18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 09/11/2016, 08.44

    ASIA-USA

    Mercati asiatici scioccati da una vittoria di Donald Trump

    Paul Wang

    Tutte le borse sono in discesa, con Mumbai che perde fino al 6%. Sale il valore dell’oro come bene di rifugio. Le futures del Dow Jones perdono il 4%. Sorprese a Shenzhen. Trump dichiarato 45mo presidente degli Stati Uniti.

    Hong Kong (AsiaNews) – Le borse asiatiche sono in caduta fino al 6% mentre emerge la possibilità che il candidato repubblicano Donald Trump possa diventare il nuovo presidente degli Stati Uniti.

    Tutti i maggiori mercati della regione sono in discesa, con un chiaro muoversi dei capitali verso beni di rifugio come l’oro o lo yen. Il valore dell’oro è salito a 1.337,38 dollari l'oncia contro 1.268,30 all’inizio del mattino.

    Il Nikkei del Giappone è sceso del 5,2%; l’Hang Seng di Hong Kong del 3,8; la borsa di Shanghai dell’1,6. In Australia il mercato ha perso il 2,1 e Seoul è scesa del 3,1. In India Mumbai ha perso il 6%, anche per la campagna del premier Modi contro la corruzione

    Durante la campagna elettorale Donald Trump ha sottolineato che avrebbe protetto l’economia americana e questo è visto come negativo dalle economie asiatiche che si basano sull’export verso gli Usa. La Clinton era invece vista come “un diavolo che si conosce già”.

    Da notare anche la discesa del prezzo del petrolio. Il West Texas Intermediate (WTI) ha perso 1,56 dollari a 43,42 dollari. Il Brent ha perso 1,41 dollari, a 44,63 dollari.

    Le futures del Dow Jones sono proiettate a perdere il 4% all’apertura del mercato di New York.

    Una curiosità: le azioni di una compagnia di Shenzhen (Cina) ha guadagnato il 5% questa mattina. Il suo nome in cinese, Chuan Da Zhi Sheng, significa più o meno “Trump forse vincerà”.

    Prima della fine del conteggio, ma già con i numeri dalla sua, Trump è divenuto il 45mo presidente degli Stati Uniti. Trump, senza nessuna preparazione alla politica, ha corso una campagna piena di slogan nazionalisti, con pesanti colpi contro l’immigrazione e le regole del mercato internazionale. Hillary Clinton ha puntato sull’essere la possibile prima presidente Usa al femminile, esibendo le sue capacità mostrate come segretario di Stato nel primo mandato di Barack Obama. Ma proprio questa sua “esperienza” ha dato l’impressione all’elettorato di essere parte di un “sistema politico” lontano dalle preoccupazioni di tutti i giorni della gente.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/10/2016 12:45:00 ASIA-USA
    Come gli asiatici guardano il dibattito Trump-Clinton

    Il dibattito presidenziale di ieri ha trattato temi asiatici solo ai margini affossandosi su temi domestici e su un basso livello dei temi (soprattutto sessuali). Giapponesi più favorevoli alla Clinton. Coreani indecisi. Singapore preoccupata della mancanza di posizione sulle questioni del mar Cinese meridionale. La Cina rimane ufficialmente neutrale. Immigrati cinesi favorevoli a Trump. Gli indiani sostengono la Clinton.



    26/09/2016 12:23:00 ASIA – STATI UNITI
    Le presidenziali americane, una “sfida imprescindibile” per l’Asia dell’Est

    Pechino, Seoul e Tokyo seguiranno con molta attenzione il primo dibattito fra i candidati alle elezioni americane. La Clinton e Trump hanno posizioni diverse che, in misura diversa, convincono i vari Stati asiatici. Il rapporto bilaterale Usa-Cina non è in discussione, vista l’interdipendenza commerciale: resta da capire come sarà la convivenza. Il rapporto con l’islam e il terrorismo islamico, incognita di peso.

     

     

     



    10/11/2016 10:48:00 GIAPPONE-USA
    La vittoria di Trump, una rivolta contro il sistema. L’alleanza con Shinzo Abe

    Trump ha vinto perché ha ascoltato il risentimento della popolazione verso il Partito democratico, che è divenuto molto intimo con il grande business di Wall Street. Il disprezzo verso tutti gli americani che la pensano diversamente dal modo liberal (aborto, matrimonio, immigrazione). La spinta di Trump verso una maggiore militarizzazione del Giappone. L’analisi del voto da parte di un missionario Pime statunitense, da anni in Giappone.



    09/11/2016 14:24:00 ASIA - M. ORIENTE - USA
    I saluti e i timori dell'Asia per la vittoria del presidente Donald Trump

    Prime reazioni sul 45mo presidente degli Stati Uniti. L'amicizia fra Trump e Putin. Turchia, Egitto e Arabia Saudita vogliono rilanciare i vecchi legami. Timori da Teheran per l’accordo nucleare. In Cina si discute delle “incertezze” che emergono dopo il voto. Putin apre a nuove relazioni. Dal card. Parolin l’invito a lavorare per la pace in una “situazione mondiale di grave lacerazione”. 

     



    07/11/2016 14:43:00 ASIA - M. ORIENTE - USA
    L'Asia con disincanto davanti alle presidenziali Usa

    In gioco rapporti economici, alleanze militari e interessi strategici. La Clinton vista come naturale prosecuzione delle politiche di Obama. Trump è giudicato un candidato “imprevedibile”, che però piace a Cina e Corea del Nord. Secondo un sondaggio in Medio oriente la metà degli interpellati non voterebbe alcun candidato. Ma le scelte di Washington continueranno a condizionare la regione. 

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®