16/12/2010, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Mentawai, Chiesa e associazioni cattoliche per i profughi abbandonati dal governo

di Mathias Hariyadi
Governo e organizzazioni straniere hanno lasciato i profughi al loro destino poche settimane dopo lo tsunami avvenuto lo scorso 26 ottobre, per costi troppo alti e difficoltà di trasporto. Nove volontari della Caritas di Padang di altre associazioni diocesani sfidano le onde alte fino a tre metri per portare aiuto alle centinaia di famiglie bloccate da due mesi nelle isole di Sikakap e Sipora.

Jakarta (AsiaNews) – A quasi due mesi dal devastante tsunami delle Mentawai avvenuto il 26 ottobre scorso e costato la vita oltre 500 persone, continua il lavoro di Caritas e associazioni cattoliche indonesiane, uniche rimaste a dare sostegno alla popolazione. Organizzazioni nazionali e straniere hanno preferito lasciare il campo poche settimane dopo la tragedia, per le difficoltà a raggiungere i superstiti e gli alti costi di mantenimento delle missioni. L’arcipelago dista 10 ore di navigazione da Padang ed è colpito da continue tempeste che rendono spesso impossibile la navigazione.  

Irene Setiadi, responsabile dell’associazione cattolica Kelompok Bakti Kasih Kemanusiaan (Kbkk),  afferma ad  AsiaNews che “in Indonesia in caso di disastri naturali i gruppi umanitari nazionali e stranieri rispondono subito alle emergenze, ma dopo qualche settimana abbandonano il sito”. “La Kbkk e le altre associazioni si inseriscono ora aiutando i superstiti in quelle aree periferiche impossibili da raggiungere per i normali soccorsi”. La Setiadi sottolinea che prima di andare in soccorso delle vittime, l’organizzazione cerca di mettersi in contatto con i leader locali per comprendere la situazione e verificare le aree non coperte dai normali aiuti di Stato e comunità internazionale.  Nel caso delle Mentawai, il Kbkk e altre associazioni diocesane hanno inviato nove volontari nelle isole di Sikakap e Sipora le più colpite dalla tragedia e inaccessibili per i soccorsi.   

La Setiadi conferma che la maggior parte dei superstiti dello tsunami sono costretti a rimanere nei loro rifugi temporanei senza alcuna scadenza precisa dovuta alla lentezza del governo. 

“Il nostro principale obiettivo – continua – è portare aiuto a chiunque abbia bisogno, soprattutto le vittime dimenticate. Lo Spirito Santo ci ha guidato verso l’isola di Sipora dove abbiamo iniziato a portare l’amore di Dio e la compassione della Chiesa alle vittime dello tsunami”.

 P. Christo Yohan, missionario francescano tra i coordinatori della missione racconta che il gruppo ha dovuto sfidare onde alte tre metri e tempeste oceaniche per raggiungere l’isola, dove vi sono circa 66 famiglie rifugiate in ripari di emergenza e 143 ancora senza tetto.  “Gli abitanti – afferma il sacerdote –  ci hanno chiesto  con urgenza  un gruppo elettrogeno, bidoni per grandi depositi di acqua pulita e servizi sanitari".

Il missionario sottolinea l’inerzia del governo, che a tutt’oggi non ha fatto nulla per questa gente, nonostante le promesse fatte all’indomani dello tsunami. “Una promessa è una promessa – dice – ma in realtà qui non hanno ancora iniziato a costruire il centro di accoglienza temporaneo che doveva essere pronto prima di Natale”. 

Per essere vicini alla popolazione, in maggioranza di religione cristiana, i volontari hanno celebrato una messa sotto un riparo temporaneo. "Ciò che ci ha fatto impressione – continua p. Yohan – è vedere decine di ragazzi che non avrebbero mai più incontrato i genitori perché morti o dispersi”.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Uno tsunami colpisce le isole al largo di Sumatra. 108 morti e 502 dispersi
26/10/2010
Giappone, in missione fra paura e speranza
22/03/2011
I cattolici del Nepal pregano per le vittime dello Tsunami
15/03/2011
Caritas Corea: “Il passato non conta, faremo di tutto per il Giappone”
15/03/2011
Sendai, i cattolici danno l’ultimo saluto a p. Lachapelle e alle vittime dello tsunami
15/03/2011