di guerra assaltano vedette e pescatori vietnamiti
di Paul N. Hung

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate