18/05/2018, 12.44
VATICANO-ISLAM
Invia ad un amico

Messaggio per Ramadan, cristiani e musulmani dalla competizione alla collaborazione

“La rivalità interreligiosa ha segnato negativamente l’immagine delle religioni e dei loro seguaci, alimentando l’idea che esse non siano fonti di pace. Per prevenire e superare queste conseguenze negative, è importante che noi cristiani e musulmani, pur riconoscendo le nostre differenze, ci rammentiamo di quei valori religiosi e morali che condividiamo”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Cristiani e musulmani: dalla competizione alla collaborazione” è il titolo del messaggio che il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso ha inviato ai Musulmani del mondo in occasione del mese del Ramadan – iniziato quest’anno intorno al 16 maggio – e per la festa di ‘Id al-Fitr 1439 H. / 2018 A.D., che cade verso il 15 giugno.

Nel documento, a firma del presidente del dicastero, card. Jean-Louis Tauran e del segretario, mons. Miguel Ángel Ayuso Guixot, M.C.C.J.,  si legge che “le riflessioni che vorremmo condividere con voi in quest’occasione riguardano un aspetto vitale delle relazioni fra cristiani e musulmani: la necessità di passare dalla competizione alla collaborazione. In passato – prosegue il messaggio - le relazioni fra cristiani e musulmani sono state segnate troppo spesso da uno spirito di competizione, di cui si vedono le conseguenze negative: gelosia, recriminazioni e tensioni. In alcuni casi queste hanno portato a violenti scontri, specialmente quando la religione è stata strumentalizzata, soprattutto a causa di interessi di parte e di moventi politici”.

“Tale rivalità interreligiosa ha segnato negativamente l’immagine delle religioni e dei loro seguaci, alimentando l’idea che esse non siano fonti di pace ma, piuttosto, di tensione e violenza. Per prevenire e superare queste conseguenze negative, è importante che noi cristiani e musulmani, pur riconoscendo le nostre differenze, ci rammentiamo di quei valori religiosi e morali che condividiamo. Riconoscendo ciò che abbiamo in comune e manifestando rispetto per le nostre legittime differenze, noi possiamo stabilire con ancor più fermezza un solido fondamento per relazioni pacifiche, passando dalla competizione e dallo scontro ad una cooperazione efficace per il bene comune. Ciò è a vantaggio, particolarmente, dei più bisognosi e permette a tutti noi di offrire una testimonianza credibile dell’amore dell’Onnipotente per l’umanità intera”.

“Noi tutti abbiamo il diritto e il dovere di rendere testimonianza all’Onnipotente al Quale rendiamo culto, di condividere le nostre credenze con gli altri, nel rispetto per la loro religione ed i loro sentimenti religiosi. Per poter incoraggiare relazioni pacifiche e fraterne, lavoriamo insieme ed onoriamoci scambievolmente. In questa maniera daremo gloria all’Onnipotente e promuoveremo l’armonia nella società che è sempre più multietnica, multireligiosa e multiculturale”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Santa Sede e islam difendano i diritti dei bambini
05/11/2004
Hanoi e Mosca: cooperazione bilaterale, in chiave anti-cinese
14/11/2013
Leader nazionalista del Gujarat lancia la cooperazione con la Cina
02/11/2006
Bambini cristiani e musulmani celebrano insieme l'Eid ed il Natale
14/01/2006
Thailandia, contro le violenze la Chiesa promuove il dialogo tra musulmani e buddisti
08/11/2005