24 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/05/2014, 00.00

    VIETNAM - CINA

    Mar Cinese meridionale: tensione fra Hanoi e Pechino per la piattaforma nelle acque contese

    Paul N. Hung


    Il governo vietnamita promette risposte alla mossa della Cina, giudicata “provocatoria e scostante” dal governo Usa. Pechino ha posizionato una mega-struttura per l’estrazione in un’area in cui sarebbe racchiuso “un enorme giacimento di gas naturale”. Media cinesi contro Hanoi, “contromisure adeguate” in caso di attacco.

    Hanoi (AsiaNews) - Hanoi ha in cantiere alcune "contromisure" da opporre al governo di Pechino, che di recente ha piazzato una piattaforma petrolifera nelle acque contese nel mar Cinese meridionale; una mossa bollata come "provocatoria e scostante" dagli Stati Uniti, i quali nei giorni scorsi hanno rinforzato l'alleanza con le Filippine per arginare l'imperialismo del Dragone nella regione Asia-Pacifico. Il governo vietnamita non intende accettare il piazzamento della piattaforma HD-981 e lo stanziamento di navi di pattuglia cinesi in un'area che considera parte integrante della propria piattaforma continentale e di pertinenza economica esclusiva. Pechino sembra intenzionata a proseguire la politica aggressiva nell'area, nell'impotenza generale degli altri Paesi incapaci di trovare contromisure adeguate.

    Il primo maggio scorso l'amministrazione marittima cinese ha piazzato una piattaforma gigante in un'area rivendicata da Hanoi per uso esclusivo, a circa 119 miglia nautiche dalla costa. Essa è operativa dal 2 maggio e resterà in funzione sino al 15 agosto, per oltre tre mesi ma il sospetto delle autorità vietnamite è che potrebbe prolungarsi ancor più nel tempo. È lunga 114 metri, larga 90 e alta 136, con un carico da 30mila tonnellata e una profondità massima di 3mila metri, la profondità massima è di 3mila e può estrarre petrolio sino a 12mila metri nel sottosuolo. 

    In un primo momento le autorità cinesi avevano imposto un cordone di protezione che impediva l'avvicinamento alla piattaforma oltre 1,6 miglia nautiche; il governo comunista ha quindi alzato la misura protettiva, portandola a 3 miglia (circa 6 km) e impedendo a chiunque l'approccio alla zona. Essa si trova in un'area (il blocco 143) in cui, secondo PetroVietnam, vi sarebbe un enorme giacimento di gas naturale. 

    Il governo di Hanoi non intende accettare il piazzamento della Hd-981, come comunicato dal vice-premier Pham Binh Minh al consigliere cinese di Stato Yang Jiechi nel corso di una telefonata. Secca la risposta di Pechino, secondo cui nessuna nazione ha il diritto di interferire nei programmi marittimi della Cina. Anche i media di Stato attaccano il Vietnam, sostenendo che "merita una lezione" perché fomenterebbe le tensioni nel mar Cinese meridionale. In un editoriale al vetriolo il Global Times, vicino al governo comunista, sottolinea che "Hanoi non ha il coraggio di attaccare direttamente la piattaforma" e se proverà a farlo "la Cina prenderà contromisure adeguate". 

    Da tempo Vietnam e Filippine manifestano crescente preoccupazione per "l'imperialismo" di Pechino nei mari meridionale e orientale; il governo cinese rivendica una fetta consistente di oceano, che comprende isole contese - e  la sovranità delle Spratly e delle isole Paracel - da Vietnam, Taiwan, Filippine, Brunei e Malaysia (quasi l'85% dei territori). Negli ultimi mesi la Cina ha promosso iniziative di natura politica, economica e diplomatica per impedire il regolare svolgimento della pesca o della navigazione alle imbarcazioni straniere nelle acque contese. A sostenere le rivendicazioni dei Paesi del Sud-est asiatico vi sono anche gli Stati Uniti, che a più riprese hanno giudicato "illegale" e "irrazionale" la cosiddetta "lingua di bue", usata da Pechino per marcare il territorio.

    L'egemonia riveste un carattere strategico per il commercio e lo sfruttamento di petrolio e gas naturale nel fondo marino, in un'area di elevato interesse per il passaggio dei due terzi dei commerci marittimi mondiali. Le isole, quasi disabitate, sono assai ricche di risorse - petrolio e gas naturali - e materie prime. La controversia interessa a vario titolo anche India, Australia e Stati Uniti, con interessi contrapposti e alleanze incrociate che fanno della regione Asia-Pacifico uno dei punti più caldi a livello geopolitico e possibile fattore di innesco per una nuova guerra planetaria. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2014 CINA - VIETNAM - STATI UNITI
    Mar Cinese meridionale, Pechino accusa Hanoi: Fomentate la tensione, non cederemo
    Per il capo dell’Esercito di liberazione popolare, in visita negli Usa, il Vietnam è responsabile dell’escalation delle violenze anti-cinesi. Monito a Washington, perché non prenda posizione nella controversia. La Cina continuerà le esplorazioni e “garantirà la sicurezza della piattaforma”. Per il premier vietnamita le proteste sono “legittime”.

    09/05/2014 ASIA
    Al via il vertice Asean, sul tavolo le tensioni nel mar Cinese meridionale
    Hanoi e Manila intendono sollevare la questione nel corso della 24ma Assemblea plenaria, che si apre oggi nella capitale del Myanmar. Nel mirino le azioni “provocatorie” di Pechino nell’area e i recenti scontri fra imbarcazioni cinesi e vietnamite. Incertezze sulla dichiarazione finale e l’ipotesi che possa contenere riferimenti a singoli incidenti. In corso “consultazioni”.

    27/05/2014 VIETNAM - CINA
    Mar Cinese meridionale: Hanoi accusa Pechino per l’affondamento di una nave vietnamita
    Una imbarcazione vietnamita è colata a picco dopo essersi scontrata con navi cinesi, in un’area poco distante la piattaforma della discordia. Per il Vietnam la nave è stata “speronata” e lancia accuse di “tentato omicidio”. La Cina parla di “confronto” fra le due parti e di un soccorso “tempestivo” dei marinai in difficoltà. 


    15/05/2014 VIETNAM - CINA
    Scontri anti-cinesi in Vietnam, 21 vittime e 700 arresti
    Fonti mediche riferiscono che 16 operai cinesi e cinque vietnamiti sono morti durante l’assalto a un impianto siderurgico nel centro del Vietnam. Almeno un centinaio i feriti. I lavoratori cinesi abbandonato il Paese. I governi di Pechino e Hong Kong diramano l’allerta. Oltre 20mila vietnamiti hanno partecipato agli assalti alle fabbriche.

    14/05/2014 VIETNAM - CINA
    Roghi e assalti: in Vietnam deriva violenta delle proteste contro l’imperialismo cinese nei mari
    Nel sud del Paese incendiate 15 fabbriche straniere e assaltato un complesso industriale. Almeno 20mila manifestanti hanno preso d’assalto gli stabilimenti, credendoli di proprietà cinese. I cattolici di Hanoi e Ho Chi Minh City, in risposta ai vescovi, organizzano messe e preghiere. Analisti condannano l’atteggiamento di Pechino: nel lungo periodo “pagherà le conseguenze”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®